Soluzioni extragiudiziali alla crisi di impresa eBook

Soluzioni extragiudiziali alla crisi di impresa eBook

I percorsi di natura extragiudiziale per uscire dalla crisi d'impresa con il D.lgs. 14/19, il rilancio manageriale e il piano di risanamento, pdf 171 pag.

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788868055813

In Promozione fino al 31/12/2019
16,25 € + 4% IVA
14,33 € + 4% IVA
(14,90 € IVA Compresa)
Data: 03/04/2019
Tipologia: E-Book

Dettagli prodotto

Le soluzioni extragiudiziali alla Crisi di Impresa con il D.lgs. 14/2019.
Le strategie di rilancio manageriale e le nuove procedure di:

  • Allerta;
  • Composizione assistita della crisi;
  • Piano di risanamento.

Il presente ebook, ha un duplice obiettivo:

  1. illustrare le regole vigenti del piano di risanamento e delle sottese misure per il rilancio dell’impresa in crisi;
  2. spiegare le principali novità introdotte in questa procedura extragiudiziale.

Di conseguenza la prima (e più grande parte) dell’ebook è finalizzata a perseguire il primo obiettivo. Il secondo obiettivo verrà raggiunto tramite un appendice posta alla fine del presente testo, dove si illustreranno i criteri direttivi della riforma che interessano, direttamente o indirettamente, le soluzioni alla crisi di impresa oggetto di questo testo.

Passando ora ad una presentazione più dettagliata del presente testo, va detto che esso è finalizzato ad illustrare i percorsi di natura extragiudiziale che possono portare fuori dalla crisi di impresa, ovvero le iniziative di natura manageriale attivabili per rilanciare un’azienda in difficoltà, e il piano di risanamento, che, pur essendo disciplinato (poco) dalla legge fallimentare, non richiede alcun passaggio in Tribunale, ma solo un’eventuale deposito del piano nel registro delle imprese della Camera di Commercio competente per territorio.

Il presupposto per un’efficace azione di superamento della crisi di impresa è necessariamente la comprensione dei sintomi e delle cause della crisi aziendale, che è l’argomento di apertura del primo capitolo di questo ebook.
Il passo successivo è la tecnica di analisi della situazione, e quindi potrebbero risultare di qualche utilità le indicazioni su come approcciare la crisi, riportate sempre nel primo capitolo.

Rimanendo sul piano pratico, il testo propone successivamente un elenco di possibili misure manageriali di rilancio del business, le quali potrebbero consentire (ma non assicurare) un’uscita graduale dalle secche della crisi.

Queste misure, però, per esprimere la massima efficacia possibile, dovrebbe essere inquadrate in un piano, che nell’ambito delle soluzioni manageriali alla crisi di impresa prende il nome di Business Plan, mentre nella soluzione extragiudiziale, prefigurata dall’art. 67, comma 3, lettera d), della legge fallimentare, assume la denominazione di Piano di risanamento, che costituisce l’oggetto di un’attenta analisi nel secondo capitolo di questo testo.

Dunque, il primo capitolo si conclude con una descrizione di due versioni del Business Plan, una semplificata, adatta per le Pmi, ed una più analitica, quest’ultima indirizzata evidentemente ad aziende di maggiori dimensioni. Questa parte dell'ebook può essere di grande aiuto, non solo quando occorre fare un punto della situazione per rilanciare un’attività imprenditoriale, ma anche (e soprattutto) per predisporre i piani richiesti dalla legge fallimentare per molte soluzioni alla crisi di impresa (es. accordo di ristrutturazione dei debiti, concordato preventivo, concordato fallimentare).

Il Piano di risanamento, oggetto del secondo capitolo, costituisce l’unica soluzione alla crisi di impresa che non comporta particolari formalità, e presenta al tempo stesso il vantaggio non trascurabile di offrire una protezione dell’impresa in crisi, in termini di impossibilità per i creditori di avviare azioni revocatorie per tutti gli atti, i pagamenti e le garanzie concesse su beni dell’impresa in crisi, effettuati dall’impresa in attuazione del piano (che non deve essere approvato da nessuno, se non dall’imprenditore in crisi).

È evidente però che questa soluzione è possibile solo quando la crisi non è conclamata, poiché, in caso contrario, saranno il Tribunale o i creditori ad intervenire, nel quadro di una delle procedure giudiziali (es. accordo di ristrutturazione dei debiti, concordato preventivo, fallimento) previste dalla legge fallimentare, definite tali proprio perché vi è un passaggio presso l’autorità giudiziaria.

Indice

CAPITOLO 1 - La crisi di impresa, i doveri dei soggetti coinvolti e le soluzioni manageriali alla crisi
1. La crisi di impresa
1.1 La definizione di crisi di impresa
1.2 I sintomi di una crisi di impresa
1.3 Le possibili cause di una crisi di impresa
1.4 La consapevolezza dello stato di crisi
2. I doveri dell’impresa in crisi, dei creditori e delle autorità competenti alla luce del D.Lgs. 14/2019
2.1 I doveri dell’impresa in crisi
2.2 I doveri dei creditori dell’impresa in crisi
2.3 I doveri delle autorità competenti
3. La gestione della crisi nelle sue fasi iniziali
3.1 L’approccio alla crisi
3.2 Le condizioni per il successo della soluzione alla crisi di impresa
3.3 L’autoanalisi dei dati di bilancio
3.4 Un esempio di percorso di uscita dalla crisi
4. Il rilancio di un’impresa in crisi attraverso la definizione di un Business plan
4.1 Introduzione
4.2 I passaggi per un’efficace impostazione di un’attività imprenditoriale
4.3 La verifica dell'idea imprenditoriale
4.4 Il contenuto del Business plan semplificato
4.5 L’attuazione dell’idea imprenditoriale
4.6 Le condizioni per lo sviluppo dell'impresa
5. Il Business plan nella versione completa
5.1 Introduzione
5.2 L’Executive summary
5.3 La sezione Impresa
5.4 La sezione Prodotti
5.5 La sezione Analisi di settore
5.6 La sezione Analisi di mercato
5.7 La sezione Strategie di marketing
5.8 La sezione Struttura del management
5.9 La sezione Piano operativo
5.10 La sezione Prospetto finanziario
5.11 Conclusioni

CAPITOLO 2 - Le procedure di allerta e di composizione assistita della crisi di impresa
1. La procedura di allerta
1.1 Il meccanismo di allerta
1.2 Le imprese che possono utilizzare il meccanismo di allerta e quelle escluse
1.3 L’avvio del meccanismo di allerta e i soggetti che ne sono responsabili
1.3.1 Il ruolo degli organi di controllo dell’impresa in crisi
1.3.2 Il ruolo delle Pa creditrici
1.3.3 Il ruolo dell’impresa in crisi
1.4 Gli indicatori di crisi dell’impresa
1.5 L’Organismo di Composizione della Crisi d’Impresa (Ocri)
1.5.1 Compiti e organizzazione dell’Ocri
1.5.2 Il collegio degli esperti dell’Ocri
1.6 La conclusione del meccanismo di allerta: l’audizione del debitore
2. La procedura di composizione assistita della crisi di impresa
2.1 Le finalità e le fasi della procedura di composizione assistita della crisi di impresa
2.2 L’avvio della procedura di composizione assistita della crisi di impresa
2.3 Le misure protettive a seguito della domanda di composizione assistita della crisi di impresa
2.4 L’esito delle trattative tra debitore e creditori nel quadro della procedura di composizione assistita della crisi di impresa
2.5 La conclusione della procedura di composizione assistita della crisi di impresa
3. Le misure premiali
3.1 I contenuti delle misure premiali
3.2 Le condizioni per le misure premiali

CAPITOLO 3 - il piano di risanamento
1. La disciplina del piano di risanamento
1.1 Le regole per il piano di risanamento
1.2 La natura extragiudiziale ma non unilaterale della procedura del piano di risanamento
1.3 Le differenze tra la disciplina del D.Lgs. 14/2019 e la precedente normativa
2. Le condizioni per l’attivazione della procedura del piano di risanamento
2.1 I requisiti per l’accesso alla procedura del piano di risanamento
2.2 Le caratteristiche del piano di risanamento
3. Le modalità di redazione del piano di risanamento
3.1 Le questioni da definire per la redazione del piano di risanamento
3.2 L’impostazione del piano di risanamento
3.3 La natura dei dati da inserire nel piano di risanamento
3.4 Il grado di dettaglio delle misure del piano di risanamento
3.5 Le caratteristiche del piano di risanamento
3.6 La durata del piano di risanamento
3.7 La pubblicizzazione del piano di risanamento
4. Le condizioni per il successo del piano di risanamento
4.1 L’eliminazione delle cause di scioglimento
4.2 L’indicazione degli atti da compiere
5. L’attestazione del piano di risanamento
5.1 Le qualifiche del professionista attestatore
5.2 I contenuti dell’attività di attestazione
5.3 I possibili esiti dell’attestazione
5.4 La relazione di attestazione
5.5 Le conseguenze legali di una falsa attestazione
6. Gli effetti del piano di risanamento
7. L’attuazione del piano di risanamento

APPENDICE I - Le linee guida della legge di riforma delle procedure concorsuali n. 155/2017
1. Quadro generale
2. Le disposizioni generali per la riforma del diritto fallimentare
2.1 Le modalità della riforma
2.2 Gli ambiti della riforma
2.3 I principi della riforma
3. Le disposizioni specifiche per la riforma delle procedure concorsuali
3.1 Introduzione
3.2 I criteri direttivi per la riforma della disciplina della crisi del gruppo societario
3.3 I criteri direttivi per le procedure di allerta e di composizione assistita della crisi di impresa
3.4 I criteri direttivi per la riforma degli accordi di ristrutturazione dei debiti e dei piani di risanamento
3.5 I criteri direttivi per la riforma del concordato preventivo
3.6 I criteri direttivi per la riforma della procedura di liquidazione giudiziale
3.7 I criteri direttivi per la riforma dell’esdebitazione
3.8 I criteri direttivi per la riforma della procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento
3.9 I criteri direttivi per la riforma della liquidazione coatta amministrativa
4. Le disposizioni specifiche per la riforma di privilegi e garanzie nel diritto fallimentare
4.1 Introduzione
4.2 I criteri direttivi per la riforma del sistema dei privilegi
4.3 I criteri direttivi per la riforma del sistema delle garanzie non possessorie
4.4 I criteri direttivi per la riforma del sistema delle garanzie in favore degli acquirenti di immobili da costruire
5. Le rimanenti disposizioni della legge di riforma 155/2017
5.1 Introduzione
5.2 La definizione dei rapporti tra la liquidazione giudiziale e le misure penali
5.3 Le modifiche al codice civile
5.4 Le disposizioni finanziarie

APPENDICE II - Quadro di insieme del codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (d.lgs. 14/2019)
1. Le principali novità del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza
2. La struttura e le novità del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza

Isbn: 9788868055813



SKU FT-39740 - Ulteriori informazioni: cat1e-book_pratici / cat2fallimento_e_crisi_di_impresa