La nuova srl semplificata: modello per i giovani con meno di 35 anni

di Dott. Luca Santi CommentaIn Manovre Fiscali, Nuove srl

Dal 24 gennaio è entrato in vigore il cd “decreto Liberalizzazioni” (DL.1/2012), decreto poi convertito nella Legge n. 27/2012. Tra le tante novità sia di carattere civile che fiscale, vorrei analizzare brevemente la nuova SRL semplificata  introdotta modificando opportunamente l’art. 2463-bis.

Come spesso accade il meccanismo del Decreto Legge è fuorviante! Il Decreto, infatti è stato pubblicato con determinate caratteristiche che nel testo finale (post conversione) sono state modificate o addirittura stravolte o cancellate (non convertite). Questa volta ci troviamo nel caso dello stravolgimento!

1° VERSIONE:

Le persone fisiche che alla data della costituzione non hanno compiuto 35 anni di età possono costituire una società a responsabilità limitata:

‒      mediante un contratto o atto unilaterale redatto nella forma della scrittura privata (solitamente redatto per atto pubblico). L’atto costitutivo va depositato, a cura degli amministratori, al Registro delle Imprese entro 15 giorni, in esenzione da diritti di bollo e di segreteria. È sufficiente la scrittura privata anche per le modificazioni dell’atto costitutivo nonché gli atti di trasferimento delle partecipazioni;

‒      avente un capitale sociale non inferiore a € 1 (invece che i canonici 10 mila euro).

Era previsto che al compimento del 35° anno di età di uno dei soci, lo stesso venisse escluso di diritto dalla società se gli amministratori non provvedono a convocare, senza indugio, l’assemblea per deliberare la trasformazione della società;

Al compimento,poi dei 35 anni di tutti i soci, l’amministratore dovrà senza indugio, convocare l’assemblea per deliberare la trasformazione della società, a pena di scioglimento della stessa ex art. 2484.

Per l’individuazione dello statuto standard e dei criteri di accertamento delle qualità soggettive dei soci occorreva attendere apposito Decreto.

 

In pratica non occorreva andare dal Notaio, ma bastava farsi assistere da un Commercialista o da un Legale!

 

2° VERSIONE DOPO CONVERSIONE IN LEGGE

 

‒      L’atto costitutivo va redatto per atto pubblico (1a DIFFERENZA importante: occorre il notaio – che comunque è una garanzia – anche se è prevista l’esenzione di oneri notarili e di diritti di bollo e di segreteria per l’iscrizione nel registro delle Imprese) “in conformità al modello standard tipizzato con Decreto del Ministero della giustizia di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e con il Ministero dello sviluppo economico”;

‒      la srl semplificata deve avere un capitale sociale non inferiore a € 1 e inferiore a € 10.000 (2a DIFFERENZA: libertà di scelta da 1 euro a 10.000). Il conferimento dello stesso va fatto in denaro all’organo amministrativo;

‒      solo i soci possono essere amministratori;

‒      è vietata la cessione di quote a soci di età superiore ai 35 anni.

È stata invece soppressa la disposizione in base alla quale al compimento del 35° anno di età di uno dei soci, lo stesso veniva escluso di diritto dalla società se gli amministratori non provvedevano a convocare, senza indugio, l’assemblea per deliberare la trasformazione, stesso dicasi per l’ipotedi di superamento dei 35 anni di tutti i soci (scioglimento).

È previsto che “il Consiglio nazionale del notariato vigila sulla corretta e tempestiva applicazione delle disposizioni del presente articolo da parte dei singoli notai e pubblica ogni anno i relativi dati sul proprio sito istituzionale”.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Luca Santi

Dottore Commercialista - Revisore Contabile - International Advisor Specializzato in operazioni straordinarie e di riorganizzazione societaria, ha creato una fitta rete di legami con altri Professionisti al fine di fornire una consulenza completa ed esaustiva. Membro di collegi sindacali, Curatore fallimentare per il Tribunale Civile Penale di Verona, Consulente esperto del Giudice in campo penale, è iscritto nell'elenco dei conciliatori della Camera di Commercio Industria Agricoltura di Verona. Collabora alla stesura di articoli, libri e monografie di approfondimento in materia fiscale e tributaria, ed è docente in seminari di formazione ed in convegni di aggiornamento destinati a professionisti e personale amministrativo in materia fiscale, di bilancio e società. Lo Studio ha adottato un manuale interno di qualità al fine di fornire alla clientela un'elevata professionalità. Da un anno circa è entrato a far parte del Gruppo PASUT specializzato nella delocalizzazione e internazionalizzazione delle imprese nel Nord-Est Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *