Rassegna Stampa in Giurisprudenza

Sono presenti 354 articoli
Rassegna stampa del 17/10/2018
NaspI nuova indennità di disoccupazione

Indennità di licenziamento: prima sentenza "costituzionalmente orientata"

Il giudice del lavoro di Bari decide già sulla base dell' incostituzionalità dell'anzianità aziendale come unica misura del risarcimento per licenziamento illegittimo
Rassegna stampa del 10/10/2018
licenziamento collettivo

Licenziamenti collettivi: prima chi è piu vicino alla pensione

La vicinanza alla pensione può essere un criterio legittimo nei licenziamenti collettivi, anche applicato in tutta l'azienda e non solo nell'area in crisi. Cassazione. Sentenza n. 24755 -2018
Rassegna stampa del 08/10/2018
contumacia-cassazione-169

Contratto a termine per maternità: liberta sulle mansioni del sostituto

Nel contratto a tempo determinato per ragioni sostitutive il lavoratore puo svolgere mansioni diverse e non occupare necessariamente il posto dell'assente. Cassazione n. 23352 2918
Rassegna stampa del 05/10/2018
sentenza cassazione

Dimissioni annullate: retribuzioni solo dalla sentenza

I casi di annullamento delle dimissioni per incapacità di intendere e il recupero delle retribuzioni nella Sentenza di Cassazione n. 21701 del 06 Settembre 2018
Rassegna stampa del 02/10/2018
detassazione  premi - soldi-168

Firma busta paga: non vale come ricevuta

Sentenza Cassazione Lavoro n. 21699 -2018: non esiste una presunzione assoluta di corrispondenza della retribuzione percepita dal lavoratore rispetto a quella risultante dai prospetti di paga
Rassegna stampa del 28/09/2018
agevolazioni prima casa successione donazione

Beneficio prima casa su due abitazioni: possibile se una è "non idonea"

Casa non idonea ad essere abitata nello stesso Comune in cui si acquista la "prima casa": per la Cassazione è possibile usufruire delle agevolazioni
Rassegna stampa del 27/09/2018
Legge 109-15 Renzi Poletti 168

Tutele crescenti: l'indennizzo fisso è incostituzionale

La Consulta annuncia la sentenza di incostituzionalità sulla norma del Jobs Act che lega l'indennizzo per i licenziamenti ingiusti all'anzianità aziendale
Rassegna stampa del 20/09/2018
sentenza-contratto-168x126

Clausola vessatoria: la Cassazione spiega quando serve il consenso esplicito

Clausole vessatorie contro il contraente debole: la Cassazione spiega quando serve il consenso esplificito
Rassegna stampa del 18/09/2018
maternità bambino

Riposi maternità anche contemporanei per padre e madre

Cassazione contro INPS sul caso di un padre che chiede di fruire di riposi giornalieri in contemporanea alla moglie lavoratrice autonoma
Rassegna stampa del 17/09/2018
sentenza_168

Amministratore di condominio: iscrizione ai Commercianti per le società

La cassazione conferma la posizione Inps che chiede l'iscrizione alla gestione commercianti per l'attività di amministratore di condominio in forma societaria
Rassegna stampa del 14/09/2018
divorzio

Bonus prima casa:salvo in casa di passaggio tra ex coniugi

Agevolazioni prima casa: salve in caso di separazione o divorzio. La consolidata giurisprudenza fa fare un passo indietro alle Entrate
Rassegna stampa del 14/09/2018
sentenza cassazione

No al licenziamento per possesso di droga

La Cassazione considera sproporzionata la massima sanzione disciplinare nel caso di possesso di una modesta quantità di droga durante la pausa pranzo
Rassegna stampa del 12/09/2018
infortunio itinere bicicletta

Bicicletta per andare al lavoro: l'infortunio va indennizzato

Svolta "green" in Cassazione: OK alla bicicletta perche il costume sociale è cambiato quindi Inail deve rispondere dei danni per infortunio in itinere
Rassegna stampa del 11/09/2018
irap imposizione

IRAP: compensi elevati corrisposti a terzi non giustificano l'imposizione

Un compenso elevato corrisposto dal contribuente ad un altro professionista non fa scattare in automatico l’imposizione IRAP, lo ha definito la Cassazione con l'ordinanza n. 21762/2018
Rassegna stampa del 11/09/2018
sentenza cassazione

Cassazione 2018: i clienti devono vigilare l’attività del commercialista

Solo l’attività fraudolenta può salvare i clienti dal dovere di controllare l’attività svolta dal proprio commercialista.