La settimana del fisco dal 12 al 30 agosto 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Decreto del Fare Governo Letta, Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Cari Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Sono numerose le novità fiscali intervenute in questo periodo di ferie estive.

Una delle novità più importanti è sicuramente la conversione del c.d. “Decreto del fare” (D.L. 21 giugno 2013, n. 69) nella Legge 9 agosto 2013, n. 98, pubblicata nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 20 agosto 2013. Tra le novità introdotte, si segnala l’art. 51-bis del decreto il quale stabilisce che, a decorrere dall’anno 2014, i soggetti titolari dei redditi di lavoro dipendente e assimilati privi di un sostituto d’imposta, possono comunque adempiere agli obblighi di dichiarazione  presentando il modello 730 e riscuotere il rimborso direttamente dall’Amministrazione finanziaria. La disposizione di legge prevede, inoltre, che, se dalle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2012 di tali soggetti emerge un credito, per ottenerlo subito a rimborso da parte dell’Amministrazione finanziaria è possibile presentare il modello 730/2013 dal 2 al 30 settembre 2013, senza dover presentare il modello UNICO.

Con riguardo alla responsabilità solidale negli appalti, è stata alla fine mantenuta la versione originaria del decreto stesso, con l’eliminazione di qualunque verifica  in relazione ai versamenti IVA. L’appaltatore deve, perciò, richiedere semplicemente al subappaltatore l’asseverazione di un soggetto qualificato  che i versamenti delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente siano stati “correttamente eseguiti”. Il committente deve comportarsi allo stesso modo nei confronti dell’appaltatore, il quale deve fornirgli anche la documentazione rilasciata dal subappaltatore.

E’ stata poi introdotta un’agevolazione in favore delle PMI che acquistano, anche mediante operazioni di leasing finanziario, macchinari, impianti, beni industriali d’impresaad uso produttivo, o che investono in hardware, software e tecnologie digitali. L’incentivo consiste nella concessione di contributi in conto interessi a fronte di finanziamenti accesi per tali acquisti. I prestiti avranno durata massima cinque anni. Viste le similitudini con la Legge n. 1329/1965, la norma è stata ribattezzata “nuova Sabatini”.

Il Governo ha approvato mercoledì 28 agosto un Decreto legge con cui ha deciso di cancellare le rate di settembre e dicembre dell’IMU prima casa. Entro il 15 ottobre, il Governo dovrà trovare le risorse per abolire anche la seconda rata dell’IMU 2013 sulla prima casa, con un decreto da collegare alla Legge di stabilità 2014. Nel 2014 partirà la nuova tassa per i servizi dei Comuni che si chiamerà forse TASER e comprenderà anche la Tares . La copertura viene da tasse sui giochi e IVA relativa ai pagamenti della PA alle imprese  Previsti anche nuovi fondi per CIGS e edilizia sociale.

Entrerà in vigore dal 4 settembre 2013 la Legge europea 2013, cioè la Legge n. 97 del 6 agosto 2013, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20 agosto. La legge apporta le attese semplificazioni della compilazione del modulo RW di UNICO richiesta ai fini del monitoraggio fiscale degli investimenti e delle attività estere. L’art. 9 della legge, in particolare, elimina per i contribuenti l’obbligo di compilare le sezioni I e III del quadro RW. E’ stato, inoltre, cancellato il vecchio limite dei 10.000 euro superato il quale il contribuente era tenuto a compilare la sezione II (investimenti all’estero ovvero attività estere di natura finanziaria). Sanzioni più soft, inoltre, sia per gli intermediari sia per i contribuenti, che, in applicazione del principio del favor rei, sono applicabili da subito, cioè già dal prossimo 4 settembre.

Il c.d. “Decreto lavoro”, D.L. n. 76/2013, convertito nella Legge n. 99 del 9 agosto 2013 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 196 del 22 agosto, contiene non solo interventi per promuovere l’occupazione, ma anche alcune misure fiscali. Il previsto incremento dell’aliquota IVA ordinaria dal 21% al 22% è rinviato al prossimo 1° ottobre. Dal periodo d’imposta 2013, la misura dell’acconto Irpef aumenterà dal 99% al 100%, mentre quella dell’acconto Ires passerà dal 100% al 101%,  Dal 1° gennaio 2014, le sigarette elettroniche e le relative parti di ricambio subiranno un’imposta di consumo del 58,5% e saranno vendibili anche nelle tabaccherie. Sono estesi anche al 2016 gli incentivi fiscali per le investimenti in start up già previsti per il triennio 2013-2015 (detrazione Irpef del 19% o deduzione Ires del 20% delle somme investite).

Con provvedimento del 2 agosto 2013, sono state approvate le misure di semplificazione della comunicazione dei dati delle operazioni rilevanti ai fini Iva (cd. Spesometro). La comunicazione è in forma analitica o, a scelta del contribuente, in forma aggregata. La comunicazione telematica dei dati relativi al 2012 deve essere effettuata, da parte degli operatori che effettuano la liquidazione mensile Iva, entro il 12 novembre 2013 (a regime entro il 10 aprile dell’anno successivo a quello di riferimento); gli altri operatori, invece, dovranno provvedere all’invio dei dati entro il 21 novembre 2013 (a regime, entro il 20 aprile dell’anno successivo). Il nuovo modello può essere utilizzato anche per altre comunicazioni, quali la comunicazione analitica delle operazioni in contanti legate al turismo, nonché delle operazioni di acquisto da operatori economici sammarinesi.

Approvati il 5 agosto, poi, due Provvedimenti sulla comunicazione dei beni in uso ai soci. Sono ora esclusi dalla comunicazione i dati relativi a beni – diversi da autovetture e altri veicoli soggetti a registrazione, unità da diporto, aeromobili e immobili – concessi in godimento a soci o familiari, il cui valore di mercato è inferiore a 3.000 euro, al netto dell’Iva; gli alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci; i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo che costituiscono fringe benefit; i finanziamenti ai soci o ai familiari dell’imprenditore.  A regime, la comunicazione dovrà essere effettuata entro il 30 aprile dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta in cui i beni sono concessi in godimento. Per i beni in godimento nel 2012, la comunicazione deve essere effettuata entro il 12 dicembre 2013. L’Agenzia precisa che non devono essere comunicati al Fisco i dati dei finanziamenti o capitalizzazioni che l’impresa riceve da parte di soci o familiari di importo inferiore a 3.600 euro.  Per i finanziamenti ricevuti nel periodo d’imposta 2012, la comunicazione deve essere effettuata entro il 12 dicembre 2013. A regime, il termine sarà, invece, il 30 aprile dell’anno successivo al periodo d’imposta in cui sono stati ricevuti i finanziamenti o le capitalizzazioni.

Scarica la Circolare Settimanale completa per ulteriori approfondimenti

 

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *