La settimana del fisco dal 17 al 21 Giugno 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

Sabato 15 giugno il Consiglio dei Ministri ha approvato il c.d. “Decreto del fare”, un decreto legge che contiene numerose misure per aiutare la ripresa economica del nostro Paese. Il decreto contiene anche novità fiscali. Per rilanciare la nautica, arriva un taglio alla tassa sul lusso sulle imbarcazioni introdotta dal Governo Monti, ora prevista solo per imbarcazioni di lunghezza superiore a 14 metri (prima era 10 metri). E’ stata soppressa, poi, la norma che prevedeva la responsabilità solidale negli appalti. Abrogato anche il 770 mensile. La Robin Tax viene estesa anche alle imprese energetiche con ricavi che superano i 3 milioni di euro ed un imponibile superiore a 300 milioni di euro. Numerose le novità riguardanti la riscossione. Equitalia potrà iscrivere ipoteca, ma non potrà più espropriare la prima casa, se questa è l’unico bene del debitore o è la sua residenza anagrafica. Tale regola non vale solo per gli immobili A/8 e A/9. Per tutti gli altri immobili diversi dalla prima casa, l’espropriazione potrà essere attivata solo per debiti superiori a 120.000 euro. La riscossione dei debiti erariali iscritti a ruolo potrà avvenire, poi, anche mediante pagamenti in 10 anni (120 rate), anziché in 6 anni (72 rate) previsti finora. Il beneficio della dilazione decadrà ora solo dopo il mancato pagamento di ben 8 rate e non più di 2. Dal 30 settembre prossimo, non sarà più applicato l’aggio alle cartelle di pagamento. Tra le altre misure del decreto, spunta una “riedizione” della Legge Sabatini Le Pmi agevolate potranno impiegare anche il leasing finanziario. Viene previsto, poi, un taglio di 550 milioni all’anno del peso fiscale sulle bollette energetiche.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 di sabato 15 giugno 2013 il D.p.c.m. 13.06.2013 che prevede la proroga dei versamenti delle imposte derivante dai modelli UNICO e IRAP, decreto preannunciato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con comunicato stampa n. 94 del 13 giugno 2013. La proroga è confermata per i soggetti (persone fisiche e non) che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascuno studio di settore dal relativo decreto di approvazione. I termini di versamento delle imposte dovranno essere effettuati da tali soggetti entro l’8 luglio 2013 (anziché entro oggi 17 giugno), senza alcuna maggiorazione, ovvero dal 9 luglio 2013 al 20 agosto 2013 (anziché dal 18 giugno al 17 luglio), maggiorando le somme da versare dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.

Con il Provvedimento del 14 giugno 2013 il Direttore dell’Agenzia delle Entrate definisce la percentuale massima di risparmio spettante alle imprese che aderiscono ad un contratto di rete per il periodo d’imposta 2012, fissata all’83,0423% dello sconto d’imposta richiesto con il modello “Reti”. Il bonus fiscale è stato determinato sulla base del rapporto tra le risorse stanziate per l’anno 2013 e l’importo del risparmio d’imposta complessivamente richiesto. Si ricorda che, chi aderisce ad un contratto di rete può accedere ad un bonus consistente in un regime di sospensione d’imposta, per la quota di utili d’esercizio accantonati ad apposita riserva e destinata alla realizzazione, entro l’esercizio successivo, di investimenti previsti dal programma comune dello stesso contratto.

Dal 18 giugno sono entrate in vigore le nuove norme previste dalla Riforma del Condominio (Legge n. 220/2012), dopo un periodo di vacatio legis di sei mesi. In base alle nuove regole, per poter ricoprire l’incarico di amministratore occorre rispettare una serie di requisiti: onorabilità, diritti civili, diploma di scuola secondaria di secondo grado, corso di formazione aggiornamento periodico. Scatta, poi, l’obbligo di istituire un conto corrente condominiale (bancario o postale), su cui devono transitare i contributi dei condòmini e ed i pagamenti fatti per conto del condominio; in caso di mancata apertura del conto, si ha “grave irregolarità” che giustifica la revoca dell’incarico. L’accettazione dell’incarico dovrà essere effettuata in forma scritta e la nomina può essere subordinata alla presentazione di una polizza di assicurazione per la responsabilità civile.

Con il provvedimento del 19 giugno, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, accogliendo le richieste dei Comuni, ha apportato modifiche ai modelli F24, F24 accise e F24 semplificato, insieme alle relative avvertenze per la compilazione, e a quello di quietanza dei versamenti effettuati on line attraverso F24. Le modifiche vengono incontro all’esigenza degli enti locali di semplificare i propri adempimenti di riscossione, correlando i versamenti dei tributi alle posizioni debitorie dei contribuenti. Le modifiche saranno operative dal prossimo 1° luglio. I nuovi modelli si troveranno presso gli sportelli delle banche, di Poste italiane Spa, degli agenti della riscossione e, in formato elettronico, sul sito dell’Agenzia delle Entrate. In ogni caso, i vecchi moduli potranno ancora essere utilizzati fino al 30 aprile 2014, a condizione che per il versamento non sia indispensabile compilare i nuovi campi.

Un saluto a tutti voi.

 

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *