Calcolo IMU Fabbricato rurale strumentale situato nel Comune di Roma

di Rag. Luigia Lumia 4 CommentiIn IUC (Imu - Tasi - Tari)

L’esempio al giorno del calcolo IMU prosegue prendendo in esame un fabbricato rurale strumentale sito nel Comune di Roma.

Per i fabbricati rurali nel calcolo dell’IMU deve tenersi conto se sono strumentali all’attività agricola o no, per cui avremo:

– fabbricati rurali strumentali

– abitazioni rurali

Ricordiamo che i fabbricati rurali ai fini Ici erano esclusi dalla tassazione in quanto il loro reddito era assorbito dal reddito domenicale e agrario dei terreni.

Rientrano tra i Fabbricati rurali ad uso strumentale le stalle, i depositi, gli agriturismi, i fienili, le serre etc. normalmente censiti nella categoria D10.

Per i fabbricati rurali ubicati in Comuni classificati montani o parzialmente montani (sopra i 1.000 metri d’ altezza) il decreto legge n.16 in corso di conversione prevede l’esenzione d’imposta.

Quelli invece situati negli altri Comuni godranno dell’acconto ridotto al 30% e dell’aliquota ridotta dello 0,2% che potrà essere abbassata fino allo 0,1% a discrezione dell’Amministrazione comunale.

I fabbricati rurali ad uso strumentale, indipendentemente dalla loro categoria di attribuzione (A/6 e D/10), sono soggetti ad aliquota Imu agevolata.

I fabbricati rurali che fino ad ora non erano censiti in maniera autonoma , devono essere accatastati entro il termine massimo del 30 novembre 2012. Di conseguenza per tali immobili che possono ancora essere privi di rendita, l’Imu si pagherà in un’unica soluzione a dicembre 2012.

Per come procedere all’accatastamento si veda il sito dell’Agenzia del Territorio al seguente indirizzo:

http://www.agenziaterritorio.it/?id=9780

 

Prendiamo ora in esame il caso di un Imprenditore agricolo professionale (Iap) della Provincia di Roma.

Il suo fabbricato rurale appartiene alla categoria D10 .

Il calcolo dell’Imu si effettuerà moltiplicando la rendita catastale x 5 x 60.

Aliquota ordinaria 0,20 % che potrà essere ridotta ulteriormente allo 0,10

Acconto da pagare entro il 18 giugno pari al 30% del totale.

 

DETERMINAZIONE IMU DOVUTA

Rendita catastale 2.719,00

Coeff. Rivalutazione L. 662/96 1,05

Rendita rivalutata 2.854,95

Coeff. Maggiorato DL 201/2011 60,00

Valore catastale 171.297,00

aliquota IMU comunale 0,20%

IMU lorda 342,59

IMU annua dovuta 342,59

 

Entro il 18 giugno l’ imprenditore dovrà versare alle casse dell’ erario l’anticipo pari al 30 % .

Il Comune potrà prevedere per tali immobili l’aliquota dello 0,10% ma allo stato attuale non ci è dato ancora di conoscere le delibere del Comune di Roma.

 I CALCOLI DELL’IMU SONO EFFETTUATI CON IL TOOL PRELEVABILE SUL NOSTRO BUSINESS CENTER

 


Autore dell'articolo
identicon

Rag. Luigia Lumia

Esercita la professione di commercialista dal 1978. Fondatrice del sito www.fiscoetasse.com dal 1999 segue quotidianamente l'aggiornamento del sito, i social network , il Forum, il Blog.

Comments 4

  1. nel caso di un fabbricato classificato come D10 di proprietà di un soggetto non imprenditore agricolo quale aliquota va considerata?

    1. Ritengo che il fabbricato rurale strumentale abbia le aliquote agevolate anche se posseduto da un soggetto non imprenditore agricolo.

  2. Per un fabbricato rurale strumentale senza rendita catastale in quanto in corso di accatastamento, ma con solo un valore stimato di € 14.000,00 come si effettua il calcolo?
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *