La settimana del fisco dal 4 all’8.11.2019

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Primo Piano, Senza categoria, Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana con nuovi chiarimenti su fatturazione elettronica e comensi ai dirigenti del Terzo Settore

Enti Terzo settore: compenso agli amministratori

Una società sportiva dilettantistica che intende conferire dei compensi al suo amministratore con funzioni dirigenziali, fino all’operatività del Registro unico nazionale del Terzo settore dovrà seguire le vecchie regole indicate nell’articolo 10 del Dlgs n. 460/1997 che prevede un limite alla corresponsione dei compensi. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella Risposta all’Interpello del 30 ottobre 2019 n. 452.

Fatturazione elettronica: nuove risposte dell’Agenzia

L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulla fatturazione elettronica in due recenti interpelli (436 e 437 del 28 ottobre 2019). Ecco le risposte fornite:

  • Nel caso in cui, successivamente all’emissione della fattura, si verifichi una riduzione dell’imponibile, a seguito dell’accertamento di una prestazione di valore inferiore a quella contrattualmente prevista, il cedente/prestatore deve versare l’IVA per gli importi effettivamente pagati e non per quelli indicati in fattura. 
  • nel caso di decurtazione del pagamento per l’applicazione di penalità a carico del fornitore, l’IVA va calcolata al lordo della penalità.
  • l’omissione in fattura di elementi che non pregiudicano la validità fiscale (come per esempio CIG errato o mancante) può essere sanata mediante l’invio di un nuovo documento utile ad integrare i dati ;
  • il meccanismo della scissione dei pagamenti non fa venir meno in capo al cedente/prestatore la qualifica di debitore dell’IVA in relazione all’operazione effettuata nei confronti della pubblica amministrazione. Quindi, la responsabilità in merito alla corretta aliquota IVA da applicare resta in capo al cedente/prestatore.
  • l’indicazione contenuta nella circolare n. 14/E del 2019, secondo cui è “possibile indicare una sola data, ossia, per le fatture elettroniche via SdI, quella dell’ultima operazione”, rappresenta solo una “possibilità” e non un obbligo edè comunque possibile indicare nel documento anche la data di fine mese.

Lotteria degli scontrini: pubblicato il provvedimento

Definite le istruzioni per l’invio dei dati degli scontrini che parteciperanno alla lotteria da parte degli operatori che, dal 1° gennaio 2020, comunicheranno i corrispettivi tramite i nuovi registratori telematici o la procedura web delle Entrate. Con un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 31 ottobre sono state indicate le modalità tecniche per la trasmissione delle informazioni contenute sugli scontrini e specificate le caratteristiche del file generato dal registratore telematico.

Diritto di abitazione: per la convivenza basta l’autocertificazione

Possibile continuare a vivere nella casa del compagno defunto anche in mancanza di disposizioni testamentarie. A fornire questa indicazione è stata l’Agenzia delle Entrate nella Risposta all’interpello 436 del 4 novembre 2019.

Risoluzione mutuo consenso compravendita immobili: attenzione alla tassazione

Qual è la corretta tassazione, ai fini dell’imposta di registro, da applicare all’atto di risoluzione per ‘mutuo consenso’ della compravendita immobiliare? Il dubbio è stato risolto dall’Agenzia delle Entrate con la Risposta all’interpello 439 del 28 ottobre 2019 che ha chiarito che ai fini fiscali, occorre distinguere 

  • l’ipotesi di clausola risolutiva espressa, contestuale al contratto originario o entro il secondo giorno dalla stipula del contratto: imposta fissa (proporzionale solo in determinati casi),
  • dall’ipotesi in cui le parti, mediante autonoma espressione negoziale, optino per la risoluzione del medesimo contratto originario (tassazione proporzionale).

Decreto Crisi e Riders convertito in legge

E’ stata  pubblicata in Gazzetta Ufficiale  la conversione in legge del cd decreto Riders  ovvero il decreto 101 2019 di tutela del lavoro. Il Governo ha presentato un maxiemendamento che ha sostituito buona parte del testo. Per i riders possibilità di lavoro autonomo tutelato. Nuove specificazioni e maggiori tutele sulle co.co.co.

 Lavoro dipendente frontaliere: ecco cosa deve fare il sostituto

Se un lavoratore frontaliere è residente in Francia ma lavora a Ventimiglia, è corretta l’applicazione delle ritenute IRPEF da parte del datore di lavoro italiano nella veste di sostituto d’imposta? La risposta al quesito è stata fornita dall’Agenzia delle Entrate nella Risposta all’interpello 433 del 28 ottobre 2019.

Reddito cittadinanza: i lavori di pubblica utilità

Il lavoro socialmente utile per chi riceve il reddito di cittadinanza diventa finalmente operativo, dopo più di un anno dalla legge istitutiva. Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha firmato il Decreto ministeriale che definisce le regole per l’attivazione dei lavori di pubblica utilità (definiti “PUC” Progetti Utili alla Comunità) che i beneficiari di Reddito di cittadinanza dovranno effettuare presso il Comune di residenza.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *