La settimana del fisco dal 17 al 21 Febbraio 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana.

Con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate  prot. 24663/2013 pubblicato il 19 febbraio sul sito dell’Agenzia delle Entrate, è stato modificato il provvedimento del 18 dicembre 2013 che annunciava l’applicazione automatica da parte degli intermediari finanziari di una ritenuta del 20% sui redditi da investimenti e attività estere di natura finanziaria. Nel provvedimento si afferma che, tenendo conto delle difficoltà riscontrate dagli intermediari e dai contribuenti, l’attuazione della misura viene rinviata al 1° luglio 2014 e che le somme eventualmente già trattenute  sui bonifici dal 1° febbraio ad oggi saranno restituite ai correntisti. Si specifica che comunque tale invio non comporta perdita di gettito fiscale in quanto la tassazione resta da applicare in sede di dichiarazione dei redditi.

Il Decreto “Destinazione Italia”, ovvero il D.L. n.145/2013, dopo l’approvazione definitiva da parte del Senato, è stato convertito in legge.  Tra le misure previste dal decreto il contenimento delle tariffe energetiche, risorse per la connettività ed il telelavoro nelle PMI, l’Expo 2015 e l’internazionalizzazione. Dal punto di vista fiscale, spicca la possibilità di compensazione delle cartelle esattoriali con i crediti verso la pubblica amministrazione. Infine, si ricordano 50 milioni di euro in voucher per l’acquisto di libri scontati da parte degli studenti.

Il Senato ha approvato il 20 febbraio un emendamento al decreto Salvaroma che sposterebbe il termine per sanare le cartelle esattoriali dal 28 febbraio al 31 marzo 2014.  Era stata la legge di Stabilità 2014, n. 147/2013 ad introdurre la possibilità di chiudere i conti con Equitalia in caso di cartelle esattoriali esecutive iscritte a ruolo entro il 31 ottobre 2013, evitando le quote di interessi su imposte, sanzioni e aggio. Un altro emendamento allo stesso decreto n. 1215, attualmente al vaglio della Camera,  ha anche ampliato l’applicazione della sanatoria ai debiti tributari notificati da altri agenti di riscossione locali.

Sul sito internet dell’Agenzia delle Dogane è disponibile una nuova applicazione per le gestione e l’invio guidati dei modelli “Intrastat “. Si tratta del pacchetto informatico [email protected] che consente la compilazione, il controllo formale e l’invio  degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti di beni intracomunitari e delle prestazioni di servizi rese e ricevute in ambito Ue che, come noto, devono essere trasmessi entro il giorno 25 del mese successivo al periodo di riferimento, mensile o trimestrale. L’invio telematico avviene attraverso il collegamento diretto al sistema informatico doganale. Le istruzioni per l’accesso alla procedura sono consultabili nella pagina  Servizio Telematico Doganale – E.D.I

Sono state approvate le specifiche tecniche che dovranno essere utilizzate per la trasmissione telematica dei modelli dichiarativi  770 ordinario e semplificato, Unico Sc, Unico Sp, Unico Enc, Irap, Consolidato nazionale mondiale. Sono in corso di ultimazione anche le specifiche per la trasmissione del modello 730/2014 e Unico Persone fisiche 2014. Secondo quanto dichiarato con il comunicato stampa dell’Agenzia delle entrate del 17.02.2014, le versioni definitive delle istruzioni tecniche per l’invio telematico dei modelli dichiarativi delle persone fisiche saranno approvate entro il 10 marzo. In ogni caso sono disponibili sul sito internet dell’Agenzia le bozze aggiornate per consentire agli operatori del settore di recepire le principali modifiche rispetto allo scorso anno.

Il processo tributario telematico diventa operativo. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14.02.2014 è stato, infatti, pubblicato il Decreto Mef n. 163 del 23.12.2013, che disciplina l’uso degli strumenti informatici e telematici nell’ambito del processo tributario. Tali strumenti contribuiranno, attraverso la dematerializzazione dei flussi documentali, al miglioramento del servizio di giustizia tributaria nel suo complesso, con una notevole riduzione dei costi diretti e indiretti per tutti gli operatori di settore. Le successive regole tecnico-operative dell’informatizzazione del processo tributario saranno adottate con uno o più decreti direttoriali, il primo dei quali individuerà anche le commissioni tributarie presso le quali troverà applicazione la nuova modalità.

Il 14 febbraio 2014 è entrato in vigore il decreto interministeriale 24 dicembre 2013, che introduce modifiche operative a quanto già stabilito dal decreto del 10 gennaio 2013 in merito alla sperimentazione della nuova social card. Quattro sono i punti su cui è intervenuto l’ultimo decreto: i requisiti economici per usufruire della carta acquisti (in particolare come rispettare la soglia dei 600 euro mensili a fronte di eventuali altri trattamenti economici – come le erogazioni una tantum -di cui beneficia il nucleo familiare destinatario della social card); la definizione di nucleo familiare (sono escluse dal computo del nucleo le persone a carico ai fini Irpef non conviventi diverse dal coniuge e dai figli); le modalità con cui chiedere la correzione dei risultati delle verifiche dei requisiti; i tempi e le modalità del monitoraggio dei progetti personalizzati di presa in carico al fine di superare la condizione di povertà. La distribuzione delle social card dovrebbe avvenire entro la fine del mese.

Un augurio di buon lavoro dalla Redazione

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *