Bonus occupazione 2017

Bonus Sud assunzioni 2017: modalità e procedure per la richiesta

di Marianna Menna CommentaIn La settimana del lavoro, Lavoro, Rassegna Lavoro

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con il decreto direttoriale n. 367 del 16 novembre 2016 ha disciplinato un nuovo incentivo al fine di favorire l’occupazione nelle regioni “meno sviluppate” o “in transizione” il cosiddetto bonus sud assunzioni.

Il  compito di recepire e gestire le modalità di applicazione del decreto è stato affidato all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale che con la circolare n. 41 del 01/03/2017 ha definito tutte le indicazioni operative e contabili per la richiesta del beneficio.

L’incentivo può essere richiesto da tutti i datori di lavoro privati che assumono personale a prescindere dal fatto che siano imprenditori o meno.

Il beneficio può essere richiesto in tutti quei casi in cui ricorrano le seguenti condizioni:

Lavoratori che al momento dell’assunzione, abbiano un’età compresa tra i 16 e i 24 anni e che risultino disoccupati, indipendentemente dal tempo in cui versino in questa situazione;
Lavoratori con almeno 25 anni di età, che invece, al momento dell’assunzione incentivata risultino privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.

L’incentivo spetta a condizione che la prestazione lavorativa si svolga in una regione “meno sviluppata” quale:

– Basilicata,
– Calabria,
– Campania,
– Puglia e Sicilia

o in una regione “in transizione” :

– Abruzzo,
– Molise
– e Sardegna, indipendentemente dalla residenza della persona da assumere e dalla sede legale del datore di lavoro.

L’agevolazione spetta nei limiti delle risorse stanziate che, per le regioni “ meno sviluppate” ammontano ad € 500.000.000,00 e, per le regioni “in transizione”, ad € 30.000.000,00.

Sono incentivabili tutte le assunzioni:

– a tempo pieno o parziale, indeterminato, anche in apprendistato professionalizzante o di mestiere, effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017;
– oggetto di trasformazione di contratto da determinato a indeterminato (in questo caso, naturalmente, non sono richiesti  i requisiti di disoccupazione come previsto in caso di assunzione);
di soci lavoratori di cooperative mediante contratti di subordinazione.

Lo sgravio contributivo ammonta ad € 8.060,00 per un anno.

L’incentivo è fruibile in dodici quote mensili pari ad € 671,66 e, per rapporti di lavoro instaurati ovvero risolti nel corso del mese, detta soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di € 22,08 per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.

L’incentivo, ad eccezione dell’agevolazione prevista per l’apprendistato, non è cumulabile con altri incentivi all’assunzione di natura economica o contributiva. Nella normativa di riferimento si stabilisce che sono esclusi dal Bonus assunzioni Sud 2017 i contratti di lavoro domestico e di lavoro accessorio.

Per la fruizione del beneficio è necessario che il datore di lavoro prenoti la richiesta sul sito Inps, e compili il modulo telematico accessibile seguendo il percorso:

– “DiResCo” dichiarazioni di responsabilità del contribuente;
“B.SUD”

L’Inps esaminerà l’istanza comunicandone l’esito nei giorni successivi. Sarà compito del datore di lavoro procedere all’assunzione del lavoratore entro 7 giorni qualora non l’abbia già fatto.

Per ogni dettaglio si rimanda alla circolare Inps n. 41/2017.

 

Resta sempre aggiornato con  il conveniente abbonamento alla CIRCOLARE SETTIMANALE DEL LAVORO con BANCA DATI documentale di normativa , prassi, giurisprudenza e  contrattualistica del lavoro. Vedi qui gli indici delle ultime uscite !

Autore dell'articolo
identicon

Marianna Menna

Dottore Commercialista e Revisore dei Conti iscritta all'albo dei Dottori Commercialisti di Vasto al n. 146/A. Mi occupo di consulenza fiscale, aziendale e del lavoro presso aziende, società e professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *