INPS: aggiornate le aliquote contributive per l’anno 2014

di Andrea Mannara CommentaIn Senza categoria

Con la circolare n. 19 del 04/02/2014, l’Inps ha comunicato la variazione delle aliquote contributive per l’anno 2014.

La circolare interessa, in particolar modo, commercianti ed artigiani, iscritti nella relativa sezione contributiva presso l’Inps.

Le aliquote contributive per l’anno 2014 sono le seguenti:

  • artigiani: 22,20%
  • commercianti: 22,29%

Il reddito minimale di riferimento al quale applicare le aliquote è fissato, per l’anno 2014, in euro 15.516,00.

Da ciò deriva che, per l’anno 2014, i contributi fissi (calcolati sul minimale di reddito) dovuti sono pari a:

  • euro 3.451,99 per gli artigiani;
  • euro 3.465,96 per i commercianti.

Ma la contribuzione Inps non si ferma qui. Infatti, il contributo previdenziale è dovuto sulla totalità del reddito di impresa, applicando le aliquote sopra ricordate, e fino ad un reddito massimo di euro 46.031,00.

Per i redditi che eccedono il limite massimo di € 46.031,00 le aliquote contributive sono aumentate di un punto percentuale.

In sintesi si ha:

Scaglione di reddito

Artigiani

Commercianti

Titolare impresa

Fino a 46.031,00

22,20%

22,29%

Oltre 46.031,01

23,20%

23,29%

I contributi previdenziali a percentuali, calcolati sul reddito di impresa, sono indicati in dichiarazione dei redditi, modello Unico quadro RR e vengono versati alle scadenze previste per il versamento delle imposte sui redditi.

La circolare citata ricorda che le date per i versamenti dei contributi, nell’anno 2014, sono le seguenti:

contributi fissi sul minimale: 16 maggio, 20 agosto, 17 novembre 2014 e 16 febbraio 2015;

contributi a percentuale: entro i termini previsti per il pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche in riferimento a quanto dovuto come saldo per l’anno 2013.

Restano valide le riduzioni contributive a favore degli artigiani e dei commercianti con più di sessantacinque anni di età, già pensionati presso l’Inps.

Anche per l’anno 2014, l’Inps non invierà più al domicilio dei lavoratori interessati il prospetto con il calcolo dei contributi e i relativi importi da versare. Tale prospetto sarà invece gratuitamente consultabile e scaricabile in formato pdf sul sito dell’istituto, all’interno del cassetto previdenziale della propria area riservata di ogni singolo contribuente.

Il contribuente, allora, se in possesso di un proprio pin potrà consultare e scaricare il prospetto contributi nel proprio cassetto previdenziale. Se non è in possesso del pin, potrà incaricare un intermediario abilitato, tramite apposita delega, ad accedere al proprio cassetto previdenziale e a prelevare il prospetto contributivo.

Autore dell'articolo
identicon

Andrea Mannara

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti, è iscritto all'Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania. Specializzato in economia aziendale, contabilità e bilancio, opera nell'ambito della consulenza amministrativa, contabile, fiscale e del lavoro. Ha maturato una notevole esperienza nell'ambito della revisione contabile, soprattutto in aziende di credito, finanziarie, assicurazioni, industriali e commerciali. Si occupa anche di contenzioso tributario ed è consulente tecnico del giudice. Dal 2013 collabora con l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania sulle tematiche relative alla legislazione e alle politiche fiscali del territorio. Impegnato in parrocchia e nel volontariato, è attento conoscitore dei riti liturgici. Amante della musica classica, svolge anche il servizio di organista nella propria parrocchia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *