Scheda carburante e modalità di annotazione nel modello

La settimana del fisco dal 2 al 6 aprile 2018

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana, partendo dalle novità 2018 sull’acquisto di carburante.

Acquisto carburante per operatori Iva: mezzi di pagamento 2018
Pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento che determina, oltre alle carte di credito/debito e prepagate, gli ulteriori possibili mezzi di pagamento per l’acquisto di carburante e lubrificanti , idonei a consentire la detraibilità Iva e la deducibilità della spesa da parte del contribuente con partita Iva. In particolare, la Legge di bilancio 2018 ha previsto dal 1° luglio 2018, una serie di limitazioni alla detraibilità dell’Iva e alla deducibilità delle spese relative all’acquisto di carburante destinato ad aeromobili, natanti da diporto e veicoli stradali a motore. Le Entrate hanno fornito chiarimenti anche su carte carburanti, carte (ricaricabili o meno) e i buoni, che permettono alle imprese e ai professionisti di acquistare esclusivamente i carburanti e lubrificanti.
Imprese sociali:  il decreto sul deposito degli atti al Registro

Deposito atti delle imprese sociali al Registro delle imprese: pubblicato dal MISE il decreto interministeriale con cui sono definiti gli atti e i documenti che le imprese sociali sono tenute a presentare al Registro delle imprese e le modalità per l’esecuzione di tali adempimenti.

In Gazzetta i correttivi degli studi di settore per le imprese minori
Sulla Gazzetta del 31 marzo è stato pubblicato il decreto contenente modifiche agli studi di settore applicabili al periodo di imposta 2017. Tra i correttivi ci sono quelli per le imprese minori che dal 2017 determinano il reddito per cassa senza tenere conto delle rimanenze finali.
Il decreto pubblicato introduce dei correttivi per tenere conto sia delle rimanenze iniziali che finali e normalizzare così il reddito che nella dichiarazione dei redditi sarà invece non “normale”.  Il correttivo per il nuovo regime di cassa si applicherà a tutte le imprese minori che adottano la contabilità semplificata per cassa e non ai professionisti.

Canone Tv over 75enni a basso reddito: ecco il modello per l’esenzione
Pubblicato ieri dall’Agenzia delle Entrate il Provvedimento che approva il modello per l’esenzione del canone RAI per gli over 75 con un reddito fino a 8mila euro e il modello per la domanda di rimborso per chi ha pagato pur avendo diritto all’esenzione.

Commercialista sospeso: se esercita commette reato
Il CNDEC con il Pronto Ordini 24/2018 ha chiarito che “si configura il reato di esercizio abusivo della professione anche qualora il professionista, pur regolarmente abilitato e iscritto all’albo, si trovi nell’impossibilità temporanea di esercitare la professione” a seguito di un provvedimento disciplinare di sospensione dall’esercizio professionale, ma esercita ugualmente l’attività.

ENEA: ecobonus 2018, online il nuovo sito per l’invio della documentazione
Attivo dal 3 aprile 2018 il nuovo sito dedicato alla trasmissione telematica della documentazione necessaria relativa agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici conclusi a partire dal 1° gennaio 2018. La comunicazione è necessaria per poter usufruire delle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica (ecobonus). Il sito web consente l’invio delle dichiarazioni dovute all’ENEA esclusivamente a fronte dei lavori completati nel 2018.

Concludiamo informando che Agenzia delle Entrate ha reso disponibile nel cassetto fiscale dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione dei redditi nel 2017, un riepilogo della distribuzione delle imposte versate  da  tutti i cittadini  nel 2016 nei diversi comparti del bilancio dello Stato: Sanità pubblica, previdenza, istruzione, sicurezza, ordine pubblico, trasporti, cultura, protezione del territorio, ma anche la quota parte del debito pubblico o i contributi al bilancio dell’Unione europea, oltre ai servizi generali delle Pubbliche Amministrazioni. Tutte le principali voci di spesa sono state riassunte in una interessante tabella e in un grafico “a torta”.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *