Liberalizzazioni, in anteprima la bozza del decreto

La settimana del fisco dal 24 al 27 luglio 2018

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,  buongiorno ecco le principali notizie fiscali della settimana: si parte dal Decreto Milleproroghe.

E’ stato approvato nel Consiglio dei Ministri n.11 il decreto-legge” Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”, cd Decreto Milleproroghe. Tra le numerose misure quelle con i riflessi fiscali principali sono:
¨     Cultura: si assicura la necessaria copertura legislativa all’estensione per il 2018 del cosiddetto “bonus cultura” per i diciottenni, prevista dalla legge di bilancio per il 2018;

¨     eventi sismici: Si amplia il termine per la presentazione, da parte dei soggetti destinatari dei procedimenti di recupero degli aiuti di Stato, dei dati relativi all’ammontare dei danni subiti per effetto degli eventi sismici verificatisi nella regione Abruzzo.

Credito di imposta su investimenti pubblicitari 2018: ecco le regole
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2018 il Decreto attuativo del Bonus pubblicità 2018 (DPCM del 16.05.2018 n. 90) contenente le regole e i beneficiari del credito d’imposta, sugli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, inizialmente previsto dal Dl n. 50/2017 e, poi, modificato dal collegato fiscale (legge 172/2017).

 Registrazione atti autorità giudiziaria: codici tributo per versamenti
Versamento delle somme dovute per la registrazione degli atti dell’autorità giudiziaria: rinominati i codici tributi nella Risoluzione 57/E/2018 dell’Agenzia delle Entrate In particolare, per consentire, con un’unica operazione, il versamento di tutte le imposte e tasse liquidate dagli uffici dell’Agenzia delle entrate, mediante il modello F24, si istituisce il seguente codice tributo: “AAGG” denominato “Registrazione atti giudiziari – somme liquidate dall’ufficio.

 Sisma Centro Italia: proroghe e sospensioni versamenti imposte e contributi
Proroga al 16 gennaio 2019 del termine per la riscossione dei tributi a favore dei soggetti diversi dai titolari di reddito d’impresa, di lavoro autonomo e dagli esercenti attività agricole residenti nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria, interessati dagli eventi sismici verificatisi a partire dal 24 agosto 2016, senza applicazione di sanzioni e interessi, e con possibilità di rateizzazione fino a un massimo di 60 rate mensili di pari importo, a decorrere sempre dalla nuova data. Questa una delle proroghe previste dal Decreto Legge del 29 maggio 2018 n. 55, pubblicato in GU del 29.05.2018 n. 123.

 Crediti tributari e concordato: le Entrate chiariscono con la circolare 16/E/18
Pubblicando la circolare 16/E del 2018 l’Agenzia delle entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito al trattamento dei crediti tributari e contributivi in caso di:

¨      concordato preventivo;

¨      accordi di ristrutturazione dei debiti;

¨      crisi da sovraindebitamento.

Numerosi i chiarimenti forniti nel documento di prassi su questi temi.

Ecobonus e sismabonus: nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate
Ulteriori chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulla cessione del credito d’imposta per gli interventi di efficienza energetica e per quelli relativi all’adozione di misure antisismiche. Con la nuova concisa Circolare 17/E di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha fornito risposte ad alcuni dubbi sollevati dagli operatori:

¨     se la ditta che effettua i lavori rientra in un Consorzio o in una Rete di imprese, il bonus per l’intervento di riqualificazione energetica o antisismico può essere ceduto ai soggetti che ne fanno parte, anche se non hanno eseguito i lavori. Il credito può essere “passato” anche direttamente al Consorzio o alla Rete;

¨     il credito può essere ceduto anche al subappaltatore che ha eseguito l’opera per conto del fornitore così come al soggetto che ha fornito i materiali necessari: si tratta infatti di soggetti che presentano un collegamento con il rapporto che ha fatto scattare il diritto alla detrazione;

¨     le indicazioni fornite sui soggetti cessionari e sul numero di cessioni relativamente all’ecobonus, valgono anche per gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche;

¨     il credito può essere ceduto a soggetti privati “collegati” al rapporto che ha dato origine alla detrazione, ma questa circostanza deve essere valutata sia con riferimento alla cessione originaria, sia a quella successiva.

Passando alla recente giurisprudenza segnaliamo la sentenza 19381 del 20 luglio 2018, della Suprema Corte di Cassazione che ha chiarito che è sottoposto a sanzione per invio ritardato della dichiarazione, l’intermediario che non trasmette nei termini il documento a causa di errori bloccanti nel sistema o per malattia di un suo collaboratore che ha inserito i dati.

 



Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *