La Settimana del Fisco dal 20 al 24 Gennaio 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana.

Scade oggi il termine per il versamento della maggiorazione statale della TARES (0,30 euro a metro quadro) e della mini-IMU 2013. Si ricorda che l’importo minimo per il versamento della mini-Imu è di 12 euro. Sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze sono state rese disponibili le risposte alle domande più frequenti  su questo tema. Per quanto riguarda i terreni agricoli non posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, il versamento non può essere considerato Mini IMU, ma  p dell’ordinario versamento concernente la seconda rata e il saldo della prima. In caso di insufficiente versamento della seconda rata 2013, la differenza può essere versata entro il 16 giugno 2014, senza sanzioni e interessi. Con riguardo alla maggiorazione TARES  viene chiarito che, se il Comune non predispone e non invia i modelli di pagamento in tempo utile, il contribuente che versa in ritardo non è soggetto a sanzione.

Con comunicato stampa n. 19 del 21 gennaio 2014, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto che il Governo ha deciso di esercitare l’intervento di razionalizzazione delle detrazioni fiscali, così come previsto dal comma 575 della Legge di Stabilità 2014, con la Delega fiscale, attualmente in approvazione in Parlamento. Per tale ragione e anche con l’obiettivo di evitare ulteriore aggravio fiscale, il Governo provvederà, con apposito provvedimento, ad abrogare il comma 576 della legge di Stabilità 2014 e di conseguenza non vi sarà alcuna riduzione delle detrazioni attualmente in vigore, riduzione che sarebbe dovuta scattare a fine mese. La copertura sarà assicurata incrementando gli obiettivi di risparmio previsti dalla revisione della spesa.

Con il Provvedimento n. 6499 del 17 gennaio 2014, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello di comunicazione dei dati per l’accesso al finanziamento per il pagamento dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 nella regione Sardegna. Si tratta degli adempimenti con scadenza tra il 18 novembre e il 20 dicembre 2013, . I pagamenti  dovranno essere effettuati fra il 24 gennaio e il 17 febbraio 2014, senza applicazione di sanzioni e interessi.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato l’informativa sul trattamento dei dati personali che accompagna i primi modelli definitivi delle dichiarazioni dei redditi relative al periodo d’imposta 2013 . Il documento non contiene alcun riferimento alle spese medie Istat- L’Agenzia, sembra, quindi, orientata ad accogliere le indicazioni del Garante della privacy, che con il provvedimento del 21.11.2013, aveva dato il via libera al nuovo redditometro, richiedendo tuttavia modifiche  su questo punto. Probabile una crcolare di chiarimenti .

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 21 gennaio 2014 il decreto del 23 ottobre 2013 del Ministero dello Sviluppo Economico, che detta le disposizioni attuative per fruire del bonus ricercatori, l’incentivo a vantaggio delle imprese che assumono personale in possesso di un dottorato di ricerca  o una laurea magistrale  per  attività di ricerca e sviluppo. Per poter richiedere il contributo, tuttavia, si dovrà attendere l’attivazione di un’apposita piattaforma informatica da parte del Ministero stesso, il quale dovrà anche approvare un decreto sulle modalità di presentazione.

Con un comunicato stampa diffuso il 23 gennaio 2014, Equitalia ha descritto le modalità per fruire della definizione agevolata delle cartelle entro il 28 febbraio prossimo, come previsto dalla Legge di Stabilità 2014. In particolare, i contribuenti hanno la possibilità di pagare in un’unica soluzione, senza interessi di mora e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, le cartelle e gli avvisi di accertamento esecutivi emessi per tributi di competenza delle Agenzie fiscali (Agenzia delle Entrate, del Demanio, del Territorio, delle Dogane e dei Monopoli), Uffici statali (per esempio Ministeri e Prefetture) ed Enti locali (Regioni, Province e Comuni), affidati a Equitalia entro il 31 ottobre 2013. Rientrano nell’agevolazione, per esempio, le entrate erariali come l’Irpef e l’Iva e, limitatamente agli interessi di mora, anche le entrate non erariali come il bollo dell’auto e le multe per violazione al codice della strada elevate da Comuni e Prefetture.(l’elenco è disponibile sul sito www.gruppoequitalia.it).

Un cordiale saluto e a presto!

 

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *