indici di affidabilità ISA

La settimana del fisco dal 13 al 17 maggio 2019

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana: iniziamo con i nuovi ISA

 ISA 2019: ecco le regole degli Indici Sintetici di Affidabilità

Pubblicato l’atteso Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate sugli ISA, gli indici sintetici di affidabilità, che andranno a sostituire gli studi di settore. In generale, gli ISA prevedono per il periodo d’imposta 2018 l’attribuzione di un grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente ed espresso in una scala che varia da 1 a 10. Pubblicato inoltre con successiva Risoluzione il codice tributo necessario per versare l’IVA dovuta nel caso di integrazione degli importi.

Definizione agevolata: possibile lo scomputo di importi già versati

Dagli importi dovuti per la definizione agevolata si scomputano quelli già versati a qualsiasi titolo in pendenza di giudizio e, di conseguenza, l’importo versato dall’istante per la precedente definizione agevolata poi non perfezionata, è scomputabile dall’importo lordo dovuto per l’attuale definizione. E’ questo il fulcro della Risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 136 del 9 maggio 2019 .

Trasmissione telematica corrispettivi: non ammesse le forme miste

Per lo stesso soggetto passivo d’imposta in possesso di più registratori, non saranno ammissibili certificazioni dei corrispettivi giornalieri effettuate in forma promiscua. A chiarirlo l’interpello dell’Agenzia delle Entrate.

Legge europea 2018: cosa cambia a livello fiscale

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 109 dell’11 maggio 2019, la Legge 37/2019: Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea- Legge europea 2018. Il testo tocca molti argomenti; per quanto riguarda le modifiche di interesse fiscale si segnalano le seguenti:

  • Disposizioni in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali (art. 1)
  • Disposizioni in materia di pagamenti nelle transazioni commerciali (art. 5) che modificando il codice dei contratti pubblici (D. Lgs 50/2016) prevede determinati tempi per i pagamenti
  • Disposizioni relative all’IVA applicabile ai servizi di trasporto e spedizione di beni in franchigia (art. 11) in base al quale non sono assoggettati ad IVA i servizi accessori relativi alle spedizioni, sempreché’ i corrispettivi dei servizi accessori stessi abbiano concorso alla formazione della base imponibile e anch’essa non sia assoggettata ad imposta.
  • Disposizioni relative ai termini di prescrizione delle obbligazioni doganali (art. 12) in base al quale i termini per la notifica dell’obbligazione doganale avente ad oggetto diritti doganali sono disciplinati dalle vigenti disposizioni dell’Unione europea.

Deposito fiscale: nuovi chiarimenti dalle Dogane

E’ stata pubblicata dall‘Agenzia delle Dogane e dei Monopoli la Risoluzione 1/D/2019 del 10 maggio con numerosi indicazioni in merito al regime del deposito fiscale.

Definizione agevolata controversie tributarie: circolare dell’Agenzia

È stata pubblicata il 15 maggio la circolare 10/E dell’Agenzia delle Entrate. Dopo la pubblicazione della circolare 6/E con la quale, il 1° aprile 2019, erano stati forniti i primi chiarimenti in ordine alla definizione agevolata delle controversie pendenti introdotta dagli articoli 6 e 7, comma 2, lettera b) e comma 3, del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, si è reso necessario fornire ulteriori chiarimenti.La circolare 10/E si articola in una serie di domande e risposte formulate sulla base dei quesiti pervenuti dalle strutture territoriali anche in relazione alle istanze di definizione presentate dai contribuenti.

Definizione agevolata irregolarità formali: circolare dell’Agenzia

Pubblicata la tanto attesa circolare sulla definizione agevolata delle irregolarità formali introdotta in sede di conversione del decreto legge 119/2018. A due settimane dalla scadenza della prima o unica rata per il pagamento della definizione agevolata (31 Maggio) vengono forniti una serie di chiarimenti in merito alle irregolarità che possono essere oggetto di definizione e quelle che sono da ritenersi sicuramente escluse .

Passando alla recente giurisprudenza segnaliamo la sentenza del Tribunale di Bari che ha chiarito che se il locatore è una persona fisica che non esercita attività imprenditoriale, sussistendo il requisito previsto dalla legge della destinazione dell’immobile ad uso abitativo, è possibile optare per la cedolare secca per la tassazione dei canoni di locazione, e non ha alcuna rilevanza il fatto che il conduttore sia una società.

Concludiamo informando che è stata pubblicata la Guida dell’Agenzia delle Entrate con le indicazi bn oni per le società e le associazioni sportive che vogliono aderire alla definizione agevolata delle liti.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *