Fatture soggettivamente inesistenti: sì alla deducibilità ma resta il nodo IVA - Sent. Cass. n. 1565/2014

Commento alla sentenza della Corte di Cassazione n. 1565 del 27 Gennaio 2014 - Sent. Cass. n. 1565/2014

Il prodotto è in formato pdf

3,20 € + 22% IVA
(3,90 € IVA Compresa)
Data: 17/03/2014
Tipologia: Altro

Dettagli prodotto

In tema di fatture soggettivamente inesistenti, quanto all’imposizione diretta, poiché i beni acquistati non sono stati utilizzati direttamente per commettere il reato ma, nella maggior parte dei casi, per essere commercializzati, non è più sufficiente il coinvolgimento, anche consapevole, dell’acquirente in operazioni fatturate da soggetto diverso dall’effettivo venditore perché i costi non siano deducibili. Resta, peraltro, pur sempre ferma la verifica della concreta deducibilità dei costi stessi in relazione ai requisiti generali . Quanto, invece per l’imposizione indiretta, e alla detraibilità dell’IVA l’onere probatorio deve esser assolto dal contribuente. Questo il principio enunciato dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1565 del 27 Gennaio 2014


SKU FT-21906 - Ulteriori informazioni: cat1archivio / cat2i_commenti_archivio-pubblicazioni