La settimana del fisco dal 24 al 28 Marzo 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana.

 Il D.L. n. 4 del 28.01.2014 è stato convertito in legge, legge che ora è in attesa di essere pubblicata sulla Gazzetta ufficiale. C’è però un colpo di scena: viene soppressa la “voluntary disclosure”, la procedura di collaborazione volontaria finalizzata a consentire l’emersione di capitali e investimenti non dichiarati detenuti all’estero ed il loro eventuale rientro in Italia.

Viene, invece, confermata la norma interpretativa g che prevede l’applicabilità della tassa di concessione governativa ai contratti di abbonamento per la telefonia cellulare, così come lo stop all’annunciato taglio delle detrazioni Irpef del 19%, percentuale che sarebbe dovuta scendere al 18% quest’anno e al 17% a decorrere dal 2015. La razionalizzazione delle detrazioni resta affidata ai provvedimenti attuativi della Legge Delega fiscale.

E’ stato poi eliminato l’obbligo dichiarativo (modulo RW) per i depositi ed i conti bancari costituiti all’estero, che, complessivamente nel periodo d’imposta, non superano i 10mila euro, facendo quindi un passo indietro nel tempo.

Per le popolazioni colpite di recente da eventi alluvionali, viene prevista la sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari e contributivi in scadenza tra il 17 gennaio e il 31 ottobre 2014 e la possibilità di richiedere alle banche la sospensione delle rate di mutuo fino al 31 dicembre 2014, per intero o anche della sola quota capitale, previa presentazione di un’autocertificazione del danno subito.

La sanatoria delle cartelle esattoriali avrà un’ulteriore proroga di 2 mesi, quindi fino al 31 maggio 2014, ma solo per i destinatari di ingiunzioni fiscali. E’ quanto previsto dall’emendamento approvato  dalla Commissione Bilancio del Senato n, che ora passa all’esame della Camera. La riscossione dei carichi slitta anch’essa di due mesi, in particolare dal 15 aprile al 15 giugno 2014.

Per accelerare l’erogazione dei rimborsi , l’Agenzia delle Entrate sta richiedendo alle società beneficiarie di comunicare il proprio Iban per poter accreditare le somme direttamente sul conto corrente bancario dell’azienda. I destinatari riceveranno la richiesta delle coordinate via Posta elettronica certificata (Pec). Il codice Iban va comunicato utilizzando i servizi online dell’Agenzia delle Entrate o di persona presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia.

È stato reso disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il software “Domanda 5 per mille 2014”, per la compilazione e la predisposizione del tracciato telematico della domanda per l’ammissione alla riparto del 5 per mille per l’esercizio finanziario 2014. Le domande devono essere presentate dagli enti interessati entro il 7 maggio, sulla base delle istruzioni contenute nella Circolare n. 7/E del 20 marzo 2014. La richiesta deve essere presentata anche da chi l’ha già prodotta per gli anni passati.

Dal 26 marzo è attivo il nuovo servizio on line dell’Agenzia delle Entrate che consente ai soggetti già titolari di partita Iva, abilitati a Fisconline o Entratel, di richiedere direttamente in via telematica la propria iscrizione nell’archivio VIES (Vat information exchange system) degli operatori autorizzati a compiere operazioni intracomunitarie. P

Con provvedimento del direttore delle Entrate del 26 marzo 2014, è stato aggiornato il modello IVA TR, utilizzabile per le richieste di rimborso o di utilizzo in compensazione del credito IVA infrannuale da parte di quei contribuenti che chiudono la liquidazione trimestrale con un credito superiore a 2.582,28 euro e posseggono determinati requisiti. L’aggiornamento si rendeva necessario per recepire le novità introdotte nella disciplina Iva. Il nuovo stampato deve essere utilizzato a decorrere dalle richieste di rimborso o di utilizzo in compensazione dell’eccedenza d’imposta relativa ai primi tre mesi del 2014, da presentare entro il prossimo 30 aprile 2014.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, in vista del termine del 31 marzo per l’invio delle domande della “Nuova Sabatini” da parte delle PMI interessate, ha pubblicato una nuova Circolare, la n. 10677 del 26 marzo, contenente precisazioni sui termini per l’erogazione del finanziamento, sul cumulo degli aiuti de minimis, sulle imprese in difficoltà, che sono quelle definite dagli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà. Inoltre, ha aggiornato le Faq precisando che si applica l’imposta di bollo nella misura forfetaria di 16 euro a prescindere dalla dimensione del documento.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *