Detrazioni per oneri in dichiarazione: le erogazioni liberali

di Andrea Mannara 3 CommentiIn Dichiarazioni, Le detrazioni per risparmiare

Nell’articolo precedente “Detrazioni per oneri nella dichiarazione dei redditi” abbiamo illustrato quali sono gli oneri che, in sede di dichiarazione dei redditi, il contribuente può portare in deduzione. Abbiamo anche messo in luce la differenza tra oneri deducibili e oneri detraibili.

In questo articolo analizzeremo una delle fattispecie di detrazioni ammesse: le erogazioni liberali.

Con il termine erogazioni liberali si intende il versamento effettuato dal contribuente a favore di associazioni di promozione sociale, enti di ricerca e volontariato, onlus, istituti di istruzione e di formazione artistica, associazioni culturali ed altro.
Il versamento effettuato dal contribuente a favore di questi soggetti si configura come una liberalità. Si tratta cioè del versamento di piccole somme di denaro con lo scopo precipuo di sostenere le iniziative e le attività istituzionali svolte dagli enti beneficiari.

Le casistiche contemplate dal legislatore sono diverse. Una breve elencazione la si può trovare nelle istruzioni ai modelli dichiarativi.

 

In sintesi, le erogazioni liberali ammesse al beneficio della detrazione sono quelle a favore di:

– popolazioni colpite da calamità pubbliche o da eventi straordinari;
– associazioni sportive dilettantistiche;
– società di mutuo soccorso;
– associazioni di promozione sociale;
– associazioni ed enti che svolgono attività culturali ed artistiche;
– enti dello spettacolo;
– fondazioni operanti nel settore della musica;
– istituti scolastici.

 

La misura della detrazione
La detrazione spetta nella misura del 19% delle spese sostenute.
È importante sottolineare che si tratta sempre e comunque di una detrazione di imposta. Questo vuol dire che la detrazione andrà a ridurre l’imposta lorda che il contribuente è chiamato a versare in base alla propria dichiarazione dei redditi. Nel caso in cui non ci sia più imposta da versare, la detrazione non produrrà alcun effetto e, non trovando capienza, non potrà neppure essere riportata per i periodi successivi di imposta.

 

Documentazione utile ai fini della detrazione
Per poter usufruire della detrazione, il versamento delle somme deve essere certificato da parte dell’ente beneficiario. Il pagamento può avvenire attraverso contanti, carte di credito, bonifici.

 

Le novità per il periodo di imposta 2013
Per il periodo di imposta 2013, sono state introdotte due novità:
1) erogazioni liberali a favore di Onlus, con percentuale di detrazione pari al 24%;
2) erogazioni liberali a favore di partiti e movimenti politici, con percentuale di detrazione pari al 24%.

Autore dell'articolo
identicon

Andrea Mannara

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti, è iscritto all'Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania. Specializzato in economia aziendale, contabilità e bilancio, opera nell'ambito della consulenza amministrativa, contabile, fiscale e del lavoro. Ha maturato una notevole esperienza nell'ambito della revisione contabile, soprattutto in aziende di credito, finanziarie, assicurazioni, industriali e commerciali. Si occupa anche di contenzioso tributario ed è consulente tecnico del giudice. Dal 2013 collabora con l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania sulle tematiche relative alla legislazione e alle politiche fiscali del territorio. Impegnato in parrocchia e nel volontariato, è attento conoscitore dei riti liturgici. Amante della musica classica, svolge anche il servizio di organista nella propria parrocchia".

Comments 3

  1. Non è prevista, ove è più conveniente per il contribuente, la deducibilità dal reddito?
    Grazie

  2. Buongiorno, effettuo annualmente delle donazioni ad una onlus ,a mio nome (con certificazione delle donazioni effettuate rilasciato dall’ente intestata a me ).
    Il pagamento viene effettuato tramite bonifico da un conto cointestato con mio marito.
    Può usufruire mio marito delle detrazioni che spetterebbero?O vanno perse?
    IO dallo scorso anno non lavoro e sono coniuge a carico.

    1. Suo marito può portare in detrazione le spese sostenute dal familiare solo quando questi è fiscalmente a carico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *