Calcolo Acconto IMU

Il versamento del diritto camerale per gli enti no-profit

di Dott. Sergio Ricci CommentaIn No Profit, Parliamo di ...

L’obbligo, l’mporto e le modalità di pagamento del diritto REA anno 2012 per gli enti no-profit

Una nota del ministero dello Sviluppo economico, datata 27 dicembre 2011, ha dato il via libera all’applicazione, anche per il 2012, dei criteri già fissati per il 2011, relativamente al pagamento del diritto camerale.

L’adempimento oltre che tutte le imprese iscritte o annotate nell’apposito Registro tenuto presso la Cciaa (Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura), anche gli enti non profit che svolgono attività commerciale in via non prevalente.

Infatti, anche per il 2012 sono state confermate anche le misure transitorie adottate nel 2011 a seguito delle modifiche normative introdotte dal Dlgs 23/2010 e quindi l’adempimento riguarda anche gli enti non profit iscritti nel Repertorio delle notizie economiche e amministrative (REA) e cioè le associazioni, fondazioni, comitati e altri enti non societari, comprese le parrocchie e gli enti ecclesiastici, che esercitano attività d’impresa, agricola o commerciale, in via non esclusiva o prevalente e quindi che sono in possesso di partita Iva ma le cui entrate commerciali sono sussidiarie e comunque non prevalenti rispetto alle entrate istituzionali.

Gli enti non profit iscritti al REA devono versare un diritto annuale di 30 euro (ricordando che alcune camere di commercio possono applicare la maggiorazione prevista dall’art. 18 comma 6 della legge 580/1993, ed è quindi buona norma verificare se la propria Camera di Commercio competente per territorio ha applicato tale maggiorazione o tenuto il diritto base di 30 Euro).

Tale diritto annuale deve essere versato entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, scadenza che, quest’anno, slitta “naturalmente” da sabato 16 giugno a lunedì 18 giugno.

Anche per il versamento di tale diritto è riconosciuta, comunque, la possibilità di differire il pagamento entro i successivi 30 giorni aggiungendo una maggiorazione dello 0,40 per cento. Lo strumento da utilizzare è il modello F24 , sezione “ICI ed altri tributi locali” (vecchio modello F24) oppure sezione “IMU ed altri tributi locali” ( nuovo modello F24), con indicazione del codice tributo “3850”, l’indicazione della provincia dove l’ente che svolge attività commerciale ha sede e l’anno “2012”.

L’importo è compensabile con altri crediti tributari che l’ente, eventualmente, vanta. Invece, gli enti non profit che nel 2012 si iscrivono (o si annotano) per la prima volta nel REA, sono tenuti a versare il tributo entro trenta giorni dalla presentazione della domanda.

Ricordiamo anche , a scanso di equivoci e malintesi, che nel caso in cui associazioni, fondazioni ed enti non profit di qualunque natura esercitino in via esclusiva o principale attività economiche e commerciali ( e quindi non via complementare e sussidiaria ma a commercialità prevalente) sono tenuti all’iscrizione nel Registro delle Imprese alla stessa stregua delle società commerciali ed al pagamento del diritto in base ai scaglioni previsti per chi esercita attività d’impresa.

La nota stonata

Diverso è il caso in cui, pur non avendo tali enti il presupposto per l’iscrizione al REA ( vedi paragrafo sotto) in quanto non esercitano alcun tipo di attività commerciale, neppure in via sussidiaria, e non avendo quindi neppure la partita Iva. In tal caso questi enti sono solo regolarmente iscritti al Registro Regionale delle Persone Giuridiche Private, il cui registro tenuto in via telematica presso il REA della CCIAA competente per territorio per una convenzione in essere tra pubbliche amministrazioni.

Si ritiene quantomeno controversa, in questi casi, la richiesta del pagamento del diritto Rea annuale basato sulla semplice iscrizione in quanto persona giuridica, in quanto si ritiene che tali enti possano non avere il presupposto per il pagamento del diritto annuale. Risulta indispensabile quindi un chiarimento del Ministero dello Sviluppo Economico che chiarisca l’aspetto e leghi definitivamente il pagamento del diritto REA annuale all’esercizio di un’attività economica accessoria effettivamente esercitata e non ad altri aspetti di natura tipicamente “burocratica”.

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Sergio Ricci

Google+

Il dr. Sergio Ricci è uno degli esperti italiani del settore non profit e cooperativo con particolare riferimento agli aspetti manageriali, organizzativi , finanziari, tributari e contabili. Come consulente di direzione è iscritto Apco 2012/0019 ed è qualificato internazionalmente (Certified management consultant). In tale veste di esperto collabora da circa venti anni con le più importanti riviste e testate, italiane e anche straniere, vantando circa 350 pubblicazioni sul tema del non profit. Tra le riviste e testate dove vi sono suoi articoli e commenti, si segnalano : la rivista Terzo Settore del Sole 24 Ore, Il Consulente Non profit del Quotidiano Avvenire, la Rivista della Guardia di Finanza dell’Ente Editoriale della Guardia di Finanza, la rivista Enti Non Profit di Ipsoa Wolters Kluver Editore, la rivista Non Profit di Maggioli Editore, il giornale Volontariato Oggi del Centro Nazionale del Volontariato, la Rivista Associazioni & Sport di Euroconference Editore, solo per citarne alcune. Tra le altre pubblicazioni, è autore del libro “Trust e Non Profit” ( gennaio 2013) pubblicato da Maggioli Editore ed è curatore del Codice del Non Profit pubblicato da Novecento Media Editore ( gennaio 2014). Tiene altresì molti corsi di formazione e seminari sul tema degli enti non profit, in particolare è docente al Corso di Specializzazione sul Terzo Settore e Non Profit tenuto presso l’Università Cattolica di Milano ed al Corso di Perfezionamento “Diritto, Fisco e Società Civile nel Terzo Settore” tenuto presso l’Università Statale di Milano. Lo Studio Professionale del dr. Ricci Sergio, da sempre specializzato nel non profit e nella cooperazione, è lo studio di consulenza che segue molte importanti realtà del terzo settore e dell’economia sociale italiana. Lo Studio professionale opera, in conformità alla legge 4/2013, fornendo un’assistenza complessiva a tutte le tipologie di enti non profit con particolare riferimento alla gestione direzionale, organizzativa, manageriale, contabile, finanziaria e tributaria ivi compresa l’assistenza allo sviluppo dell’economia innovativa e sociale. Maggiori informazioni si possono trovare anche su : www.riccisergio.com oppure su www.studioriccinonprofit.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *