prescrizione cartelle di pagamento

La settimana del fisco dal 25 al 29 marzo 2019

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana, ricordando innanzitutto le scadenze della Certificazione Unica e CUPE.

Consegna Certificazione Unica entro il 1.4.2019

Entro il 1°aprile 2019 i sostituti d’imposta devono provvedere alla consegna diretta, o tramite invio postale, della Certificazione unica (Cu 2019), contenente i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e alle certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi corrisposti nel 2018.
Si ricorda che sono tenuti all’invio della certificazione unica coloro che nel 2018:

  • hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte oppure
  • hanno l’obbligo di certificare ai lavoratori i contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’INPS / INPS Gestione Dipendenti Pubblici nonché i premi assicurativi dovuti all’INAIL.
  • La CU 2019 deve essere inoltre presentata anche da coloro che sono assoggettati alla contribuzione dovuta all’INPS (ad esempio le aziende straniere che occupano lavoratori italiani all’estero assicurati in Italia).

Attenzione: le certificazioni uniche contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione dei redditi precompilata possono essere trasmesse entro il 31.10.2019 (termine di presentazione del Mod. 770).

Scadenza consegna CUPE

I soggetti che nel corso del 2018 hanno corrisposto utili o proventi ad essi equiparati, devono rilasciare ai soggetti percettori di tali somme apposita certificazione, utilizzando il nuovo modello CUPE . Si ricorda che i dati devono essere riportati nel mod. 770 da presentare entro il 31 ottobre 2018 negli appositi quadri SI e SK.

Va ricordato che agli utili realizzati nel 2017, distribuiti nel 2018, va applicata la nuova percentuale recentemente aumentata dal 49,72% al 58,14% di concorrenza al reddito degli utili derivanti da partecipazioni detenute da persone fisiche/società di persone in società/enti soggetti IRES. Si tratta sia di :

  • partecipazioni qualificate, non detenute nell’esercizio d’impresa
  • che di partecipazioni qualificate e non, detenute nell’esercizio d’impresa.

Esterometro anche per operazioni verso piccole imprese non soggetti passivi 

Nessuna esclusione dall’esterometro per le operazioni effettuate con piccole imprese non soggetti passivi nel loro Stato. A fornire questo chiarimento, con buona pace degli operatori, è la stessa Agenzia delle Entrate con la Risposta 85 del 27 marzo 2019

Enti non commerciali e condomini: possibile consultare le fatture elettroniche 

Gli Enti non commerciali (ONLUS, etc.) e i Condomini, non in possesso di Partita IVA, possono consultare, tramite i propri rappresentanti incaricati in possesso di credenziali Entratel / Fisconline rilasciate da Agenzia delle Entrate o di identità digitale Spid o CNS, le fatture elettroniche relative ai loro acquisti pervenute al Sistema di Interscambio da parte dei loro fornitori. L’ Agenzia delle Entrate ha anche chiarito che il servizio di consultazione è disponibile accedendo all’area riservata del “sito di assistenza Entratel” e del “sito di assistenza Fisconline”.

Reddito Cittadinanza e Quota 100: legge approvata

Approvata definitivamente la conversione in legge del cd. Decretone. Numerose le modifiche apportate al Reddito di cittadinanza, a Quota 100 e al riscatto degli anni di laurea.  

Perdite e imposte estere in caso di accertamento: le Entrate chiariscono

L’Agenzia delle Entrate nella circolare 4/2019 ha fornito chiarimenti in merito allo scomputo delle perdite pregresse in caso di accertamento e all’eventuale ricalcolo delle imposte pagate all’estero. In particolare il breve documento di prassi tratta le seguenti due casistiche:

  • la possibilità di scomputo delle perdite pregresse ad integrale abbattimento del maggior imponibile accertato, anziché nel limite dell’80% ordinariamente previsto.
  • la possibilità di ricalcolo del credito per le imposte pagate all’estero di cui all’articolo 165 del TUIR, ai fini della sua detrazione dalla maggiore imposta dovuta in sede di accertamento. 

FATCA e CRS: invio dati finanziari entro il 20 giugno 2019

Gli operatori finanziari interessati dagli accordi FATCA e CRS/DAC2 potranno inviare all’Agenzia delle Entrate le comunicazioni relative al 2018 entro:

  • il 20 giugno per il FATCA. Si ricorda che il FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) è un accordo sottoscritto da Italia e Stati Uniti che prevede lo scambio di informazioni finanziarie per contrastare l’evasione fiscale internazionale, in particolare quella relativa a cittadini e residenti statunitensi attraverso conti correnti detenuti presso le istituzioni finanziarie italiane e quella relativa a residenti italiani tramite conti correnti presso le istituzioni finanziarie statunitensi.
  • il 20 giugno per CRS/DAC2. Si ricorda che sia il CRS (Common Reporting Standard) sia la Direttiva 2014/107/UE del Consiglio (DAC2) rientrano nell’ambito degli accordi per lo scambio automatico internazionale delle informazioni finanziarie, questa volta però con i Paesi Ocse e dell’Unione Europea.
    Lo hanno stabilito due Provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate del 26 marzo 2019.

Allevamento animali 2018 2019: l’elenco degli animali ammessi 

Come reso noto dal comunicato stampa pubblicato sul sito del Dipartimento delle Finanze, è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale il decreto 15 marzo 2019 concernente “Determinazione del reddito derivante dall’allevamento di animali per il biennio 2018 – 2019”. Il nuovo decreto, che riguarda il biennio 2018 – 2019, ha aggiunto:

  • le tartarughe
  • i camelidi (Alpaca, Lama e Guanaco)

alle categorie di animali il cui allevamento, nei limiti previsti, dà luogo a reddito agrario. 

Doppie imposizioni: il nuovo accordo Italia-Cina

Con un comunicato stampa il MEF ha comunicato che il ministro dell’Economia e delle Finanze ha firmato il nuovo accordo tra Italia e Cina per eliminare le doppie imposizioni fiscali. Il nuovo testo prevede modifiche:

  • in materia di dividendi,
  • in materia di interessi,
  • in materia di royalties,
  • in materia di capital gains. 

5 per mille 2017: online gli elenchi degli ammessi e degli esclusi

Con un comunicato stampa l’Agenzia delle Entrate ha annunciato di aver pubblicato gli elenchi per la destinazione del 5 per mille 2017 con i dati relativi alle preferenze espresse dai contribuenti nella propria dichiarazione dei redditi. AIRC , Emergency e Medici senza Frontiere le più scelte.

Passando alla recente giurisprudenza segnaliamo l’Ordinanza 7966 del 21 marzo 2019 in cui la Cassazione ha chiarito che l’agevolazione fiscale “prima casa” non è revocabile se l’immobile è venduto, prima dei cinque anni, ma in esecuzione dell’accordo di separazione personale tra i coniugi.

Concludiamo informando che è stato pubblicato pochi giorni fa dal Consiglio Nazionale del Notariato un decalogo con le novità introdotte dal Codice per la Crisi d’impresa per l’acquisto di immobili in costruzione. Attenzione va prestata al fatto che le nuove norme sono in vigore dal 16 marzo 2019. 


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *