La settimana del fisco dal 18 al 22.2.2019

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Contenzioso, Il peso del fisco, Parliamo di ...

Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana. Iniziamo parlando ancora di definizione agevolata delle  liti pendenti .

Definizione agevolata liti pendenti: pubblicati modello e codici tributi

L’agenzia delle Entrate ha  pubblicato sul proprio sito il modello da usare per la definizione agevolata delle controversie tributarie, così come previsto nel decreto fiscale collegato alla Legge di bilancio 2019. Infatti vi ricordo che entro il termine del 31 maggio 2019, per ciascuna controversia tributaria autonoma, relativa cioè al singolo atto impugnato, va presentata una distinta domanda di definizione agevolata,  esclusivamente mediante trasmissione telematica. Con  la Risoluzione 29 del 21.2.2019 sono stati resi noti i codici tributo da indicare nel modello di pagamento F24.

Credito d’imposta ricerca e sviluppo: chiarimenti del MISE
Una circolare del Ministero dello Sviluppo Economico del 15 febbraio 2019 ha precisato che in sede di rilascio della certificazione della documentazione contabile non è richiesta al soggetto incaricato della revisione legale ,   alcuna valutazione di carattere tecnico in ordine all’ammissibilità al credito d’imposta delle attività di ricerca e sviluppo svolte dall’impresa.

Alcuni dubbi erano sorti in capo agli operatori dopo le modifiche introdotte dalla Legge di bilancio 2019 in merito a tale agevolazione. Infatti il legislatore ha stabilito

·         che dal 2018 sono tenute alla certificazione anche le imprese obbligate per legge al controllo legale dei conti che in precedenza erano esonerate  e

·         che l’adempimento di tale onere costituisce condizione formale per il riconoscimento  del credito.

Ricordo che l’agevolazione consiste in un credito d’imposta del 50% su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo sostenute nel periodo 2017-2020. , fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno .

La circolare chiarisce dunque che la certificazione del revisore è  di tipo esclusivamente contabile.

Sequestro e ipoteche per imprese e professionisti:chiariti i requisiti
nel corso di Telefisco 2019 è stata posta ai rappresentanti della Guardia di finanza la domanda su quali siano i requisiti perché sia disposta la richiesta di ipoteca e/o sequestro per professionisti e imprese.

Nel rispondere, la GdF ha ricordato che la legge prevede  come presupposti per l’adozione di misure cautelari amministrative:

·         il fumus boni iuris: cioè l’attendibilità e la sostenibilità della pretesa tributaria risultante da atto notorio;

·         il periculum in mora: cioè il timore di perdere la garanzia del credito (risultante da dati oggettivi come il patrimonio del debitore, sia da dati soggettivi come il presumibile intento dello stesso di rendersi insolvente).

In sostanza   i parametri di natura oggettiva sono :

per le Imprese in contabilità ordinaria   il possesso di due requisiti risultanti dall’ultimo bilancio approvato  e cioè

a) indice di solvibilità inferiore a 1

b) indice di indebitamento maggiore di 2

Per le Imprese in contabilità semplificata e professionisti       fa fede una generale valutazione di adeguatezza degli assets rispetto alla pretesa erariale.

Amministratore di condominio: dati da trasmettere entro il 28 febbraio 2019
Per gli amministratori di condominio restano ancora solo  pochi giorni a disposizione per l’invio della comunicazione dei dati all’Agenzia delle entrate. La scadenza è prevista per il 28.2.2019, giovedi prossimo. Vi ricordo che tali dati servono  alla predisposizione della dichiarazione precompilata in caso di lavori di manutenzione e recupero del patrimonio immobiliare e in materia di risparmio energetico. Attenzione va prestata al fatto che il Provvedimento del 6 febbraio 2019 ha approvato il software per l’invio,  che è stato aggiornato per fare spazio anche al bonus verde e per consentire all’amministratore di comunicare i dati degli interessati in caso di cessione del credito.

 


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *