La settimana del fisco dal 20 al 24 Maggio 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Cari amici e colleghi

salve, facciamo il punto sulle principali novità fiscali della settimana :

Il rinvio della prima rata dell’IMU sull’abitazione principale, pertinenze fabbricati e terreni agricoli ,  firmato dal Presidente della Repubblica e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 117 del 21.05.2013 è entrato in vigore il 22 maggio scorso. A causa della sospensione dell’IMU, è in fase di approvazione un D.p.c.m. che proroga al 10 giugno il termine di presentazione del modello 730/2013 ai CAF o ai professionisti abilitati. La proroga della scadenza accoglierebbe la richiesta lanciata dai Caf, secondo cui la sospensione dell’acconto IMU di giugno per l’abitazione principale avrebbe comportato la necessità di rifare circa 100.000 modelli già presentati. Lo slittamento della scadenza di presentazione del modello trascina con sé, ovviamente, anche le scadenze per gli adempimenti successivi dei Caf e dei professionisti abilitati: la consegna della copia della dichiarazione elaborata e del prospetto di liquidazione al contribuente dovrà essere effettuata entro il 24 giugno; la comunicazione del risultato finale delle dichiarazioni dei redditi e l’invio telematico delle dichiarazioni all’Agenzia delle Entrate dovranno essere effettuati entro l’8 luglio.

Secondo i giudici della Corte di Cassazione, sentenza n. 11157 del 10 maggio 2013, l‘attività svolta sotto forma di impresa familiare è soggetta all’Irap. Si tratta del primo pronunciamento della Corte di Cassazione su questa particolare tipologia di impresa. Il collaboratore familiare (o anche il semplice coadiuvante), che spesso affianca l’imprenditore individuale, è, infatti, da assimilare al dipendente o al collaboratore a progetto, qualificando in tal modo il presupposto dell’autonoma organizzazione che fa scattare l’Irap, in quanto produce quel valore aggiunto in più rispetto a quello conseguibile con l’apporto lavorativo del solo titolare dell’impresa.

Il modello UNICO 2013 recepisce le modifiche apportate dalla Legge di Stabilità 2013 in materia di IVIE e IVAFE. La legge, infatti, ha rinviato la decorrenza delle due imposte patrimoniale dal periodo d’imposta 2012 anziché dal periodo d’imposta 2011. Tra l’altro, il versamento delle due imposte è ora dovuto con il meccanismo dell’acconto e del saldo. I contribuenti che hanno già versato le due imposte del 2012 con riferimento al periodo d’imposta 2011 fruiscono di un credito d’imposta di importo pari all’imposta versata e fruibile come acconto dell’imposta dovuta per il 2012. Il calcolo va effettuato nelle sezioni XV-A e XV-B del quadro RM di UNICO 2013.

Entro il prossimo 31 maggio, i possessori di barche e natanti di lunghezza superiore a 10 metri dovranno versare la tassa annuale sulle unità da diporto prevista dall’art. 16 del D.L. n. 201/2011. Le somme da versare si riferiscono al periodo 1° maggio 2013 – 30 aprile 2014. Il versamento va eseguito mediante modello F24 – Versamenti con elementi identificativi, con modalità telematica per i titolari di partita Iva ovvero presso Banche, Poste, Agenti della riscossione per i non titolari di partita Iva. Il codice tributo è “3370”. I soggetti impossibilitati ad eseguire il pagamento con le predette modalità effettuano il versamento mediante bonifico in “EURO” a favore del Bilancio dello Stato al Capo 8 – Capitolo 1222.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 21 maggio scorso è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22.02.2013 che, in attuazione del Codice dell’Amministrazione Digitale, individua le modalità di sottoscrizione di un documento informatico anche con soluzioni di firma elettronica avanzata. L’obiettivo del provvedimento è estendere il ricorso alla firma digitale o alla firma elettronica avanzata nella redazione di qualsiasi tipologia di documento, con un incremento delle tipologie di firme elettroniche utilizzabili ed assicurando una piena equiparazione con il documento cartaceo. Il provvedimento si propone, inoltre, di facilitare le comunicazioni tra pubblica amministrazione e cittadini, riducendone tempi di risposta e costi correlati.

Nella Gazzetta Ufficiale n. 118 di ieri 22 maggio è stato pubblicato il Decreto ministeriale n. 55 del 05.04.2013 che detta le regole operative per la gestione dei processi di fatturazione elettronica verso le Amministrazioni statali, dando previsti dall’art. 1, commi 209-214, Legge n. 244/2007. L’obbligo decorre dopo 12 mesi dall’entrata in vigore del regolamento per i Ministeri, le Agenzie fiscali e gli enti di previdenza e assistenza sociale e dopo 24 mesi per le Amministrazioni incluse nell’elenco Istat (ad eccezione delle amministrazioni locali, per le quali la data di decorrenza sarà stabilita successivamente con decreto MEF). Tutte le amministrazioni destinatarie non potranno né accettare le fatture emesse o trasmesse in forma cartacea, né procedere al pagamento (neanche parziale), sino all’invio del documento in formato elettronico. I fornitori delle Amministrazioni pubbliche dovranno, dal proprio canto, gestire il proprio ciclo di fatturazione interamente in formato elettronico, inclusa la conservazione della fattura.

La predisposizione dei software degli studi di settore GERICO da applicare in UNICO 2013 e validi per il periodo d’imposta 2012 è a buon punto e, pertanto, non si profila la necessità di un rinvio della scadenza del prossimo 17 giugno per il pagamento delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi dovute a titolo di saldo 2012 e prima rata di acconto 2013. A renderlo chiaro è la risposta fornita ieri dal Ministero dell’Economia ad un’ interrogazione alla Camera.

Il Governo sta predisponendo un decreto legge per rifinanziare fino a fine anno la detrazione del 55% per gli interventi di riqualificazione e risparmio energetico dell’edificio. Il decreto potrebbe essere approvato dal Consiglio dei Ministri netro poghi giorni. Si studia una soluzione che limiti il bonus ai soggetti che non godano già di altri benefici fiscali, per contenere il costo dell’operazione in 80 milioni. Il ministro delle Infrastrutture Lupi propone la proroga anche per la detrazione del 50% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio. I due bonus, attualmente, scadono il prossimo 30 giugno.

 

 

 

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *