Come finanziare una Limited Company nel Regno Unito

di Angelo Chirulli CommentaIn Fiscalità Estera, Primo Piano

Ottenere finanziamenti adeguati per poter iniziare e/o continuare ad operare è, per la maggior parte delle aziende, una delle problematiche più importanti da affrontare.

Ci sono alcune fonti di finanziamento abbastanza conosciute, come i finanziamenti bancari, tuttavia esistono anche diversi tipi di finanziamenti vantaggiosi sotto il profilo delle imposte, come l’Enterprise Investment Scheme (EIS) e il Venture Capital Trusts (VCT). Ottenere inizialmente una consulenza fiscale per assicurarsi che questi aiuti siano disponibili può aiutare a richiamare investitori idonei.

Questa nota di orientamento esplora alcune delle opzioni disponibili e le considerazioni fiscali rilevanti per ciascuna di esse.

A)     Prestiti

La maggior parte delle aziende dovrà attivarsi  stipulare un prestito di qualche tipo e le implicazioni fiscali saranno diverse a seconda dei termini del prestito e dell’identità del mutuante. Generalmente si applica il regime delle relazioni di prestito (Loan relationships rules).

  • Prestiti bancari

Gli interessi su prestiti bancari sono generalmente deducibili a livello fiscale. Alcuni costi inerenti il finanziamento del prestito sono deducibili ma una accurata analisi della deducibilita fiscale dei costi dovra’ essere svolta da un professionista.

  • Prestiti dagli azionisti e regole sugli interessi tardivi

Se una società stipula un accordo per un prestito con un’entità diversa da una banca, potrebbero esserci peculiari effetti fiscali. Ad esempio, i prestiti tra parti connesse (la Societa’ e il quotista di maggioranza) sono soggetti a disposizioni anti-elusione fiscale note come “Late interest rules”.  Queste regole si applicano più comunemente quando gli interessi sono pagati a societa’ residenti in un territorio non qualificato secondo la normativa di riferimento (in senso lato, un “paradiso fiscale”), o ad uno degli azionisti di maggioranza della Societa’. Se l’interesse su questo tipo di prestito viene maturato ma non pagato entro i 12 mesi successivi alla fine dell’anno contabile, esso è deducible solo quando viene pagato piuttosto che quando viene maturato.

  •  Tassazione alla fonte (20%)

Può sussistere l’obbligo di trattenere le imposte alla fonte sui pagamenti degli interessi derivanti dai prestiti agli azionisti. Se questo è il caso, la compagnia dovrà inviare una relativa dichiarazione ad HMRC e pagare questa tassa su base trimestrale a HMRC utilizzando il modulo CT61.

  •  Interessi su prestiti di azionisti possedenti almeno il 5% delle azioni

Se un individuo prende in prestito del denaro per acquistare azioni di una societa’ di cui possiede almeno il 5% del capitale sociale, allora gli interessi pagati su quel prestito possono beneficiare di peculiari agevolazioni fiscali.

B)     Fixed asset financing

Le imprese possono finanziare l’acquisizione di immobilizzazioni materiali mediante un accordo di finanziamento con il rivenditore, ad esempio quando si acquista un’auto o una fotocopiatrice, ecc.

Il trattamento fiscale dipende dal tipo di accordo finanziario. In termini generali, un contratto di noleggio è trattato come se il trader possegga il bene stesso, e un leasing operativo è considerato come un puro contratto di locazione.

C)      Sgravi fiscali

La disponibilità degli sgravi fiscali è spesso una parte importante della strategia di finanziamento di un’impresa di Diritto Inglese.

I seguenti sgravi fiscali potrebbero essere disponibili:

• Agevolazioni fiscali in materia di Ricerca & Sviluppo – vedi https://www.gov.uk/guidance/corporation-tax-research-and-development-rd-relief

• Annual  Investment allowance – vedi https://www.gov.uk/capital-allowances/annual-investment-allowance

• Svariati sgravi fiscali per il settore creativo come quelli relativi ai film, alla produzione televisiva e di videogiochi

• Sgravi fiscali per spese relative a brevetti qualificanti

Laddove la disponibilità degli sgravi fiscali è fondamentale per il successo dell’azienda, è importante considerare il prima possibile il metodo più appropriato per ricevere finanziamenti.

Non tutti questi sgravi possono essere richiesti allo stesso tempo, quindi è fondamentale considerare quali siano i più vantaggiosi per la società o per il gruppo in questione.

D)     Enterprise Investment Scheme (EIS)  

L’Enterprise Investment Scheme offre concreti incentivi fiscali agli investitori in aziende qualificate. Ci sono condizioni rigorose e la consulenza fiscale su EIS dovrebbe erogata da un professionista esperto.

In sintesi, le agevolazioni fiscali sotto l’EIS sono le seguenti:

  • sgravi fiscali per l’investitore fino al 30% dell’importo investito (con relativa riduzione della sua Income Tax)
  • le cessioni di azioni EIS qualificanti dopo tre anni di relatiovo possesso possono essere esenti da Tassazione delle Plusvalenze
  • le perdite sulle azioni EIS possono essere compensate con il reddito imponibile dell’individuo

E)      Seed Enterprise Investment Scheme (SEIS)

Il Seed Enterprise Investment Scheme è disponibile per gli investimenti dal 6 aprile 2012 in poi.

I vantaggi principali del sistema sono simili a quelli previsti per l’EIS, tuttavia il SEIS è da considerarsi maggiormente vantaggioso per alcuni tipi di investitore:

a)       Gli investitori possono ricever un iniziale vantaggio fiscale pari al 50% dell’ investimento sino a £100,000;

b)      L’investitore puo’ anche essere il direttore della societa’ (ma non un impiegato della stessa);

c)       La massima quota individuale non puo’ superare il 30% del capitale sociale

 

F)      Venture Capital Trusts (VCT)

Una VCT è una società, approvata da HMRC, che sottoscrive azioni o presta denaro a piccole società non quotate simili alle società sogette ad EIS. Secondo il relativo schema fiscale, i VCT e i loro investitori godono di alcune agevolazioni fiscali simili alle esenzioni fiscali previste per l’Enterprise Investment Scheme.

G)     Finanziamenti governativi

Le imprese Inglesi possono anche richiedere sovvenzioni pubbliche.

Alcuni esempi sono:

  • l’Enterprise Finance Guarantee: assistenza per le imprese che altrimenti non avrebbero diritto ad un prestito;
  • Small Loans for Business – Piccoli prestiti per le imprese: prestiti fino a 50.000 sterline per le PMI che non sono state in grado di ottenere finanziamenti in precedenza;
  • Finance for Business: soluzioni finanziarie per le imprese che non possono ottenere finanziamenti da banche e investitori commerciali “standard”.

Per ulteriori informazioni, il sito Web GOV.UK è una fonte di informazioni utile e completa.



Autore dell'articolo
identicon

Angelo Chirulli

Dottore Commercialista e Consulente del Lavoro operante a Londra. Iscritto sia all’Ordine Italiano dei Commercialisti che all'Ordine Inglese dei Chartered Accountants (ICAEW). Abilitazioni Inglesi: ACA, MAAT e CIPD. Mail: [email protected] Website: https://www.hwfisher.co.uk/about-us

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *