Speciale Pubblicato il 28/08/2017

Gli enti del terzo settore e l’impresa sociale: differenze e analogie

di De Stefanis dott. Cinzia

Tempo di lettura: 2 minuti
enti non profit 27072017 2

Enti del Terzo Settore e Impresa Sociale: cosa li unisce e cosa li differenzia, analisi dei decreti del Codice del Terzo Settore e Impresa sociale

Nel mese di luglio e agosto 2017 è avanzata la riforma del Terzo Settore con la pubblicazione in Gazzetta del:

entrambi in attuazione della Legge delega  6 giugno 2016, n. 106.

Entrambi i decreti riguardano la riforma del Terzo Settore che iniziata nel 2016 attende ancora su molti punti  decreti attuativi.

I decreti pubblicati tuttavia tracciano il perimetro della normativa degli ETS e cercano di riordinare l'attuale normativa molto frammentata. Vediamo in questo breve approfondimento cosa distingue e cosa unisce i diversi istituti.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Segui gli aggiornamenti nel Dossier Gratuito dedicato a Terzo Settore e Non Profit  e nel Dossier dedicato alle Imprese Sociali

Per una panoramica completa delle novita del Terzo settore acquista il Pacchetto Codice Terzo Settore e Impresa Sociale  o i singoli ebook Novità del Terzo Settore  aggiornato il 14 agosto 2017 e  La Nuova Impresa Sociale

Trovi a questo link Software - ebook - utilità  per aiutarti a gestire la tua associazione no profit



Presupposti per l’assunzione della qualifica di Ente del Terzo Settore ETS

Costituiscono gli elementi necessari per l’assunzione da parte degli enti della qualifica di ETS:
- lo svolgimento delle attività di interesse generale (articolo 5 del  Codice del terzo settore Dlgs 3 luglio 2017 n. 117);
- l’iscrizione nel registro unico del terzo settore (articolo11 e articoli  45 – 54 Dlgs 3 luglio 2017 n. 117);
-  l’assenza dello scopo di lucro (secondo i limiti di cui all’articolo 8 Dlgs 3 luglio 2017 n. 117).

Il presupposto dell’esercizio di attività di interesse generale, in via esclusiva o principale, deve trovare corrispondenza nell’elenco, molto ampio, delle attività stabilito dall’articolo 5.

Qualifica di diritto di “Enti del terzo settore”

Il Codice del terzo settore (Dlgs 3 luglio 2017 n. 117 ) indica i soggetti che sono automaticamente ETS per via della sola qualifica soggettiva.

Parliamo delle:
• organizzazioni di volontariato;
• associazioni di promozione sociale;
• enti filantropici;
• reti associative;
• società di mutuo soccorso.

Sono ricompresi inoltre  nella categoria degli ETS:

  • le imprese sociali, disciplinate specificatamente con apposito decreto (D. L.gs. 112/2017) ;
  • nonché le cooperative sociali per le quali continua ad operare la Legge 381/1991.

Entrambe  assumono di diritto la qualifica di “Ente del terzo settore”.

Impresa sociale

Ricordiamo che con il D. Lgs. n. 112/2017 è disposto che possono acquisire la qualifica di impresa sociale tutti gli enti privati, compresi quelli costituiti in forma societaria, che, esercitano senza scopo di lucro in via stabile e principale un’attività d’impresa di interesse generale, tra quelle già indicate all’articolo 5 del Codice , con la sola aggiunta del microcredito (ai sensi dell’articolo 111 del D. Lgs. n. 385/1993).
Solo per le imprese sociali, è considerata comunque di interesse generale, indipendentemente dal suo oggetto, l’attività d’impresa nella quale sono occupati (art. 2, comma 4 del D. Lgs. 112/2017):

  • lavoratori molto svantaggiati ai sensi dell’articolo 2, numero 99), del regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014, e successive modificazioni;
  • persone svantaggiate o con disabilità ai sensi dell’articolo 112, comma 2, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, e successive modificazioni, nonché’ persone beneficiarie di protezione internazionale ai sensi del decreto legislativo 19 novembre 2007, n. 251, e successive modificazioni, e persone senza fissa dimora iscritte nel registro di cui all’articolo 2, quarto comma, della legge 24 dicembre 1954, n. 1228, le quali versino in una condizione di povertà tale da non poter reperire e mantenere un’abitazione in autonomia.



Prodotti consigliati per te

16,90 € + IVA
14,90 € + IVA
12,90 € + IVA
11,90 € + IVA

Commenti

Una fondazione può essere equiparata ad un'impresa sociale e pertanto assumere la qualifica di ente del terzo settore?

Commento di Sarah (10:11 del 11/09/2019)

Direi che l'equiparazione non è automatica e non tutte le fondazioni sono Enti del terzo settore, ma solo quelle che hanno i requisiti. La Legge delimita il perimetro del Terzo settore enumerando gli enti che ne fanno parte individuati in: organizzazioni di volontariato (ODV), associazioni di promozione sociale (APS), enti filantropici, imprese sociali, incluse le cooperative sociali, reti associative e società di mutuo soccorso. Viene inserita in tale perimetro la nozione di ente del terzo settore definito come "ente costituito in forma di associazione, riconosciuta o non riconosciuta, o di fondazione, per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento di una o più attività di interesse generale in forma volontaria e di erogazione gratuita di denaro, beni o servizi, di mutualità o di produzione o scambio di beni o servizi" e prevede l'obbligo, ponendo un temine di 18 mesi (fino a febbraio 2019), affinché tutti gli enti di terzo settore modifichino i loro statuti inserendovi l'indicazione di ente del Terzo settore o l'acronimo ETS; La Legge di Conversione n. 34/2019 ha prorogato il termine per l’adeguamento degli statuti degli Enti del Terzo settore, fissandolo al 30/06/2020.

Risposta di Luigia Lumia (17:29 del 29/09/2019) al commento di Sarah

se la fondazione provvede alla modifica dello statuto e a soddisfare i requisiti dell'impresa sociale per l'equiparazione questa risulta automatica o necessita di approvazione da parte dell'agenzia delle entrate?

Commento di maurizio caiazzo (10:27 del 15/10/2019)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)