La settimana del fisco dal 5 al 9 febbraio 2018

di Dott. Ernesto Zamberlan 1 CommentoIn Parliamo di ..., Primo Piano, Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana caratterizzata dalla proroga ufficiale  dello Spesometro.

Spesometro 2018: invio della comunicazione dei dati entro il 6 aprile 2018
Pubblicato il provvedimento con le regole semplificate per la comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017 , cd. spesometro, da trasmettere entro il 6 aprile 2018. Il provvedimento prevede:
¨        per le fatture di importo inferiore a 300 euro registrate cumulativamente è possibile comunicare i dati relativi al documento riepilogativo anziché quelli dei singoli documenti;

¨        viene limitato il numero delle informazioni da trasmettere;

¨        i contribuenti possono trasmettere i dati delle fatture emesse, di quelle ricevute e delle relative variazioni sia con cadenza trimestrale che con cadenza semestrale.

Telefisco 2018: i principali chiarimenti

Ecco di seguito alcuni tra i numerosi chiarimenti forniti dalle Entrate nel corso di Telefisco 2018:

¨        la legge di bilancio 2018 prevede che l’Agenzia delle entrate possa sospendere fino a trenta giorni, l’esecuzione delle deleghe di pagamento con compensazioni che presentano profili di rischio. Se il modello F24 viene “respinto” perché il credito è inesistente oppure non è utilizzabile la ripetizione del pagamento, se successiva alla scadenza prevista, deve essere sanzionata, se non accompagnata dal ravvedimento;

¨        la nuova scadenza prevista dalla Legge di Bilancio 2018 per la presentazione della dichiarazione dei redditi entro il 31 ottobre, quindi entro 10 mesi dalla chiusura dell’esercizio, non si estende anche ai soggetti con chiusura dell’esercizio non coincidente con l’anno solare;

¨        lo status di convivenza per la detrazione dei lavori di ristrutturazione deve, sussistere alla data di inizio dei lavori;

¨        la legge di stabilità 2018 ha introdotto il bonus verde.  L’Agenzia ha precisato che:

  •   le spese per la manutenzione ordinaria annuale di giardini preesistenti (sia privati che condominiali) non sono agevolabili;
  •   i lavori in economia (ossia quelli fatti direttamente dal contribuente) sul proprio giardino o terrazzo non sono agevolabili;
  •   nel caso di interventi sia su parti comuni che su parti private, il bonus spetta entrambe le volte, su due distinti limiti di spesa agevolabile di 5 mila Euro ciascuno pertanto il bonus complessivo è di 10 mila euro;
  •   il pagamento delle spese può avvenire con assegno, bancomat, carte di credito, bonifici ordinari;

¨        la Legge di stabilità stabilisce che i modelli 730/2018 devono essere trasmessi dai Caf e dai professionisti abilitati entro:

  •   29 giugno, per i modelli 730 presentati dai contribuenti entro il 22 giugno;
  •   7 luglio, per i modelli 730 presentati dai contribuenti dal 23 al 30 giugno;
  •   23 luglio, per i modelli 730 presentati dai contribuenti dal 1° al 23 luglio.

Dichiarazione precompilata 2018: cambiano le specifiche per trasmettere i dati
Con 4 diversi provvedimenti sono state modificate le specifiche tecniche per la predisposizione delle dichiarazioni dei redditi 2018 (anno d’imposta 2017). Ecco di seguito cosa è cambiato:

¨        comunicazione dei dati relativi ai pagamenti effettuati a mezzo bonifico per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici;

¨        modalità e termini di comunicazione all’anagrafe tributaria dei dati relativi alle spese sanitarie rimborsate;

¨        comunicazioni all’anagrafe tributaria dei dati relativi ai contributi versati alle forme pensionistiche complementari;

¨        comunicazioni all’anagrafe tributaria dei dati relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali.

Fusione per incorporazione: i chiarimenti dell’Agenzia
Con la corposa Risoluzione 13/2018, di risposta ad un interpello, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla disciplina fiscale della fusione per incorporazione di una società consolidante con una società non inclusa nel consolidato.

Concludiamo informando che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 6 febbraio 2018  l’elenco dei soggetti (197) che usufruiscono del beneficio riconosciuto a chi opera per realizzare eventi legati agli usi locali di particolare interesse culturale.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Comments 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *