Speciali in Redditometro

Sono presenti 39 articoli
Speciale del 23/08/2018

Decreto dignità: tutte le novità

Misure urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese 2018: ecco cosa cambia articolo per articolo
Speciale del 06/09/2017

Redditometro anche in caso di comunione legale

Per la Cassazione con il redditometro puo valere la presunzione di redditi non dichiarati a carico di uno dei coniugi, anche in comunione legale
Speciale del 20/04/2016

Redditometro: esclusi i beni strumentali

L'Ordinanza n. 7146/ 2016 afferma che non rilevano per il redditometro i beni strumentali all'esercizio di impresa
Speciale del 10/03/2016

Redditometro: d'obbligo il contraddittorio ma non la retroattività

Redditometro: il punto su retroattività e obbligo di contradittorio - Ordinanza Cassazione 3885/2016
Speciale del 10/02/2016

Redditometro, donazioni e redditi pregressi

Per la difesa dal redditometro non basta dimostrare una donazione. La sentenza della Cassazione n. 916/2016 afferma che la prova documentale deve riguardare anche il collegamento tra reddito e spesa
Speciale del 06/02/2016

Come difendersi dal redditometro: regole del contraddittorio e giurisprudenza recente

Il primo passo per difendersi dal redditometro è la partecipazione al contraddittorio che l'Agenzia delle Entrate è obbligata ad instaurare. In questa fase il contribuente può addurre le prove per giustificare le spese che non trovano corrispondenza nei redditi dichiarati.La giurisprudenza sul punto è contraddittoria
Speciale del 25/11/2015

Redditometro: non rilevanti le risultanze del PRA

Cassazione 21959/2015 sulla rilevanza dei dati del PRA - Pubblico Registro Automobilistico - come indice di capacità contributiva (redditometro)
Speciale del 04/11/2015

Redditometro, i criteri per i periodi d'imposta dal 2011

Definiti i criteri per la determinazione sintetica del reddito delle persone fisiche, in base al redditometro, per i periodi d'imposta 2011 e successivi
Speciale del 21/08/2015

Redditometro: l'estratto conto è prova contraria

In materia di accertamento "da redditometro" la Cassazione si esprime pro contribuente sull' estratto del conto corrente bancario come controprova
Speciale del 09/04/2015

Redditometro e leasing: no all’applicazione retroattiva

Per la ricostruzione sintetica del reddito del contribuente irrilevanti i canoni di leasing; Ctp di Sondrio con la Sentenza n. 166/1/2014 del 02.12.2014
Speciale del 27/02/2015

Redditometro e redditi agrari

Il redditometro deve tenere conto dei redditi, come i redditi agrari, che non confluiscono nel reddito imponibile e in generale di tutti i redditi esenti
Speciale del 04/02/2015

Gli aiuti dei familiari bloccano il redditometro

Il redditometro spesso preoccupa anche nell’ambito familiare per i movimenti di denaro che spesso intervengono tra genitori e figli. Una recente sentenza della Commissione tributaria di Firenze la n. 569/3/14 del 5 maggio 2014 stabilisce che nel raffronto con il reddito dichiarato dal contribuente vanno considerati anche i redditi e gli aiuti dei familiari.
Speciale del 15/01/2015

Accertamento sintetico nullo in caso di collegamento tra redditi e spesa per incrementi patrimoniali

In tema di accertamento delle imposte sui redditi (Redditometro), qualora l'ufficio determini sinteticamente il reddito complessivo netto in relazione alla spesa per incrementi patrimoniali, la prova documentale contraria ammessa per il contribuente non attiene solo alla disponibilità di redditi esenti o di redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta ma anche al collegamento stretto tra tale disponibilità e la spesa stessa
Speciale del 10/07/2014

Accertamento imposte dirette: legittimo l'utilizzo del valore determinato nell'ambito dell'imposta di registro

La Cassazione ha più volte affermato che in tema di accertamento del reddito d'impresa (ma il discorso vale anche per i redditi diversi ex art. 67 del TUIR) il valore di mercato determinato in via definitiva in sede di applicazione dell'imposta di registro può essere utilizzato dall'amministrazione finanziaria come dato idoneo ad accertare una plusvalenza patrimoniale, restando a carico del contribuente l'onere di superare la presunzione di corrispondenza tra il valore di mercato e il prezzo incassato mediante la prova, desumibile dalle scritture contabili o da altri elementi, di avere in concreto venduto ad un prezzo inferiore.
Speciale del 28/10/2013

Accertamento con redditometro: illegittimo se i risparmi giustificano il tenore di vita

La Cassazione nella sentenza n. 21994/2913 ribalta il precedente orientamento e afferma che l’accertamento sintetico basato sul redditometro è illegittimo se il contribuente documenta che il proprio tenore di vita è dovuto al risparmio accumulato