Chi sono i familiari a carico

Dal 2013 aumentano le detrazioni per carichi familiari

di Andrea Mannara CommentaIn Dichiarazioni, Manovre Fiscali

L’anno 2012 appena trascorso è stato un anno davvero pesante e critico per l’economia italiana. Il peso della pressione fiscale è aumentato fino a raggiungere livelli pari al 52% (certificati dall’Istat).
In questo contesto non davvero felice, però, un piccolo segnale di miglioramento ci è stato offerto dal legislatore con la Legge di Stabilità per il 2013, e riguarda l’aumento delle detrazioni fiscali per carichi familiari. Si tratta dell’art. 3 comma 483 della legge di stabilità per il 2013.

Analizziamolo assieme e facciamo qualche esempio pratico.

L’articolo in commento dispone che, a partire dal 1° gennaio 2013, all’art. 12, comma 1, lettera c) del Testo Unico delle Imposte sui Redditi sono apportate alcune modifiche.
L’art. 12 del Testo Unico è dedicato alle detrazioni per carichi di famiglia e, in particolare, il comma 1 lettera c) illustra le detrazioni per figli a carico.

Fino al periodo di imposta 2012 tali detrazioni erano pari a:

– euro 800 per ciascun figlio;

– euro 900 per ciascun figlio di età inferiore a tre anni;

– euro 220 in più sulle precedenti se il figlio è portatore di handicap.

A partire dal 2013, invece, queste detrazioni aumentano così:

– euro 950 per ciascun figlio;

– euro 1.220 per ciascun figlio di età inferiore a tre anni;

– euro 400 in più sulle precedenti se il figlio è portatore di handicap.

Facciamo un esempio pratico e vediamo quale sarà il risparmio di imposta, grazie all’aumento delle detrazioni fiscali, per un contribuente rispetto all’anno 2012.
Consideriamo un lavoratore che nel 2012 ha prodotto redditi da lavoro dipendente pari ad euro 25.000; egli vive con la sua famiglia composta da se stesso, coniuge e 2 figli (di cui uno di età inferiore ai tre anni) in una casa in affitto. La moglie è casalinga e non percepisce redditi. Per semplicità non consideriamo le detrazioni per oneri e la detrazione forfettaria per locazione.
Nel 2013 la situazione del nostro contribuente non cambia.

Vediamo cosa accade alle detrazioni confrontando i due anni di imposta.

Anno 2012

Anno 2013

Redditi di lavoro

25.000

Redditi di lavoro

25.000

Reddito complessivo

25.000

Reddito complessivo       

25.000

Deduzioni per oneri

0

Deduzioni per oneri

0

Reddito Imponibile

25.000

Reddito Imponibile

25.000

Imposta lorda

6.150     

Imposta lorda

6.150

Detrazioni per coniuge

690

Detrazioni per coniuge

690

Detrazioni per figli a carico

1.314

Detrazioni per figli a carico

1.677

Totale detrazioni

2.004

Totale detrazioni

2.367

Imposta netta

4.146

Imposta netta

3.783

 

Come si vede chiaramente, nel 2013 le detrazioni per figli a carico sono aumentate di ben 363 euro; il risparmio di imposta che il nostro contribuente avrà nel 2013 sarà dunque pari ad euro 363.

Un piccolo aiuto alle famiglie che dalla crisi economica di questi ultimi anni sono state molto colpite!

Autore dell'articolo
identicon

Andrea Mannara

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti, è iscritto all'Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania. Specializzato in economia aziendale, contabilità e bilancio, opera nell'ambito della consulenza amministrativa, contabile, fiscale e del lavoro. Ha maturato una notevole esperienza nell'ambito della revisione contabile, soprattutto in aziende di credito, finanziarie, assicurazioni, industriali e commerciali. Si occupa anche di contenzioso tributario ed è consulente tecnico del giudice. Dal 2013 collabora con l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania sulle tematiche relative alla legislazione e alle politiche fiscali del territorio. Impegnato in parrocchia e nel volontariato, è attento conoscitore dei riti liturgici. Amante della musica classica, svolge anche il servizio di organista nella propria parrocchia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *