La settimana del fisco dal 3 al 7 aprile 2017

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, Ben ritrovati!  tra le  principali notizie fiscali della settimana troviamo  la completa guida alla Dichiarazione 730 2017.
L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una maxi circolare-guida, di 324 pagine, con tutte le informazioni sulla dichiarazione  730/2017: sconti fiscali, detrazioni, deduzioni, crediti d’imposta, ritenute, documenti da presentare e da conservare. Uno dei primi argomenti affrontati è il rilascio del visto di conformità, in quanto in caso di infedeltà il professionista abilitato, il Responsabile dell’Assistenza Fiscale (RAF) e, in solido con quest’ultimo, il Centro di Assistenza Fiscale (CAF) sono tenuti al pagamento di un importo corrispondente alla somma dell’imposta, degli interessi e della sanzione che sarebbe stata richiesta al contribuente in caso di controlli ai sensi dell’art. 36-ter del DPR 600/73.

Precompilata 730/2017: le date entro cui modificarla
Dal 18 aprile 2017 il contribuente e i soggetti delegati potranno visualizzare la dichiarazione dei redditi e il modello 730 precompilato potrà essere modificato e inviato dal 2 maggio al 24 luglio.  In generale, la mole di dati che ha viaggiato nei server dell’Agenzia, arriva quest’anno a quota 900 milioni di informazioni (200 milioni in più rispetto all’anno precedente) di cui quasi 700 milioni riguardano le spese sanitarie.

Regime fiscale per i lavoratori “impatriati”: come esercitare l’opzione
I lavoratori dipendenti, rientrati in Italia entro il 31 dicembre 2015, che vogliono accedere al regime fiscale speciale dell’IRPEF hanno tempo fino al 2 maggio 2017 per esercitare l’opzione. Si ricorda che la misura agevolativa prevede una riduzione della base imponibile delle imposte sui redditi pari:

¨        al 30% per l’anno di imposta 2016,

¨        al 50% a partire dal periodo di imposta 2017 e per i tre successivi.

Il regime è disciplinato nel Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 31 marzo 2017.

Bonus strumenti musicali nuovi 2017: ecco come funziona
Con la Circolare 6 del 31 marzo 2017 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i beneficiari del bonus per gli strumenti musicali nuovi, sono gli iscritti ai corsi dei conservatori, agli istituti musicali pareggiati, ai licei musicali e coreutici e alle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica.  Per fruire del contributo, gli studenti devono essere in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi dovuti per l’iscrizione all’anno 2016-2017 o all’anno 2017-2018. Per il 2017 il tetto massimo di sconto è pari a 2.500, e può coprire fino al 65% del prezzo finale dello strumento, comprensivo di Iva.

Studi di settore 2016: ok ai correttivi anticrisi. Gerico 2017 già disponibile
Con un comunicato stampa l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la Commissione degli esperti ha verificato la validità dei correttivi anticrisi legati agli studi di settore. I correttivi riconducibili alla situazione di crisi economica del 2016 si suddividono in cinque categorie:

¨        correttivi congiunturali di settore

¨        correttivi congiunturali territoriali

¨        correttivi congiunturali individuali

¨        interventi relativi all’analisi di normalità economica

¨        interventi relativi all’analisi di coerenza economica

Inoltre l’Agenzia ha annunciato che i software “Gerico 2017” e “Parametri 2017” sono già pronti nella versione definitiva.

Cartelle di pagamento 2017: interessi di mora al 3.5%
Dal 15 maggio 2017 gli interessi di mora relativi alle somme versate in ritardo, a seguito della notifica di una cartella di pagamento, saranno pari al 3,50%. E’ questo quanto stabilito dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 4 aprile 2017.

Cinque per mille 2017: la Circolare dell’Agenzia delle Entrate
Semplificazioni per gli enti destinatari del 5 per mille dell’IRPEF in quanto per coloro che sono regolarmente iscritti nell’esercizio precedente e sono in possesso dei requisiti di accesso, è stato eliminato l’obbligo di riproporre la domanda di iscrizione al riparto e la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. L’Agenzia delle Entrate con la Circolare 5del 31 marzo 2017  e con il comunicato stampa del 4 aprile 2017, ha fatto il punto di tutte le novità e di tutte le scadenze utili.

Tabacchi, ricariche, gratta e vinci: chiarimenti su invio dei corrispettivi
L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulle tipologie di cessioni escluse dagli obblighi di memorizzazione e invio telematico dei dati dei corrispettivi, per i distributori automatici di tabacchi, carte telefoniche, biglietti delle lotterie istantanee con la risoluzione del 5 aprile 2017 n. 44/E. In particolare, sono escluse dagli obblighi di memorizzazione e invio telematico dei dati dei corrispettivi, le operazioni proprie del regime Iva “monofase”, nelle quali c’è un solo soggetto debitore d’imposta (il primo cedente), mentre le ulteriori cessioni risultano escluse dal campo di applicazione dell’Iva.

Concludiamo con l’ordinanza della Corte di Cassazione che ha chiarito che se il contribuente rinuncia al ricorso per aver aderito alla rottamazione dei ruoli, può essere condannato al pagamento delle spese di lite in considerazione della sua soccombenza virtuale nel processo in assenza della definizione agevolata del ruolo stesso(8377 depositata il 31 marzo 2017).

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *