Contratti di locazione: niente piu’ comunicazione alla Questura e obbligo di registrazione telematica

di Rag. Luigia Lumia 66 CommentiIn La Casa, Manovre Fiscali

Chi ha spesso a che fare con la redazione di contratti di locazione di immobili deve tenere conto di due importanti novità: la prima relativa alla registrazione e la seconda relativa alla comunicazione in Questura.

Diciamo che a parere di chi scrive la prima è una bella complicazione e la seconda una bella semplificazione.

Me veniamo, prima di commentare, a illustrare le novità:

Registrazione telematica dei contratti di locazione

Dal 29 aprile 2012 i proprietari di almeno 10 unità immobiliari sono obbligati alla registrazione telematica dei contratti di locazione.Il numero delle 10 unità riguarda non solo gli immobili affittati ma tutti quelli posseduti e utilizzati direttamente.

Quindi l’obbligo riguarda anche il proprietario di 10 unità immobiliari che ne affitta solo una.

Prima di questa modifica introdotta dal Decreto “Semplificazioni fiscali” (D.L. 16/2012 art.8 c. 10-bis), l’obbligo di registrazione telematica interessava chi possedeva almeno 100 immobili.

La registrazione telematica era per tutti una possibilità ma non un obbligo, e farla diventare un obbligo per piccoli proprietari puo’ diventare piu’ che una semplificazione una bella complicazione oltre che tradursi in un aggravio di costi inutili.

Molti proprietari usano infatti curare direttamente la registrazione dei propri contratti e non è detto che tutti sono  esperti inormatici.

Magari sono persone anziane, abituate da decenni alla compilazione del loro contratto e alla registrazione direttamente all’Agenzia, con la compilazione del modello 69.

Ora questi “poveretti” saranno costretti a impare l’utilizzo del computer oppure a rivolgersi al proprio commercialista, il quale sempre piu’ si vede costretto a svolgere lavori di postino per l’Agenzia delle Entrate.

E’ vero che i soggetti abilitati non sono solo i commercialisti ma tutti gli agenti di affari in mediazione, le organizzazioni della proprietà edilizia, i geometri ed ora anche i periti industriali, ma si sa che il commercialista è la persona di riferimento per qualsiasi adempimento di questo tipo e quindi sarà sicuramente chiamato in causa volente o nolente.

La comunicazione alla Questura per le cessioni di fabbricati è stata abolita

Per i contratti soggetti a registrazione in termine fisso la comunicazione alla Questura è definitivamente abolita.

Lo ha stabilito il D.L. n. 79 del 20.06.2012 convertito in legge n. 131 il 7 agosto 2012 che pertanto ha definitivamente stabilito che non sono piu’ soggetti a comunicazione i i contratti di locazione, verbali o scritti, ad eccezione delle locazioni di immobili, non formate per atto pubblico o scrittura privata autenticata, di durata non superiore a 30 giorni complessivi nell’anno e dei contratti di comodato stipulati per iscritto.

Sarà la stessa Agenzia delle entrate, sulla base di apposite intese con il Ministero dell’interno, a trasmettere le informazioni acquisite per la registrazione nel sistema informativo al Ministero dell’interno.

Per i contratti di comodato e per i contratti non soggetti a registrazione in termine fisso l’obbligo potra’ essere assolto anche attraverso l’invio di un modello informatico che verrà approvato entro 90 giorni dalla dala del dl.

La decorrenza è il 21 giugno 2012.

Ricordiamo che per le cessioni di proprietà immobiliari la comunicazione era stata definitivamente cancellata dall’art. 5, comma 4, D.L. 13 maggio 2011, n. 70.

Quindi questa norma non inserità nel decreto “Semplificazioni” è invece una vera semplificazione e un atto di civiltà nei confronti del contribuente.

 

Ecco il testo dell’art. 2 del D.L. 79 convertito nella L. 131 del 7 agosto 2012

Art. 2 – Comunicazione della cessione di fabbricati

1. La registrazione dei contratti di locazione e dei contratti di comodato di fabbricato o di porzioni di esso, soggetti all’obbligo di registrazione in termine fisso, ai sensi del Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, assorbe l’obbligo di comunicazione di cui all’articolo 12 del decreto-legge 21 marzo 1978, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191.

2. L’Agenzia delle entrate, sulla base di apposite intese con il Ministero dell’interno, individua, nel quadro delle informazioni acquisite per la registrazione nel sistema informativo dei contratti di cui al comma 1, nonche’ dei contratti di trasferimento aventi ad oggetto immobili o comunque diritti immobiliari di cui all’articolo 5, commi 1, lettera d), e 4 del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, quelle rilevanti ai fini di cui all’articolo 12 del decreto-legge n. 59 del 1978, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 191 del 1978, e le trasmette in via telematica, al Ministero dell’interno.

3. Nel caso in cui venga concesso il godimento del fabbricato o di porzione di esso sulla base di un contratto, anche verbale, non soggetto a registrazione in termine fisso, l’obbligo di comunicazione all’autorita’ locale di pubblica sicurezza, ai sensi dell’articolo 12 del decreto-legge 21 marzo 1978, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191, puo’ essere assolto anche attraverso l’invio di un modello informatico approvato con decreto del Ministero dell’interno, adottato entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, che ne stabilisce altresi’ le modalita’ di trasmissione.

4. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano per la comunicazione all’autorita’ di pubblica sicurezza, di cui all’articolo 7 del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, per la quale resta fermo quanto ivi previsto. Con il decreto di cui al comma 3 sono definite le modalita’ di trasmissione della predetta comunicazione anche attraverso l’utilizzo di un modello informatico approvato con il medesimo decreto. 5. L’articolo 3, comma 3, primo periodo, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, e’ soppresso. Al medesimo articolo 3, comma 6, primo periodo, le parole: «ai commi da 1 a 5» sono sostituite dalle seguenti: «ai commi 1, 2, 4 e 5». 6. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

 


Autore dell'articolo
identicon

Rag. Luigia Lumia

Esercita la professione di commercialista dal 1978. Fondatrice del sito www.fiscoetasse.com dal 1999 segue quotidianamente l'aggiornamento del sito, i social network , il Forum, il Blog.

Comments 66

  1. Vi prego di specificare che la comunicazione rimane anche nel caso di conduttori extracomunitari.

    1. Ho comprato all’asta pubblica un appartamento occupato da un extracomunitario. Nella perizia del CTU non dice se in forza di regolare contratto di locazione. E nell’ordinanza si dice che il Tribunale vende nello stato di fatto e di diritto come trovas il bene. Ma io ho l’obbligo di fare la denuncia alla Questura oppure no?

    2. ha stabilito il D.L. n. 79 del 20.06.2012 convertito in legge n. 131 il 7 agosto 2012 che pertanto ha definitivamente stabilito che non sono piu’ soggetti a comunicazione i i contratti di locazione, verbali o scritti, ad eccezione delle locazioni di immobili, non formate per atto pubblico o scrittura privata autenticata, di durata non superiore a 30 giorni complessivi nell’anno e dei contratti di comodato stipulati per iscritto.
      Non riesco a capire quanto sopra. Domando avendo acquistato un appartamento all’asta presso il Tribunale. Nella perizia si dice che è occupato, ma non si dice se in forza di un regolare contratto di locazione oppure no. Domando : ho l’obbligo di fare la denuncia alla Questura, cercando di farmi dire il nome dell’occupante (presumo abusivo) oppure no??

  2. Non ho capito se la comunicazione in questura non è più da fare solo in caso di imposta di registro fissa o anche in altre situazioni.
    Mi spiego meglio se affitto un fabbricato con imposta di registro 1 o 2% (a seconda che lo faccia transitare dalla mia ditta individuale), l’imposta di registro viene calcolata in misura percentuale sul canone di locazione. In tale caso è ancora dovuta la comunicazine in questura??

    1. Non ho capito se la comunicazione in questura non è più da fare solo in caso di imposta di registro fissa o anche in altre situazioni.
      Mi spiego meglio se affitto un fabbricato con imposta di registro 1 o 2% (a seconda che lo faccia transitare dalla mia ditta individuale), l’imposta di registro viene calcolata in misura percentuale sul canone di locazione. In tale caso è ancora dovuta la comunicazine in questura??

  3. Devo concedere in comodato d’uso per saltuari periodi inferiori al mese e per motivi di lavoro ad un mio primo cugino,un monolocale che possiedo come seconda casa. Quali sono gli adempimenti da seguire?

    1. Per fare un piacere ad un amico vorrei affittare un piccolo locale per un periodo inferiore a 30 giorni. Devo registrare il contratto ? Devo comunicarlo all’Autorità Giudiziaria ?

      1. Direi che per periodi inferiori a 30 giorni non serve ne’ registrazione nè comunicazione alla questura.

  4. devo dare in uso gratuito a mia figlia l’appartamento accanto al mio e diventerà la sua residenza. Devo comunicare alla questura?

    1. Dal testo della norma a me pare di si.
      “3. Nel caso in cui venga concesso il godimento del fabbricato o di porzione di esso sulla base di un contratto, anche verbale, non soggetto a registrazione in termine fisso, l’obbligo di comunicazione all’autorita’ locale di pubblica sicurezza……”

    2. identicon

      Le comunico che é proprio di oggi la notizia dell’approvazione di un emendamento sul decreto legge IMU che prevede, a scelta dei singoli comuni, l’esenzione dal pagamento della seconda rata Imu per le case concesse in comodato d’uso ai figli.

      1. Mi fa sapere x cortesia i comuni che anno aderito all’estensione x.le case date comodato ai figli grazie. oronzo De GIORGI lecce

  5. Sto per dare in affitto (4+4 anni) un appartemento a cittadini italiani.
    Il contratto verrà registrato telematicamente all’agenzia delle entrate dalla mia commercialista.
    Devo o non devo fare la comunicazione alla Questura?

  6. Pagamento ICI arretrata. Devo regolarizzare ici 2010 su area fabbricabile. Non ho ancora ricevuto avviso di accertamento. Dovrei utilizzare il modello f24 ma adesso non sono piu` utilizzabili quelli con la sezione ici. Quale modello f24 posso utilizzare ? Grazie.

  7. Buongiorno,
    se affitto un appartamento attraverso siti come airbnb o wimdu, devo fare la denuncia di occupazione in questura anche se vengono un giorno solo? e , se si, devo fare la denuncia solo della persona che mi affitta il locale sul sito o per tutte le persone che vi entreranno?
    Grazie e cordiali saluti.

    1. Direi che deve essere data comunicazione alla questura attraverso la schedina alloggiati e puo essere indicato solo il capofamiglia o il capogruppo. L’articolo che prevede tale obbligo è l’art. 109 del TULP inerente gli obblighi dei gestori delle strutture ricettive.
      “Art.109. –

      1. I gestori di esercizi alberghieri e di altre strutture ricettive, comprese quelle che forniscono alloggio in tende, roulotte, nonché i proprietari o gestori di case e di appartamenti per vacanze e gli affittacamere, ivi compresi i gestori di strutture di accoglienza non convenzionali, ad eccezione dei rifugi alpini inclusi in apposito elenco istituito dalla regione o dalla provincia autonoma, possono dare alloggio esclusivamente a persone munite della carta d’identità o di altro documento idoneo ad attestarne l’identità secondo le norme vigenti.

      2. Per gli stranieri extracomunitari è sufficiente l’esibizione del passaporto o di altro documento che sia considerato ad esso equivalente in forza di accordi internazionali, purché munito della fotografia del titolare.

      3. I soggetti di cui al comma 1, anche tramite i propri collaboratori, sono tenuti a consegnare ai clienti una scheda di dichiarazione delle generalità conforme al modello approvato dal Ministero dell’interno. Tale scheda, anche se compilata a cura del gestore, deve essere sottoscritta dal cliente.

      Per i nuclei familiari e per i gruppi guidati la sottoscrizione può essere effettuata da uno dei coniugi anche per gli altri familiari, e dal capogruppo anche per i componenti del gruppo. I soggetti di cui al comma 1 sono altresì tenuti a comunicare all’autorità locale di pubblica sicurezza le generalità delle persone alloggiate, mediante consegna di copia della scheda, entro le ventiquattro ore successive al loro arrivo. In alternativa, il gestore può scegliere di effettuare tale comunicazione inviando, entro lo stesso termine, alle questure territorialmente competenti i dati nominativi delle predette schede con mezzi informatici o telematici o mediante fax secondo le modalità stabilite con decreto del Ministro dell’interno”.

          1. non ha nessun senso. dal momento che per utilizzare un sito come airbnb occorre autenticarsi mediante carta d’identità… per permanenze di breve durata come di lunga comunicare all’autorità i nominativi è snervante e superfluo

      1. Non è corretta questa risposta.
        La legge dice diversamente.
        Chi affitta attraverso airbnb non esercità attività imprenditoriale ma non abituale.
        Quindi non è una struttura ricettiva.
        Se si affitta con contratti (verbali o scritti) per periodi inferiori a 30 giorni, l’obbligo non c’è mai stato.
        Tant’è che gli alloggiati web sono solo per chi esercita l’attività di b&b, in modo continuativo.

        1. Buonasera,potrei sapere qual è la legge di cui parla?… qualcuno dice che è obbligatorio segnalare entro 48 ore alla questura i nominativi degli alloggianti,anche se inferiori ai 30 gg,altri no… vorrei sapere con certezza chi dice la cosa corretta,grazie
          Silvia

        2. Buongiorno. Mi sono appena iscritta a airbnb come host e le chiedo: sa se la regola che lei espone – il non obbligo di denunciare alla questura ospiti che rimangono meno di 30gg – é ancora valida? Non riesco a trovare risposta. La normativa é cambiata? Grazie

  8. Per gli affitti (di appartamento) inferiore ai 30 gg c’è l’obbligo di comunicazione alla questura?

    1. Si va fatta la comunicazione non essendo un contratto registrato. Anche per i privati per le case vacanze la Polizia di Stato ha previsto la comunicazione attraverso le schedine per gli alloggiati. La comunicazione puo’ anche essere telematica

        1. Si è obbligatoria. Airbnb ha inviato anche una mail ! Anche io pensavo non lo fosse e invece va assolutamente registrato L ospite per via telematica. Se non si fa le multe sono salatissime!

  9. Buongiorno,
    Nel conteggio delle unità ummobiliari si fa riferimento anche ai prati? Devo considerare solo il quadro B o anche il quadro A del mio 730 per calcolare gli immoboli? Posso fare io direttamente la registrazione telematica o devo avvallermi obbligatoriamente di un professionista abilitato? Grazie per l’attenzione

  10. La mia fidanzata argentina deve che è da un anno convive con me in casa mia, deve rinnovare il permesso di soggiorno. Tra le tante cose le hanno chiesto un contratto di comodato d’uso gratuito della casa. Quest’ultimo va registrato o no? Grazie in anticipo per la sua risposta

    1. direi si. L’obbligo di registrazione dà certezza al contratto scritto che diversamente non puo’ averla. Quindi per poterlo far valere occorre registrarlo.

  11. Per l’affitto a studenti europei di una stanza per un periodo di 3-6 mesi mese da parte di giovane proprietario di appartamento che non possiede alcun reddito vale l’obbligo di registrazione e di comunicazione alla questuta?

    1. I contratti di durata superiore a 30 giorni devono essere registrati. Non ce nessuna norma che esoneri in base a situazioni soggettive….

  12. vorrei un contratto ad uso abitativo con la cedolare secca devo fare l’iscrizione per una ragazza universitaria che abita fuori della città e che si vuole spostare in citta’ .

  13. Ciao! Avrei un dubbio che mi sta mettendo un po’ in difficoltà col proprietario dell’appartamento. Sono uno studente a Roma e ho affittato una casa per 1 anno e forse rinnoviamo pure per un altro anno. Il problema è il seguente: sto ospitando per 1 mese circa, poco più poco meno, un amico nella mia stanza che sta cercando lavoro stabile a Roma per poi poter rimanere e dividere la stanza con me e quindi anche l’affitto (l’intento è fare o subaffitto o proprio due contratti posti letto separati diretti con il proprietario). Al momento quindi è solo un mio ospite, per quanto tempo rimarrà non lo so di preciso. Per correttezza mia personale ho voluto avvertire il proprietario che sto ospitando un amico per un mese. Nel contratto non c’è nessuna clausola di divieto di subaffitto o di ospitalità, e anche se ci fosse stata quest’ultima non avrebbe avuto alcun significato perché da che mondo e mondo si può vietare l’ospitalità… Basta sfogliare un po’ di qua e di là per scoprire che è contro la legge vietare l’ospitalità, specialmente se si tratta di una persona con difficoltà economica. Ma tornando a noi, visto che sto ospitando una persona a casa mia (la casa che ho affittato) devo procedere in qualche modo con la questura?

    1. Direi che la comunicazione in questura va sempre fatta quando l’ospitalita si protrae per piu di 30 giorni.

  14. Due domande soltanto e poi basta lo prometto xD
    Ma se il mio ospite trova un lavoro nel frattempo, in regola ovviamente, può farlo no? A maggior ragione sarebbe meglio fare la comunicazione in questura?
    Ma che l’ospitalità si protrae per più di 30 giorni come lo si fa a sapere? Cioè, fino a prova contraria posso sempre dire che il mio amico l’ho cominciato ad ospitare dal giorno prima…

  15. desidero sapere se non è più obbligatoria la comunicazione alla Questura anche per i contratti di locazione a studenti universitari
    grazie

  16. Vorrei sapere quali sono gli “obblighi” (comunicazioni alla questura, registrazione…) di una persona anziana e sola che vorrebbe ospitare nella propria abitazione 3 ragazze universitarie conosciute in vacanza in cambio di compagnia e piccole commissioni. Grazie

    1. Puo essere sufficiente a mio parere la sola comunicazione alla questura, proprio perchè vi è ospitalità senza registrazione del contratto di locazione-

  17. Ho un immobile di 40 mq( seconda casa) per il quale ho avviato una casa vacanze,con contratti di locazione: week end ( da 3gg a 4gg) e di tipo turistico ( fino a 30gg) con diversi servizi inclusi nel prezzo di locazione.
    Le mie domande sono queste:
    I clienti se italiani vanno registrate all’autorità p.s.? se stranieri invece?
    Sono corretti i contratti elencati?
    Cosa s’intende per 30gg? Complessivi nell’anno? O si intende 30gg allo stesso cliente?
    Grazie anticipatamente…

  18. Buongiorno, ospito a titolo gratuito una persona in casa mia (che occupa quindi una stranza) che ha la residenza in un’altra provincia della stessa regione: devo o posso comunque fare la denuncia alla questura?
    Grazie

  19. Gent..ma Sigr.ra Luigina,
    ad una mia amica cinese scade il contratto di locazione a fine mese.Io le ho proposto di venire a stare da me (nella mia abitaz. principale) e di dividere insieme le bollette.Mi domandavo: devo registrare un comodato(lei resterebbe almeno fino a luglio) anche se di fatto non occupa tutta la mia casa, ma solo una stanza?E in caso negativo, come la registro in questura senza un contratto?Basta la dichiarazione di ospitalità? E se incrcociano i dati questura/finanza posso andare nei guai?Io non percepirei affitto ma solo le spese..Grazie

  20. Salve, mi chiedevo perché non è più possibile registrare un contratto di locazione in agenzia ma devi farlo telematicamente se sei possessore di oltre 10 immobili? Ho già pagato le imposte con il modello f23 ed ho già apposto le marche da bollo sul contratto, non mi sembra corretto che l’agenzia entrate non ti fa più registrare il contratto tra l’altro non saprei a chi rivolgermi e sopratutto non vorrei perdere soldi ….

  21. Salve come ci si deve comportare per ospitare uno studente dell Equator che viene a studiare l’italiano per 6 mesi e che chiede il raggiungimento in casa mia per avere il visto? Oltre alla denuncia alla PS cosa si deve fare ? un contratto di comodato oppure un contratto vero e proprio per il rimborso spese? Grazie.

  22. Salve, ho in contratto di locazione intestato unicamente a me. Da gennaio verrà a conviere con me il mio fidanzato e l’ho comunicato alla proprietaria che però mi ha detto che il contratto nn prevede nè sublocazione nè comodato e che c’è l’obbligo di sottoscrivere un nuovo contratto inserendo le dovute modifiche con una nuova denuncia alla questura. in questo modo prevedo che vorrà alzare il canone. Ma è vero che è obbligatorio? Ho letto che in caso di “familiari” o conviventi non dovrebbe valere questa limitazione e che la denuncia ora è obbligatoria solo per gli stranieri. Grazie

  23. Buongiorno,
    sono proprietaria di due immobili che vorrei affittare a diversi conduttori per brevi periodi, comunque non superiori a 30 gg.
    Le mie domande sono:
    – l’obbligo di NON registrazione è se il contratto non supera i 30 giorni, ma nei confronti dello stesso conduttore oppure 30 giorni complessivi all’anno cumulando le diverse locazioni con i diversi conduttori??
    – ho qualche obbligo di comunicazione ad una qualche autorità, dei diversi conduttori che si potrebbero succedere nel corso dell’anno??
    – per dichiarare quanto si percepisce attraverso queste locazioni brevi come si fa? è sufficiente utilizzare un classico blocchetto di ricevute alle quali si applica l’imposto di bollo e che verranno presentate per la dichiarazione dei redditi?
    In attesa di una risposta ringrazio in anticipo.

  24. salve.sono una straniera con permesso di soggiorno e convivo da luglio anno scorso con un fidanzato italiano,devo fare la richiesta per la carta di soggiorno e mi serve il contratto a comodato d’uso gratuito.mi può dire come si fa per favore.

  25. Buongiorno, ho messo in affitto casa mia per brevi periodi durante l’estate attraverso questi siti di casa vacanze (tengo a precisare che è l’abitazione dove abito non seconda casa) cosa devo fare devo fare la comunicazione in questura degli ospiti?
    grazie buona giornata.

  26. Buongiorno,
    Per quanto riguarda la formula Air BnB, la comunicazione in questura è necessaria o solo per gli stranieri? E la compilazione del modulo con le generalità è necessario in ogni caso? Grazie

    1. Anche io pongo la stessa domanda, essendo iscritto a Airbnb…La normativa italiana dice, che se la presenza degli ospiti cittadini italiani ed europei), è inferiore ai 30 giorni, non va fatta nessuna comunicazione alle autorità competenti. Se invece trattasi di un extracomunitario, deve essere fatta, anche per pochi giorni. Ma dato che Airbnb, ha comunicato ai propri iscritti (accomunando le due tipologie di ospiti), che bisogna farla anche inferiore ai 30 giorni. A questo punto viene il dubbio. L’unica soluzione è telefonare in Questura e chiedere chiarimenti in proposito..

  27. Salve, parlo a nome di un ragazzo. Due anni fa ha ospitata la sua ragazza nella sua casa di proprietà per un anno, il tutto senza nessun tipo di contratto e in modo gratuito.. Dopo un anno si sono lasciati e lei non voleva abbandonare la casa e per due mesi ha continuato a farla vivere lì perché lei aveva problemi economici,mentre lui è andato a vivere dai suoi genitori. Adesso lei gli ha mandato la guardia di finanza, denunciando il fatto che in questa casa lei viveva senza essere dichiarata ai tempi. come puo comportarsi? La ringrazio anticipatamente!

  28. Devo comunicare a qualcuno la fine del contratto di affitto?
    Ho ricevuto un documento dall’agenzia delle tasse che mi indica il mancato pagamento del secondo anno di affitto della tassa di registrazione del contratto…(o qualcosa del genere). Pensavo fosse da pagare solo una volta ma sopratutto, ora temo che mi arrivino anche altre multe in quanto io non ho comunicato a nessun ente che ora i locali sono sfitti da anni.

  29. Salve sono il proprietario di un appartamento che l estate lo affitto per brevi periodi,è obbligatoria la comunicazione in questare per gli ospiti che arrivano?
    Grazie

  30. Buona sera, devo ospitare una amica che ha necessità della residenza; ovviamente la ospito a titolo gratuito; non cedo immobile ne parte di esso. Convivrà con me per qualche tempo fin chè non troverà un alloggio. A Cosa devo adem piere per non incorrere in qualche irregolarità?
    Vi ringrazio per l’attenzione, Vincenzo

  31. Buongiorno, ho dato in affitto un appartamento con regolare contratto di 4 anni ad un cittadino Italiano single. L’agenzia delle entrate ha comunicato in automatico i dati dell’affittuario direttamente all’Autorità di P.S..
    Ho notato da un pò di tempo che lo stesso ospita in via continuativa un’altra persona. Vorrei sapere, in questo caso come mi devo comportare? Devo fare io una comunicazione all’Autorità di PS?
    Grazie.

    1. Salve, ho una casa molto grande, vorrei affittarne una parte per brevi periodi durante l’estate. Il Comune in cui abito, non ha previsto il pagamento della tassa di soggiorno se si affitta la propria casa, questo mi impedice di avere le credenzili per per poter dichiarare gli ospiti in via telematica alla questura. ln base al decreto legge 79 del 2012, che regola la porzione d’affitto di un’abitazione, sembrerebbe possibile, ma come?

  32. BUONGIORNO ,
    in data 01 aprile 2018 ho concesso in locazione il mio appartamento a due conduttori una italiana ed una russa.
    il contratto di locazione è stato regolarmente registrato dal mio commercialista all’ AdE
    dovevo dare comunicazione anche alla P.S. ?
    posso ancora farlo ?
    Sarò multato ?
    attendo un suo luminare parere
    grazie
    Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *