HOME

/

FISCO

/

SUPERBONUS 110%

/

BONUS EDILIZI: FAQ DELLE ENTRATE SU VISTO DI CONFORMITÀ E ASSEVERAZIONE

Bonus edilizi: FAQ delle entrate su visto di conformità e asseverazione

Dubbi sull'applicazione di visto e asseverazione post decreto Anti Frodi. Cosa devono fare i professionisti chiamati a certificare? Aggiornati anche i software

Con risposte a faq dei contribuenti le Entrate chiariscono i dubbi in merito alla applicazione del visto di conformità e dell'asseverazione obbligatori per i bonus edilizi anche alla luce della entrata i vigore dal 12 novembre del Decreto Anti Frodi. Vediamo a quali domande ha risposto l'Agenzia delle Entrate e come devono comportarsi i professionisti chiamati a rilasciare visti e asseverazioni.

Inoltre, giovedì 25 novembre 2021 l'Agenzia delle Entrate ha aggiornato i software di compilazione e di controllo per le comunicazioni, in base alle novità e ai chiarimenti forniti.


Visita il nostro focus Tutto Casa, Edilizia, Immobili, Ristrutturazioni con e-book e tools aggiornati per aiutarti sulle scelte in tema di superbonus e bonus edilizia


ATTENZIONE in data 29.11 le Entrate hanno pubblicato la Circolare n 16/E con ulteriori chiarimenti sui nuovi obblighi relativi a visto di conformità e asseverazione per superbonus e altri bonus edilizi.

Leggi Visto e asseverazione bonus edilizi: sintesi delle novità nella Circolare delle Entrate

1) Ecobonus: a quali prezzari si fa riferimento per la congruità delle spese?

Con domanda posta alle Entrate si chiedeva quanto segue: "Nelle more dell’adozione del decreto del Ministero della transizione ecologica di cui al comma 13-bis dell’articolo 119 del decreto legge n. 34 del 2020, relativo all’individuazione dei valori massimi per talune categorie di beni ai fini dell’asseverazione della congruità delle spese, è possibile fare riferimento ai prezzari individuati dal decreto del Ministero dello sviluppo economico del 6 agosto 2020?"

Le Entrate replicano che si è possibile in quanto il decreto ministeriale del 6 agosto 2020 recante “Requisiti tecnici per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici - cd. Ecobonus, con i relativi allegati, è ancora vigente ed è corretto fare riferimento ad esso, in attesa dell’adozione del suddetto decreto del Ministero della transizione ecologica

Inoltre ai sensi dell’articolo 119, comma 13-bis, del decreto legge n.34 del 2020, «Nelle more dell'adozione dei predetti decreti, la congruità delle spese è determinata facendo riferimento ai prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome, ai listini ufficiali o ai listini delle locali camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, ai prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi».

2) Bonus diversi dal Superbonus: quali requisiti deve attestare l'asseverazione?

In merito ai bonus diversi dal superbonus si chiede quanto segue: "L’asseverazione prevista per gli interventi oggetto dei Bonus diversi dal Superbonus, di cui al comma 2 dell’articolo 121 del decreto legge n. 34 del 2020, deve attestare i requisiti tecnici dell’intervento e l’effettiva realizzazione, come previsto per il Superbonus, o riguarda solo la congruità delle spese?"

Le Entrate ricordano che l’articolo 121, comma 1-ter, lettera b), del decreto legge n. 34 del 2020 prevede espressamente che i tecnici abilitati “asseverano la congruità delle spese sostenute” e, quindi, si ritiene che ad essa debba riferirsi la nuova attestazione richiesta. 

Resta, ovviamente, fermo il rispetto dei requisiti e degli adempimenti specificamente previsti per la fruizione delle agevolazioni fiscali diverse dal Superbonus di cui al comma 2 del citato articolo 121 del decreto Rilancio. 

Ad esempio, per gli interventi finalizzati al risparmio energetico che danno diritto alla detrazione di cui all’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013 è necessario porre in essere gli adempimenti previsti dal decreto ministeriale 6 agosto 2020 (requisiti) nel caso di interventi effettuati a partire dal 6 ottobre 2020, ovvero, dal decreto interministeriale 19 febbraio 2007 per quelli iniziati in data antecedente.

Visita il nostro focus Tutto Casa, Edilizia, Immobili, Ristrutturazioni con e-book e tools aggiornati per aiutarti sulle scelte in tema di superbonus e bonus edilizia

Leggi anche Visto e asseverazione: obbligatori solo per bonus edilizi ceduti e comunicati post 12.11 con un altro importante chiarimento delle Entrate

3) Superbonus: visto di conformità e decreto anti frodi

In merito al superbonus si chiede "Un contribuente nell’anno 2021 ha sostenuto spese per interventi rientranti nel cosiddetto Superbonus, per le quali intende fruire della corrispondente detrazione nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2021. In considerazione dell’obbligatorietà del visto di conformità, introdotta dal decreto legge 157 del 2021, anche nel caso in cui il Superbonus sia fruito sotto forma di detrazione, il visto va richiesto in relazione all’intera dichiarazione in cui la detrazione è indicata o può riferirsi solo ai dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione in argomento?

Il comma 11 dell’articolo 119 del decreto legge n. 34 del 2020, come modificato dal decreto legge n. 157 del 2021, ha introdotto l’obbligo del visto di conformità anche nel caso in cui, con riferimento alle spese per interventi rientranti nel cosiddetto Superbonus, il contribuente fruisca della relativa detrazione in dichiarazione dei redditi, salvo il caso in cui la dichiarazione sia presentata direttamente dal contribuente ovvero tramite il sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale. 

Fatti salvi questi casi, si ritiene che il visto di conformità vada richiesto solo per i dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione. Il contribuente è tenuto a conservare la documentazione attestante il rilascio del visto di conformità, unitamente ai documenti giustificativi delle spese e alle attestazioni che danno diritto alla detrazione. 

Resta fermo che il contribuente è tenuto a richiedere il visto di conformità sull’intera dichiarazione nei casi normativamente previsti (ad esempio, cfr. articolo 1, comma 574, della legge n. 147 del 2013, secondo cui i contribuenti che, ai sensi dell’articolo 17 del d.lgs. n. 241 del 1997, utilizzano in compensazione i crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle ritenute alla fonte, alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito e all’imposta regionale sulle attività produttive, per importi superiori a 5.000 euro annui, hanno l’obbligo di richiedere l’apposizione del visto di conformità, relativamente alle singole dichiarazioni dalle quali emerge il credito). Va da sé che il visto sull’intera dichiarazione, in tal caso, è assorbente del sopra descritto obbligo di cui al comma 11 dell’articolo 119.

4) Congruità delle spese: i professionisti abilitati a certificarle

I tecnici abilitati alla verifica della congruità delle spese per gli interventi ammessi al Superbonus possono asseverare anche la congruità prevista dal decreto-legge n. 157 del 2021?

Si ritiene che i tecnici abilitati al rilascio delle asseverazioni previste dall’articolo 119, comma 13, del decreto legge n. 34 del 2020 per gli interventi ammessi al Superbonus possano rilasciare, per la medesima tipologia di intervento, anche l’asseverazione della congruità delle spese sostenute prevista dall’articolo 1 del decreto legge n. 157 del 2021. Ad esempio, per gli interventi che consentono l’accesso al Sismabonus (non rientranti nel Superbonus 110%), può rilasciare l’asseverazione della congruità delle spese il soggetto abilitato a rilasciarla per gli interventi di riduzione del rischio sismico che danno diritto al Superbonus.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 02/12/2021 Istituti case popolari e superbonus: spetta per lavori realizzati da dipendenti dell'ente

Il superbonus nel caso degli IACP-istituti autonomi case popolari. Vediamo quando e per quali interventi spetta il superbonus

Istituti case popolari e superbonus: spetta per lavori realizzati da dipendenti dell'ente

Il superbonus nel caso degli IACP-istituti autonomi case popolari. Vediamo quando e per quali interventi spetta il superbonus

Cessione dei crediti: i controlli delle Entrate per la prevenzione di frodi

Le Entrate con il provvedimento riguardante le frodi sulle cessioni dei crediti di imposta (anche bonus edilizi) definiscono criteri e modalità per sospendere le comunicazioni

Bonus edilizi: le Entrate chiariscono i profili di rischio e controlli preventivi

La Circolare n 16/E del 29.11 fornisce chiarimenti su visto di conformità e asseverazioni per i bonus edilizi e spiegazioni sui controlli preventivi da parte delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.