Editoriale – La settimana fiscale dal 16 al 20 Luglio 2012

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

ben ritrovati! Ecco le principali novità fiscali della settimana.

E’ entrata in vigore mercoledì 18 luglio 2012 la Riforma del Lavoro, ovvero la Legge n. 92/2012. La Riforma introduce molte novità, sia in tema di flessibilità in entrata, con la revisione dei contratti atipici e l’abrogazione dei contratti di inserimento dal 2013, sia in tema di flessibilità in uscita e di ammortizzatori sociali. Entrate in vigore dal 18 luglio, pertanto, anche le nuove norme sui licenziamenti con le modifiche apportate all’art. 18 dello Statuto dei lavoratori.
Tra le altre misure, la Riforma del Lavoro congela per un anno l’aumento dell’aliquota contributiva per gli iscritti alla Gestione Separata, che quindi resterà al 27% anche nel 2013.
Il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha pubblicato il 18 luglio la Circolare n. 18/2012 per fornire le prime indicazioni operative al personale ispettivo sulle novità introdotte dalla Riforma del Lavoro in merito alle varie tipologie contrattuali, al collocamento al lavoro dei disabili ed ai meccanismi di contrasto alle c.d. “dimissioni in bianco”. Il Ministero si riserva di fornire, rispetto a ciascun istituto, “chiarimenti più esaustivi con separati provvedimenti”.

In questi giorni sono stati presentati alla Commissione Finanze della Camera diversi emendamenti al Decreto Sviluppo, che ora sono all’esame per la conversione in legge del decreto. Tra gli emendamenti proposti, vi è quello che punta ad inserire un automatismo nella deduzione delle perdite su crediti di importo contenuto, con soglie differenziate tra piccole e grandi imprese. L’emendamento, infatti, mira a far scattare gli elementi certi e precisi per lo sgravio delle perdite se il loro importo non supera i € 5.000 per le imprese di più rilevante dimensione ed i € 2.500 per le altre, a condizione che siano trascorsi 6 mesi dalla scadenza di pagamento.
Un altro emendamento prevede, poi, una estensione dell’Iva per cassa alle imprese con volume d’affari fino a 2 milioni di euro (oggi tale limite è € 200.000). L’Iva diviene comunque esigibile dopo il decorso di un anno dal momento di effettuazione dell’operazione. La norma è finalizzata a dare una boccata d’ossigeno alle imprese, che in questo momento si trovano in un periodo di grande difficoltà economica.

Il Decreto sulla Spending Review (D.L. n. 95 del 6.7.2012), all’art. 3, comma 19, ha prorogato dal 30 giugno al 30 settembre 2012 il termine per la presentazione della domanda di variazione catastale dei fabbricati per ottenere il requisito di “ruralità”. Considerato che il 30 settembre 2012 cade di domenica, è possibile presentare la domanda entro le ore 24:00 di lunedì 1° ottobre 2012.

Dalle ore 15 del 18 luglio alle ore 23 del 12 agosto 2012 aziende e intermediari potranno trasmettere le istanze telematiche per richiedere lo sgravio contributivo sulle somme incentivanti corrisposte nell’anno solare 2011 (dal 1° gennaio al 31 dicembre). Lo ha reso noto la Circolare Inps n. 96 ed il messaggio Inps n. 11967 diffusi il 17 luglio dall’istituto.

La direzione V antiriciclaggio del Ministero dell’Economia, in una circolare diffusa il 12 luglio scorso, ha precisato che la deroga al limite di € 1.000 per l’utilizzo di denaro contante, applicabile entro i € 15.000 per finalità turistiche, è sottoposta comunque agli adempimenti relativi agli obblighi antiriciclaggio, quali l’adeguata verifica della clientela, la segnalazione di operazione sospetta, l’obbligo di comunicazione al Ministero. Sarà, quindi, fondamentale che l’intermediario acquisisca copia della ricevuta della comunicazione preventiva inviata all’Agenzia delle Entrate con l’indicazione del conto corrente sul quale verranno effettuati i versamenti.

L’art. 12, comma 4, del Decreto fiscale (D.L. 16/2012), per garantire una maggiore trasparenza dell’iter giurisdizionale del contenzioso tributario su terreni e fabbricati, ha previsto l’annotazione negli atti del catasto anche delle sentenze non esecutive. In attuazione di tale disposizione, l’Agenzia del Territorio, con Provvedimento del 17 luglio scorso, ha definito le modalità di annotazione, stabilendo che essa è effettuata dall’ufficio provinciale territorialmente competente entro 30 giorni dal rilascio della copia della sentenza, da parte della segreteria della Commissione tributaria, accompagnata dall’attestazione del passaggio in giudicato, o entro 90 giorni dalla data in cui l’ufficio ha avuto conoscenza della definitività della decisione.

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 12175 depositata il 16 luglio 2012, ha ribadito che la presenza non occasionale di dipendenti e collaboratori comporta per il professionista l’obbligo di versare l’Irap, a prescindere dal rapporto tra costo sostenuto e volume d’affari realizzato. La Corte ha, inoltre, affermato che il termine di 48 mesi previsto per l’istanza di rimborso decorre da ogni singolo acconto e non dal saldo d’imposta.

L’art. 8 del Decreto fiscale (D.L. n. 16/2012) ha stabilito la deducibiità dei costi da reato, salvo spese e costi direttamente utilizzati per il compimento di atti o attività illeciti. A seguito di tali modifiche normative intervenute, la Consulta, a cui era stata rinviato il giudizio sull’incostituzionalità della vecchia norma (art. 14, comma 4-bis, Legge n. 537/1993) che prevedeva l’indeducibilità di tali costi, restituisce ora gli atti alla Commissione regionale del Veneto perché questa valuti se sia ancora attuale la rilevanza delle circostanze a suo tempo sollevate. Ciò sulla base di quanto previsto dall’ordinanza della Corte Costituzionale n. 190 depositata il 16 luglio 2012.

Un augurio di buon lavoro, o di buone ferie per alcuni… Alla prossima!

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *