Pubblicato il 03/02/2010
HOME > FISCO > Imposte indirette > Bollo e concessioni governative >

Istituzione codice tributo per il bingo

Forma Giuridica: Prassi - Risoluzione
Numero 4 del 03/02/2010
Fonte: Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate - Risoluzione del 3 Febbraio 2010 n. 4

Istituzione del codice tributo per il versamento, mediante il modello F24 Accise, delle somme dovute all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato dai concessionari aderenti al gioco del bingo con partecipazione a distanza - Articolo 9 del decreto direttoriale del 28 febbraio 2007 e successive modifiche.

Il decreto direttoriale 28 febbraio 2007, modificato ed attuato dal decreto del 30 marzo 2009, e successive modifiche, prevede le “Disposizioni concernenti le modalità di gioco del Bingo, di cui al decreto ministeriale 31 gennaio 2000, n. 29, effettuato con partecipazione a distanza”.
In particolare, l’articolo 9 del decreto direttoriale 28 febbraio 2007, disciplina il prelievo erariale ed il compenso per il controllore centralizzato del gioco in parola e stabilisce, al comma 2, che il concessionario effettua il versamento degli importi dovuti a tale titolo nei termini e con le modalità di cui all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 2002, n. 66 che, espressamente, richiama le disposizioni del Capo III del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

Al fine di consentire il versamento di quanto sopra, mediante il modello F24 Accise, si istituisce il seguente codice tributo:
  • 5212” denominato “Prelievo erariale e compenso per il controllore centralizzato del gioco del bingo effettuato con partecipazione a distanza – Art. 9 del decreto direttoriale 28 febbraio 2007 e successive modifiche”
In sede di compilazione del modello di versamento F24 Accise, il suddetto codice tributo è esposto nella “Sezione Accise/Monopoli ed altri versamenti non ammessi in compensazione” indicando, nella colonna “ente” la lettera “M”, mentre la colonna “codice identificativo” è valorizzata dal campo “codice concessione”.

Inoltre, nelle colonne “mese” e “anno di riferimento” sono indicati, rispettivamente, il mese e l’anno per cui si effettua il versamento nel formato “ MM” e “AAAA”.
Leggi tutti gli articoli in Normativa
tag Tag: Bollo e concessioni governative
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE