HOME

/

DIRITTO

/

IL CONDOMINIO 2021

/

QUADRO AC E QUADRO K 2021: OBBLIGHI AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

Quadro AC e Quadro K 2021: obblighi amministratori di condominio

Obblighi dichiarativi degli amministratori di condominio: i quadri da compilare nelle dichiarazione dei redditi 2021 per il periodo d'imposta 2020

L’amministratore o il rappresentante di condominio in sua vece hanno l'obbligo di compilare i quadri dedicati del modello 730 (Quadro K) o del modello UNICO Redditi (Quadro AC). L’obbligo di compilazione sussiste per gli amministratori in carica al 31 dicembre 2020 e riguarda la comunicazione dei seguenti adempimenti:

  • comunicare i dati catastali del condominio a fronte di interventi di recupero del patrimonio edilizio realizzati sulle parti comuni;
  • comunicare all’Anagrafe Tributaria l’importo complessivo dei beni e servizi acquistati nell’anno solare e i dati identificativi dei relativi fornitori (art. 7, comma 8-bis, del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 605).

E' importante ricordare che

  1.  l’amministratore in carica al 31 dicembre anche nel caso in cui sia successivamente cessato dal mandato ha l’obbligo di compilare i quadri in oggetto per quel condominio. Qualora non vi provveda incorre in una sanzione compresa tra 258 e 2.065 euro, sanzione che sarà esclusivamente a carico dell’amministratore stesso e non del condominio.
  2. In presenza di più condomìni amministrati devono essere compilati distinti quadri per ciascun condominio. In ogni caso, tutti i quadri compilati, sia che attengano a uno o più condomìni, devono essere numerati, utilizzando il campo “Mod. N.”, con un’unica numerazione progressiva. 
  3. Nei casi in cui l’amministratore di condominio sia esonerato dalla presentazione della propria dichiarazione dei redditi, la comunicazione deve essere presentata utilizzando il quadro AC che deve essere presentato unitamente al frontespizio del mod. REDDITI 2021.

Di seguito le istruzioni per la compilazione corretta dei quadri dichiarativi in oggetto.


1) Redditi PF2021: Quadro AC per gli amministratori di condominio

Come anticipato, il quadro AC del modello Redditi 2021 (anno di imposta 2020) deve essere utilizzato dagli amministratori di condominio negli edifici, in carica al 31 dicembre 2020, per effettuare gli adempimenti di cui sopra.  

Secondo le istruzioni dei modelli dichiarativi pubblicate dall'Agenzia delle Entrate, il quadro AC deve essere compilato in questo modo.

Il Rigo AC1 deve contenere i dati identificativi del condominio 

  1. Colonna 1 codice fiscale
  2. Colonna 2 eventuale denominazione

Nei righi da AC2 a AC3  devono essere indicati i dati catastali del condominio in caso di interventi di recupero del patrimonio edilizio. In particolare, dovrà essere compilato il rigo AC2 se l’immobile è accatastato, ed il rigo AC3 se invece l'immobile non è stato accatastato.

Per quanto riguarda il rigo AC2 la compilazione è la seguente: 


Colonna 1

codice del comune dove è situato il condominio come indicato nel documento catastale

Colonna 2

barrare T se l’immobile è censito nel catasto terreni, U se l’immobile è censito nel catasto edilizio urbano

Colonna 4

lettere o numeri indicati nel documento catastale; per gli immobili siti nelle zone in cui vige il sistema tavolare indicare il codice “Comune catastale”

Colonna 5

numero di foglio indicato nel documento catastale

Colonna 6

numero di particella che può essere composto da due parti, rispettivamente di cinque e quattro cifre, separato da una barra spaziatrice; se la particella è composta da una sola serie di cifre, quest’ultima va riportata nella parte a sinistra della barra spaziatrice

Colonna 7

numero di subalterno indicato nel documento catastale

Il rigo AC3 che deve essere compilato nel caso in cui si siano svolti inteventi di recupero del patrimonio edilizio su immobili non accattastati, segue le seguenti regole:

Colonna 1

data di presentazione della domanda di accatastamento

Colonna 2

numero della domanda di accatastamento

Colonna 3

sigla della Provincia in cui è situato l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate presso il quale è stata presentata la domanda 

Nei righi da AC4 a AC9  devono essere indicati i dati relativi ai fornitori in regime di impresa e agli acquisti di beni e servizi per il condominio. Attenzione va prestata al fatto che questa sezione, nelle ipotesi in cui sia stata operata dalle banche una ritenuta alla fonte sulle somme pagate dal condominio all’impresa che ha effettuato gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, può non essere compilata da parte dell’amministratore (così come indicato nella risoluzione dell’agenzia delle entrate n. 67 del 20 settembre 2018).

Si ricorda che ai fini della determinazione del momento di effettuazione degli acquisti si applicano le disposizioni previste nel testo unico dell'IVA (DPR 633/72 dell’art. 6), pertanto, in via generale:

  • le cessioni dei beni si intendono effettuate al momento della stipulazione del contratto, se riguardano beni immobili, e al momento della consegna o spedizione, nel caso di beni mobili. 
  • le prestazioni di servizi si considerano effettuate all’atto del pagamento del corrispettivo; qualora, tuttavia, sia stata emessa fattura anteriormente al pagamento del corrispettivo o quest’ultimo sia stato pagato parzialmente, l’operazione si considera effettuata rispettivamente alla data di emissione della fattura o a quella del pagamento parziale, relativamente all’importo fatturato o pagato.  

Nel caso in cui questa sezione vada compilata bisognerà indicare i seguenti dati:

Colonna 1

Codice fiscale o partita Iva del fornitore

Colonna 2

Cognome se il fornitore è persona fisica, denominazione o ragione sociale se soggetto diverso

Caselle 3-7

Se il fornitore è persona fisica vanno indicati nome, sesso, data e comune e provincia di nascita

Colonna 8

Ammontare complessivo degli acquisti di beni e servizi effettuati nell’anno solare

2) 730/2021 e quadro K: riepilogo della compilazione

Il quadro K del modello 730/2021, segue le stesse regole di compilazione del quadro AC del modello REDDITIPF2021 descritte sopra.  

Riassumendo:

  • Nel rigo K1 devono essere indicati, relativamente a ciascun condominio: 
    •  nel campo 1, il codice fiscale;
    •  nel campo 2, l’eventuale denominazione. 
  • Nei righi K1 e K2 vanno indicati i dati catastali identificativi del condominio oggetto di interventi sulle parti comuni condominiali, con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio per i quali è stato eliminato l’obbligo della comunicazione al Centro operativo di Pescara. Se l’immobile non è ancora stato censito al momento di presentazione della dichiarazione devono essere riportati gli estremi della domanda di accatastamento. 
  • Nei righi da K4 a K9 devono essere indicati, per ciascun fornitore, i dati identificativi e l’ammontare complessivo degli acquisti di beni e servizi effettuati dal condominio nell’anno solare. La comunicazione, indipendentemente dal criterio di contabilizzazione seguito dal condominio, deve far riferimento agli acquisti di beni e servizi effettuati nell’anno solare. 

 

3) Quadri AC e Quadro K 2021: ecco cosa non indicare

Nei quadri in oggetto NON devono essere indicati i dati relativi a soggetti per i quali:

  • le somme corrisposte nell’anno siano complessivamente inferiori a 258,23 euro;
  • i dati relativi alle forniture di servizi di acqua, energia elettrica e gas;
  • i dati relativi al pagamento di servizi e forniture a soggetti per i quali il condominio ha effettuato le ritenute alla fonte in qualità di sostituto d’imposta sulle prestazioni di lavoro, dipendente e autonomo, e della ritenuta del 4% prevista dall’art. 23 del d.P.R. 600/1973 sui corrispettivi per contratti di appalto di opere o di servizi;
  • i dati dei fornitori di interventi per i quali il condominio intende usufruire della detrazione per ristrutturazione o risparmio energetico, in quanto in questi casi la ritenuta è applicata da banche e Poste spa al momento dell’incasso del bonifico e come specificato dalla risoluzione n. 67/2018 dell’Agenzia delle Entrate tali dati sono comunicati tramite modello 770.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IL CONDOMINIO 2021 · 15/09/2021 Cessione di un immobile: chi deve sostenere le spese di manutenzione straordinaria

Le quote condominiali ordinarie e straordinarie, in caso di cessione di un immobile, sono ripartite in modo diverso tra acquirente e venditore

Cessione di un immobile: chi deve sostenere le spese di manutenzione straordinaria

Le quote condominiali ordinarie e straordinarie, in caso di cessione di un immobile, sono ripartite in modo diverso tra acquirente e venditore

Disabili e barriere architettoniche nel condominio: il decoro  passa in secondo piano

Eliminazione delle barriere ai disabili e decoro architecttonico nell'installazione di un ascensore in condominio: quale diritto è preponderante?

Movida e condominio

Disturbo della quiete sotto i condomìni, gestori di attività commerciali e Comuni : vediamo di chi è la competenza e la responsabilità per il risarcimento di eventuali danni

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.