La settimana del fisco dal 15 al 19 aprile 2019

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana,prima fra tutte la dichiarazione precompilata 2019

Dichiarazione precompilata 2019: disponibile online

Dal pomeriggio di lunedì 15 aprile è disponibile online la dichiarazione dei redditi precompilata. Il 730 potrà poi essere accettato/integrato e inviato direttamente via web a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio. Anche il modello Redditi precompilato può essere modificato dal 2 maggio, ma potrà essere trasmesso dal 10 maggio al 30 settembre 2019.

Deleghe fatturazione elettronica via PEC: stop dal 31 maggio 2019

Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n.96618 del 17 aprile 2019 considerato il superamento della fase di avvio del processo di fatturazione elettronica, viene disposta, a decorrere dal 31 maggio 2019, la soppressione della procedura di invio delle deleghe per l’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica mediante posta elettronica certificata. 

Fattura elettronica appalti pubblici: definite le regole tecniche

Definizione delle regole tecniche (Core Invoice Usage Specification- CIUS) e delle modalità applicative per la fatturazione elettronica negli appalti pubblici nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 18 aprile 2019. 

Passaggio al regime forfettario possibile in presenza dei requisiti

Un professionista che ha adottato fino al periodo d’imposta 2016 il regime contabile semplificato per gli esercenti arti e professioni e che nel 2017, pur avendo i requisiti per accedere al regime naturale forfetario, ha manifestato con la presentazione della dichiarazione IVA, l’opzione di rinnovo tacito per il regime contabile semplificato, può passare al regime forfettario. Questo il chiarimento fornito nella risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 107 del 12 aprile 2019.

Professionista in possesso di SRL: si decade dal regime forfettario

Dopo due circolari, continuano i chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate in merito al regime forfettario. Questa volta, la delucidazione arriva rispondendo ad un interpello mosso da un Commercialista, con reddito inferiore a 65.000 euro e proprietario al 50% della società Alfa che svolge l’attività di revisione e certificazione di bilanci di cui risulta anche rappresentante legale. Nella risposta dell’Agenzia delle Entrate n.108 del 16 aprile 2019 è stato chiesto dal professionista se potesse o meno accedere al regime forfettario. Negativa ovviamente la risposta delle Entrate. 

Definizione agevolata: per l’importo della controversia vale la data del 24.10

La situazione processuale rilevante per determinare gli importi da corrispondere è quella sussistente al momento dell’entrata in vigore del decreto fiscale collegato 2019 cioè il 24 ottobre 2018 o si deve tener conto della successiva sentenza di cassazione con rinvio? E’ stato questo il quesito a cui l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti con la Risposta 110 del 18 aprile 2019.  

Costi black list: possibile la definizione agevolata o la sanatoria

Con la sanatoria delle irregolarità formali può essere definita anche la mancata indicazione nella dichiarazione dei redditi dei componenti negativi di reddito derivanti da operazioni con soggetti domiciliati nei paesi a fiscalità privilegiata, i cd. costi black list. A fornire questa indicazione è stata l’Agenzia delle Entrate con la risposta 101 del 9 aprile 2019 

Detrazione spese edilizie valide anche senza trasmissione all’ENEA

La mancata o tardiva trasmissione all’Enea delle informazioni sui lavori di ristrutturazione che comportano risparmio energetico non fa venir meno il beneficio della detrazione fiscale. È questo quanto chiarito con la risoluzione n. 46/E del 18 aprile 2019, con cui l’Agenzia delle Entrate, condividendo un parere espresso dal Ministero dello sviluppo economico, chiarisce che la trasmissione all’ENEA delle informazioni concernenti gli interventi edilizi che comportano risparmio energetico, seppure obbligatoria per il contribuente, non determina, qualora non effettuata, la perdita del diritto alla detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, attualmente e fino al 30 dicembre 2019 pari al 50% della spesa. 

Ripetizioni e lezioni private: ecco i codici tributo per l’imposta sui compensi

Con la Risoluzione 43 l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento con F24 dell’imposta sostitutiva al 15% sui compensi derivanti da lezioni private e ripetizioni introdotta dalla  Legge di bilancio 2019. 

Cessione sisma bonus ed ecobonus

E’ possibile cedere il credito corrispondente alla detrazione per sisma bonus ed ecobonus dei lavori condominiali anche ai soci lavoratori artigiani di un’impresa edile sub-appaltatrice, in quanto soggetti collegati agli interventi agevolati. A fornire questo chiarimento è stata l’Agenzia delle Entrate con la Risposta all’Interpello 109 del 18 aprile 2019 

Statuti degli enti del terzo settore: chiarimenti dal Ministero

Con la nota 3650 del 12 aprile 2019 il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha fornito chiarimenti in merito agli statuti degli enti del Terzo Settore. Come chiarito, lo svolgimento in via esclusiva o principale di una o più attività di interesse generale è uno degli elementi che connotano unitamente alla finalità e all’assenza dei fini di lucro, gli enti che possono rientrare a far parte del perimetro del Terzo settore, per effetto della qualificazione conseguita attraverso l’iscrizione al RUNTS(Registro Unico Nazionale del Terzo Settore).

Attività agricole connesse: entra l’enoturismo

L’attività enoturistica è considerata attività agricola connessa ai sensi del terzo comma dell’art. 2135 del codice civile ove svolta dall’imprenditore agricolo, singolo o associato. E’ questo articolo il fulcro del nuovo decreto del MIPAAF (Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali) del 12 marzo 2019 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 15 aprile 2019. 

Concludiamo informando che il dipartimento per l’informazione e l’editoria ha pubblicato l’elenco definitivo dei soggetti ammessi a fruire del credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali per gli anni 2017 e 2018.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *