Decreto Sisma: si amplia la misura Resto al Sud

di Arleo dott. Giuseppe 2 CommentiIn Agevolazioni, In Evidenza, Senza categoria

Con il Decreto Sisma approvato in data 21 ottobre dal Consiglio dei Ministri e  pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 250 del 24 ottobre 2019 (DL 123 2019), si amplia ulteriormente la platea dei potenziali beneficiari della misura Resto al Sud (DL 91 2017) di Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa

Possono presentare domande di agevolazione al fine di avviare imprese in start up anche coloro che sono residenti nelle regioni colpite dal sisma negli anni 2016 e 2017. Il Decreto ha individuato oltre cento comuni facenti parte del cratere sismico presente nelle regioni:

  • Umbria
  • Lazio
  • Marche

Le aree sopra indicate si aggiungono, quindi, alle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna dove i giovani under 36, cui si aggiungeranno a breve con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM  anche gli under 46, potranno presentare domande di incentivi al fine di avviare start up nei seguenti settori:

  • Servizi alle imprese ed alle persone
  • Professionisti (anche questo provvedimento è ancora in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale)
  • Produzione di beni nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione di prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
  • Turismo

L’agevolazione consente di ottenere i fondi per effettuare investimenti in attrezzature, macchinari e arredi a condizione che siano nuovi di fabbrica, le opere edili nella misura del 30% dell’ammontare degli investimenti ed infine le spese afferenti al capitale circolante, esempio canoni di locazione, utenze, materie prime ecc. entro il 20%.

Il proponente può ottenere fino ad un massimo di 50.000,00 se ditta individuale e, fino ad un massimo di 200.000,00, se il progetto viene presentato in team. La percentuale a fondo perduto è pari al 35% mentre il restante 65% viene concesso in mutuo restituibile in 8 anni a rata semestrali a partire dal terzo anno.

La presentazione delle domande di agevolazione è telematica attraverso il portale dedicato e la valutazione è a sportello in base all’ordine di arrivo delle domande.


Autore dell'articolo
identicon

Arleo dott. Giuseppe

Dottore Commercialista iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Salerno dal 2005. Presidente Commissione Studi finanziamenti alle imprese dell'Ordine. Collabora con l'Università degli Studi di Salerno e con testate giornalistiche locali e nazionali.

Comments 2

  1. Vorrei segnalare che si aspetta da Gennaio il decreto attuativo per la presentazione delle domande da parte dei professionisti.

    1. Buona sera. Effettivamente la situazione è paradossale, le variazioni del bando risalgono alla vecchia legge di stabilità e siamo ancora in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *