Voluntary disclosure - disposizioni per la regolarizzazione dei capitali detenuti all'estero

La settimana del fisco dal 11 al 15 giugno 2018

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana, iniziando con una nuova circolare sulla voluntary disclosure.

E’ stata pubblicata dalle Entrate la Circolare 12/E/2018 con le indicazioni operative sulla voluntary disclosure 2018 . In base a quanto chiarito nel documento di prassi, possono accedere alla procedura i contribuenti e i loro eredi

¨       rientrati in Italia dopo essere stati fiscalmente residenti all’estero ed iscritti all’Aire

¨       che abbiano prestato la propria attività lavorativa in via continuativa in una zona di frontiera, anche se in seguito di nuovo “frontalieri” o residenti all’estero, purché alla data del 6 dicembre 2017 il contribuente abbia ancora in essere con l’intermediario il rapporto finanziario relativo alle attività e alle somme da regolarizzare.

Fatturazione Elettronica 2018: regole per gli intermediari
L’Agenzia delle Entrate ha diramato il provvedimento n° 117689/2018 con le regole per conferire le deleghe agli intermediari per l’utilizzo dei servizi legati alla fatturazione elettronica.
I servizi delegabili sono:

¨        Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici,

¨        Registrazione dell’indirizzo telematico

Nel provvedimento viene chiarito quali azioni possono essere considerate in merito alla consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati.

Credito d’ imposta su investimenti pubblicitari 2018: ecco le regole
Istituito dalla manovra correttiva 2017 (DL 50/2017) un credito d’imposta a sostegno degli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sui giornali e sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale. Il collegato fiscale 2018 ha demandato ad un Regolamento di attuazione il compito di disciplinare tutti gli aspetti della misura non direttamente regolati dalla legge, comprese le procedure operative che sono state definite con la collaborazione dell’Agenzia delle Entrate; il Regolamento del credito d’imposta, approvato dal Consiglio di Stato e firmato il 16 maggio 2018, è attualmente in corso di registrazione presso la Corte dei Conti.

Sport Bonus 2018: decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo per poter beneficiare del credito d’imposta, previsto dall’art.1, comma 363 della L. 205 de 27 dicembre 2017. La Legge di Bilancio 2018 ha infatti riconosciuto un beneficio rivolto a tutte le imprese per le erogazioni liberali fatte a favore di soggetti concessionari di impianti pubblici sportivi, indirizzate a interventi di restauro o ristrutturazione degli stessi.

La Corte dei Conti fa il punto sulla tassazione del commercio elettronico
La Corte dei Conti ha pubblicato la Deliberazione 24 maggio 2018, n. 8/2018/G con la quale approva la relazione sull’“E-commerce e il sistema fiscale”, con oggetto una approfondita analisi sull’ evoluzione della tassazione diretta ed indiretta degli scambi attraverso la rete. Attualmente manca una normativa uniforme tra i vari stati e ogni paese cerca di porre rimedio alla situazione individualmente. Il problema infatti è quello di trovare un sistema organico per la tassazione degli scambi che avvengono attraverso le nuove tecnologie, sempre più slegate dal luogo fisico sia dell’imprenditore che del consumatore.

Imposta sostitutiva IRPEF neo residenti: versamento con F24 ELIDE
Con la Risoluzione 44/e dell’11 giugno 2018 è stato istituito il codice NRPP” denominato “Imposta sostitutiva dell’IRPEF – NUOVI RESIDENTI – art. 24-bis, comma 2, del TUIR per il versamento con F24 ELIDE dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF. Com’è noto, l’articolo 24-bis del TUIR (DPR 917/86)  ha introdotto un regime opzionale d’imposta sostitutiva dell’IRPEF sui redditi prodotti all’estero, rivolto esclusivamente alle persone fisiche in possesso dei requisiti ivi previsti, che trasferiscono la residenza fiscale da un Paese estero in Italia ai sensi dell’articolo 2, comma 2, del TUIR.

L’imposta sostitutiva è dovuta nella misura forfettaria di

¨       100.000 euro per ogni anno d’imposta in cui è valida l’opzione;

¨       25.000 euro per ciascuno dei familiari del contribuente che esercita l’opzione, nel caso in cui l’opzione sia stata estesa a tali soggetti.

Passando alla recente giurisprudenza segnaliamo due sentenze. La prima è della CTP di Roma che ha stabilito che se il Comune non si occupa in maniera dignitosa dei rifiuti, è giusto che il contribuente versi solo la metà di quanto dovuto per la TARI. Nelle motivazioni alla sentenza è stato riconosciuto al contribuente il dimezzamento della tassa sui rifiuti (TARI) dato lo scarso livello nei servizi di raccolta e smaltimento dell’immondizia.

La seconda sentenza è della Cassazione e ha chiarito che se l’avviso di accertamento viene spedito all’indirizzo risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi e nel frattempo è stata presentata la comunicazione di variazione dati Iva, con l’indicazione di un nuovo domicilio, la notifica deve considerarsi nulla (Ordinanza della Corte di Cassazione n°14280 Sezione/Collegio 5).

Concludiamo informando che è stata pubblicata da Confindustria una circolare con le prime indicazioni operative sulla fatturazione elettronica tra privati. In generale, come chiarito nella premessa, è positivo e condivisibile il rimando a pratiche già utilizzate dalle imprese per la fatturazione elettronica verso la PA in quanto è così possibile per le imprese continuare ad utilizzare le infrastrutture informatiche già rodate, evitando di stravolgere completamente le procedure elettroniche.

 



Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *