Cosa chiediamo a chi ci governa

di Rag. Luigia Lumia CommentaIn Manovre Fiscali, Parliamo di ...

Il 2011 e l’inizio 2012 sicuramente lo ricorderemo come l’anno delle Manovre.

Manovre 2011


Manovre 2012

 

ed ora si affaccia minacciosa la “Delega Fiscale” per la riforma dell’imposizione sul reddito di impresa.

Purtroppo l’Italia non è cresciuta, le semplificazioni non si vedono, e soprattutto la troppa mole di decreti ha generato una confusione e un accavallamento di date e di scadenze e non si riescono a vedere né sentire gli effetti benefici che promettono.

Alcuni esempi per chiarire cosa vogliamo dire.

Lotta all’evasione e spesometro
Il vecchio redditometro va in soffitta e si pensa a un nuovo misuratore; per far questo si introduce una comunicazione che all’inizio voleva essere diversa dal vecchio elenco clienti e fornitori: si voleva uno strumento che monitorasse solo le operazioni di una certa consistenza superiori a 25.000,00 euro.

Ma il legislatore è titubante, indeciso ed incominciano le discussioni su cosa si deve intendere per spesa superiore a 25.000,00 euro……. si discute all’infinito ed intanto l’elenco delle operazioni relative al 2010, che doveva essere presentato entro il 30 aprile 2011 viene prorogato al 31 ottobre 2011, ma la proroga non basta e la scadenza slitta al 31 dicembre 2011. Circolari, convegni, tavole rotonde … anche la scadenza del 31 dicembre 2011 viene superata e il faticoso traguardo viene raggiunto il 31 gennaio 2012.

La comunicazione relativa alle operazioni 2011 questa volta per le spese superiori a 3000,00 euro sembra avere una sorte piu’ rapida, la scadenza ancora ad oggi è fissata al 30 aprile 2012, ma già le regole del gioco sono cambiate e per le spese del 2012 si ritorna all’elenco clienti e fornitori per tutte le operazioni e per tutti gli importi, senza nessuna esclusione.

Niente male si dira’, ma il legislatore sembra non tenere conto che ogni piccola modifica per le imprese è fonte di costi, se non altro per l’aggiornamento del software contabile e per la parcella del commercialista. Due anni di discussioni e di incertezze e alla fine il legislatore ha buttato la spugna e ha detto: comunicatemi tutto!!! tutto!!!! avete capito????

Ma forse era meglio che prima di chiedere il legislatore si chiarisse le idee su cosa effettivamente gli serve per combattere l’evasione, che abbia chiaro lo scopo che vuole raggiungere, che sia deciso e come uno scalatore che vuole raggiungere la vetta si equipaggi tralasciando i fardelli inutili.

I troppi pesi infatti impediscono in tutti i viaggi di raggiungere la meta perché appesantiscono e stancano.

Comunicazione dei beni utilizzati dai soci
Stesso copione dello spesometro. Si chiede alle società di comunicare i beni che vengono dati in uso ai soci e familiari, ma non si chiarisce quali e come e soprattutto il legislatore si dimentica di dire come comportarsi per quei beni che la società dà in uso agli amministratori-soci ma che considera benefits, o anche per quei beni, quali gli automezzi, per i quali il legislatore, ha già previsto, un uso promiscuo riconoscendo la detraibilità al 40%.

I contribuenti chiedono, ma il legislatore non è chiaro e alla fine non trova di meglio che prorogare la scadenza dal 31 marzo 2012 al 15 ottobre 2012.

L’elenco di questi esempi sarebbe lungo e avremo altre occasioni per parlarne.

Pero’ chiediamo al nostro legislatore, AD ALTA VOCE, di riflettere, pensare prima di legiferare. POCHE LEGGI ma chiare ed efficaci. Norme scelte come perle, misure anche dolorose ma efficaci, PILLOLE AMARE MA BENEFICHE.

Sono periodi in cui tutti percepiamo che cosi’ non si puo’ andare piu’ avanti, e siamo disposti ai sacrifici e alla lotta, ma abbiamo bisogno di un timoniere deciso, che riduca al minimo gli errori e gli sbandamenti, che metta alla cappa la nave ma solo per il tempo necessario per far passare la burrasca per poi riprendere il vento.


Autore dell'articolo
identicon

Rag. Luigia Lumia

Esercita la professione di commercialista dal 1978. Fondatrice del sito www.fiscoetasse.com dal 1999 segue quotidianamente l'aggiornamento del sito, i social network , il Forum, il Blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *