La settimana del fisco dal 15 al 19 Dicembre 2014

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali di quest’ultima settimana.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 291 del 16 dicembre 2014, il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 185 del 16.12.2014. Si tratta dell’attesissimo decreto che proroga dal 16 dicembre 2014 al 26 gennaio 2015 il pagamento (in unica soluzione) dell’IMU dovuta per il 2014 sui terreni agricoli ubicati negli ex Comuni montani, ora non più esenti.  Si ricorda che l’adempimento interessa i proprietari di terreni agricoli montani ubicati in Comuni con altitudine fino a 600 metri, ovverodi quelli ubicati in Comuni aventi altitudine inferiore a 280 se posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali.

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 292 del 17 dicembre 2014 la Legge n. 186 del 15.12.2014, ovvero la legge sulla voluntary disclosure, la nuova procedura di collaborazione volontaria in materia di rientro e regolarizzazione dei capitali detenuti all’estero e di autoriciclaggio. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014. Tra le novità previste dalla legge, vi è anche l’introduzione di una “voluntary nazionale” estesa a tutta la platea di contribuenti residenti, per sanare le violazioni compiute fino al 30 settembre 2014. La legge entrerà in vigore dal 1° gennaio 2015.

Con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 12 dicembre 2014, è stato approvato e reso disponibile online il nuovo modello per la dichiarazione d’intento, che gli esportatori abituali potranno inviare, direttamente online all’Agenzia delle Entrate, per manifestare la volontà di effettuare acquisti o importazioni senza applicazione dell’Iva a partire dal 2015. Il provvedimento attua quanto previsto dal Decreto Semplificazioni fiscali (D.Lgs. n. 175/2014). Fino all’11 febbraio 2015 gli operatori potranno consegnare la dichiarazione d’intento direttamente al proprio cedente o prestatore secondo le vecchie modalità. Tuttavia, per le dichiarazioni presentate prima dell’11 febbraio 2015 con le vecchie modalità, ma che esplicano i loro effetti anche successivamente a questa data, è necessario dal 12 febbraio provvedere alla trasmissione in via telematica.

E’ stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la bozza del modello “Irap 2015” (e relative istruzioni). La bozza di modello riporta interessanti novità in tema di agevolazioni e semplificazioni. Una di queste è la deduzione, fino a 15.000 euro per dipendente, del costo sostenuto in caso di assunzioni a tempo indeterminato che vanno ad incrementare la base occupazionale, agevolazione valida per il periodo d’imposta in cui è avvenuta l’assunzione e per i due successivi. Un’altra novità importante è la possibilità di trasformare l’eccedenza di deduzione dell’Aiuto alla crescita economica (Ace) evidenziata nel modello Unico in credito d’imposta utilizzabile, ai fini Irap, in cinque quote annuali di pari importo secondo quanto previsto dal “decreto competitività” D.L. n. 91/2014 ). Infine, il modello recepisce la novità riguardante la nuova modalità di opzione, per le società di persone e le imprese individuali in regime di contabilità ordinaria, per la determinazione del valore della produzione netta secondo le regole previste per le società di capitali (articolo 5-bis, comma 2, Dlgs 446/1997), cioè direttamente con la dichiarazione.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con comunicato stampa del 15 dicembre 2014, ha informato che entro il 22 dicembre devono essere effettuati, in un’unica soluzione, gli adempimenti ed i versamenti tributari oggetto di sospensione fino al 20 dicembre nei Comuni interessati dalle alluvioni dei mesi scorsi. ( Liguria, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Friuli Venezia Giulia e la provincia di Foggia)

Con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze dell’11 dicembre 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 15 dicembre, viene dimezzato il tasso di  interesse legale. Il tasso passa, infatti, dall’attuale 1% (che sarà applicato fino al 31.12.2014) alla nuova misura dello 0,5% a decorrere dal 1° gennaio 2015. L’intervento ha effetti anche per quanto riguarda le somme dovute al Fisco, in quanto cambieranno, ad esempio, gli importi dovuti all’Erario per i versamenti effettuati a seguito di ravvedimento operoso.

Con Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 15 dicembre 2014, sono state approvate le modalità operative per l’inserimento automatico nella banca dati del sistema Vies al momento di presentazione della dichiarazione di inizio attività, come previsto dall’art. 22 del D.Lgs. n. 175/2014 (Decreto legislativo semplificazioni fiscali).

Con tre distinti provvedimenti del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 16 dicembre 2014, sono state stabilite le modalità di trasmissione ed il contenuto delle comunicazioni che i soggetti coinvolti, a partire dall’anno d’imposta 2014, dovranno inviare all’Anagrafe tributaria per permettere la dichiarazione dei redditi “precompilata”. I dati saranno, inoltre, utilizzati per accertare la correttezza delle detrazioni e deduzioni operate. . Destinatari dei provvedimenti sono: le assicurazioni, che dovranno trasmettere informazioni su assicurati e relativi premi detraibili (sono escluse le polizze concernenti la responsabilità civile e l’assistenza e garanzie accessorie); gli enti previdenziali, ; le banche e gli altri intermediari finanziari che concedono mutui agrari e fondiar Le comunicazioni dovranno essere trasmesse all’Amministrazione fiscale entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento dei dati. Per la “precompilata” dei redditi 2014, pertanto, si avrà tempo fino al 28 febbraio 2015.

 Un caro augurio di Buone Feste a tutti!

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *