Derivati in bilancio

La settimana del fisco dal 26 al 30 marzo 2018

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, buongiorno e ben ritrovati! Ecco le principali notizie fiscali della settimana:

Premi di risultato e welfare aziendale: la circolare delle Entrate
Pubblicata dall’Agenzia delle Entrate la Circolare 5/e 2018 del 29 marzo con chiarimenti su premi di risultato e welfare aziendale. Ecco le principali indicazioni:

¨       Nessuna sanzione alle aziende che, per consentire al dipendente di applicare in dichiarazione dei redditi l’imposta sostitutiva del 10% sui premi di risultato ricevuti, inviano tardivamente all’Agenzia una nuova CU nei casi di verifica del raggiungimento dell’obbiettivo successivo al conguaglio delle ritenute.

¨       Il limite dell’importo che può essere soggetto ad imposta sostitutiva è riferito al singolo periodo d’imposta.

¨       Il nuovo regime si applica ai premi erogati nel 2017 anche se maturati in anni precedenti

¨       Il lavoratore può fruire del premio/welfare aziendale  anche nella forma dell’utilizzo dell’auto aziendale, di prestiti concessi da parte del datore di lavoro e della fruizione dell’alloggio.

Pagamenti della PA: chiarimenti sul limite dei 5.000 euro per i controlli
Sono molti i chiarimenti forniti dalla Ragioneria Generale dello Stato con la Circolare 13/2018 sui controlli preventivi che la Pubblica amministrazione effettua prima di procedere al pagamento di importi superiori a 5.000 euro. Uno dei principali è il fatto che il limite di 5.000 euro ai fini del pagamento del fornitore con split payment va conteggiato senza IVA.

Enasarco: versamento Firr 2017 con bollettino Mav possibile entro il 3 aprile
La Fondazione Enasarco con un comunicato ricorda la scadenza del pagamento del Firr (fondo indennità risoluzione del rapporto) da parte delle ditte preponenti, precisando che il termine ultimo è il 31 marzo, anticipato al 26 per le ditte che utilizzano l’addebito bancario Sepa, al fine di non incorrere in sanzioni. Se il pagamento viene effettuato con il bollettino Mav, sarà possibile effettuare il versamento entro martedì 3 aprile 2018, dal momento che il 31 marzo è sabato e i primi due giorni di aprile sono festivi.

Privacy 2018: chiarimenti del Garante
Forniti chiarimenti dal Garante della privacy sul responsabile della protezione dei dati personali (RPD o DPO-Data protector officer) nelle FAQ pubblicate il 26 marzo 2018. In particolare:

¨        l’RPD è un soggetto designato dal titolare/responsabile del trattamento per “assolvere a funzioni di supporto e controllo, consultive, formative e informative relativamente all’applicazione del Regolamento medesimo”.

¨        Nello svolgimento dei propri compiti, deve poter disporre di risorse personali, locali, attrezzature ecc necessarie per l’espletamento dei propri compiti

¨        non sono richieste specifiche attestazioni o l’iscrizione in appositi albi, essendo sufficiente che tale soggetto abbia un’approfondita conoscenza della normativa in materia di privacy.

¨       Il ruolo di responsabile della protezione dei dati personali può essere ricoperto da un dipendente del titolare o del responsabile (non in conflitto di interessi) o da un soggetto esterno, nominati mediante specifici atti di designazione.

Sempre in tema privacy, il Garante ha pubblicato il 27 marzo 2018 una guida aggiornata all’applicazione del regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali. Il maggior cambiamento riguarda l’accountability o “responsabilizzazione” di titolari e responsabili. Si tratta di una grande novità per la protezione dei dati in quanto viene affidato ai titolari il compito di decidere autonomamente le modalità, le garanzie e i limiti del trattamento dei dati personali.

Rottamazione cartelle bis: dal  31 marzo le comunicazioni
Il decreto fiscale collegato alla Legge di Stabilità 2018 (DL 148/2017) stabilisce che rientrano nell’ambito applicativo della “rottamazione” i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017. La legge prevede che dal  31 marzo 2018 Agenzia delle entrate-Riscossione  invierà  al contribuente tramite posta ordinaria una comunicazione in cui sono indicati i carichi dell’anno 2017 affidati dagli Enti creditori entro il 30 settembre scorso, per i quali non risulta ancora notificata la relativa cartella/avviso.

Agevolazioni fiscali per ricercatori e docenti: guida delle Entrate
I docenti e i ricercatori che decidono di trasferire la propria residenza fiscale in Italia possono godere di una tassazione ridotta dei redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo prodotti in Italia per lo svolgimento dell’attività di docenza e ricerca in quanto tali redditi
¨        concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 10%

¨        sono esclusi dal valore della produzione netta ai fini dell’Irap.

Chiarimenti sulle agevolazioni fiscali sul capitale umano sono stati forniti dall’Agenzia delle Entrate nella guida fiscale resa disponibile dal 22 marzo 2018.

Commercialisti: incompatibilità con la carica di dipendente pubblico
Divieto di cumulo con l’esercizio professionale per il dipendente pubblico. La causa di incompatibilità è riconosciuta dal CNDCEC con il Pronto ordini n. 32/2018. Il Consiglio nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha chiarito che l’ordinamento professionale non consente l’iscrizione nell’albo ai soggetti ai quali secondo gli ordinamenti loro applicabili, è vietato l’esercizio della libera professionale, come per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche.

Passando alla recente giurisprudenza segnaliamo   quest’ordinanza della Cassazione dove è stato chiarito che non si perde il diritto al credito IVA se si è in possesso dei requisiti anche in caso di ritardata/omessa presentazione della dichiarazione se la spettanza del credito non viene contestata e la pretesa del Fisco si incentra sulla solo circostanza formale di omessa presentazione della dichiarazione annuale (Ordinanza 6488 del 16 marzo 2018).

Concludiamo informando che è stata pubblicata dall’Organismo Italiano di Contabilità la versione aggiornata del principio contabile n.11 – Finalità e postulati del bilancio di esercizio. Il documento prevede una doppia decorrenza in quanto si applica ai bilanci con esercizio avente inizio a partire dal 1° gennaio 2018, tranne i paragrafi relativi alla “Prospettiva della continuità aziendale” che si applicano dal 1° gennaio 2017.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *