Domanda e Risposta Pubblicato il 01/02/2010

Quando una persona può considerarsi fiscalmente a carico?

Una persona è "a carico" quando possiede un reddito complessivo non superiore ad Euro 2.840,51 Euro al lordo degli oneri deducibili.


Commenti

Vorrei avere un'informazione sulla mia situzione specifica, ho letto vari forum ma non ho trovato una risposta certa. sono una studentessa, a carico dei miei. quest'anno lavorerò solo 2 mesi (luglio e agosto come dipendente a tempo determinato)guadagnando solo 700euro lordi al mese. sulla mia prima busta paga mensile ho 66euro di trattenute previdenziali e 145 euro di trattenute fiscali. rimanendo sotto la soglia dei 2840 euro lordi sono ancora a carico dei miei ma allo stesso tempo secondo quanto ho letto, essendo anche sotto gli 8mila euro annui di reddito e a tempo determinato, non dovrei avere alcuna trattenuta fiscale! invece mi hanno applicato l'aliquota del 23%! sbaglio qualcosa io? vorrei sapere: 1)nel mio caso è possibile essere dichiarati a carico dai genitori ed avere l'esenzione irpef, o una cosa esclude l'altra? 2)perchè mi hanno applicato l'aliquota del 23%? grazie!

Commento di silvia (03:27 del 01/08/2010)

Salve,desidero un chiara informazione e magari qualche consiglio in merito alla mia situazione ,più precisamente Vi spiego cosa è capitato.... Ho convissuto per quasi 8annni con una donna madre,la mia ex,circa 2 anni fa ci siamo lasciati ed io di tanto in tano rivedevo suo figlio al quale voglio bene come un fratellino... 2 o 3 mesi fa la mia ex si è innamorata di un uomo che vive a torino(lei vive e lavora a Milano)e siccome suo figlio ha avuto qualche screzio con il suo nuovo fidanzato lei ha buttato fuori di casa il figlio,ha cambiato la serratura di casa, e non lo uole più..,è un bravissimo ragazzo che ora ha 17 anni che non avendo dove andare mi ha chiesto ospitalità ..io giustamente ho accettato sia per il bene che gli voglio e sia per no lasciarlo allo sbando per strada..lui ha lasciato la scuola perché turbato e comunque lo sto mantenendo io.... Vi chiedo se posso metterlo a carico nel mio stato di famiglia ed usufruire dei vantaggi delle detrazioni fiscali come se fossi io il genitore dato che lo mantengo ed eventualmente se avete qualche consiglio su tutto ciò che riguarda la parte giuridica,fiscale,economica,vantaggiosa sia per me che per lui...a settembre vuole riprendere gli studi a scuola ,non voglio abbanonarlo. grazie Distinti saluti

Commento di francesco (16:21 del 18/01/2011)

Salve vorrei sapere se posso mettermi a carico fiscalmente mio padre invalido con legge 104 e senza reddito considerando che abbiamo due residenze in città diverse.Io usufruisco dei 3 giorni di congedo sul lavoro per aiutarlo e vorrei in seguito alla vostra risposta acquistare possibilmente un auto con iva agevolata al 4%.Nessuno sa darmi notizie precise spero di riceverle da voi.Grazie anticipatamente

Commento di miki (22:45 del 30/03/2011)

Per i familiari a carico,aventi cioè un reddito personale complessivo non superiore ai 2840.51 euro, il contribuente residente ha diritto ad una riduzione dell imposta.per i coniugi ed i figli, la detrazione spetta anche se non sono conviventi o residenti all ‘ estero.

Risposta di Jengo (12:36 del 31/03/2011) al commento di miki

Salve e allora posso o no visto che sono il figlio?grazie

Risposta di miki (16:03 del 15/04/2011) al commento di Jengo

Un portatore di handicap è fiscalmente a carico del familiare anche se non convivente o residente all'estero purchè il diversamente abile non superi il reddito di E. 2840 ed il familiare faccia una dichiarazione dei redditi o quantomeno una certificazione della stessa?

Risposta di elena (10:20 del 26/07/2011) al commento di Jengo

Salve, io e mio padre siamo residenti nella stessa unità immobiliare. Sono stipendiato e mio padre è pensionato (ex dipendente P.A.) e invalido 100% con accompagno. Posso mettermi a carico fiscalmente mio padre?

Grazie

Commento di Antonio (16:27 del 09/01/2012)

LAVORAVO NELL' IMPRESA FAMILIARE, NON ERO ASSICURATO, ANDANDO AL LAVORO AVUTO INCIDENTE STRADALE LUNGO IL PERCOSRSO DELLA STRADA, SONO RIMASTO INVALIDO CIVILE. VI CHIEDO POSSO AVERE UNA PENSIONE PENSIONE ANDANDO AL LAVORO, ANCHE SE NON ERO ASSICURATO?


GRAZIE ANTICIPATE.

Commento di PIETRO (10:00 del 22/02/2012)

Le consiglio di rivolgersi a un Patronato per verificare il suo diritto alla pensione. purtroppo noi non siamo esperti.

Risposta di Luigia Lumia (18:51 del 06/11/2012) al commento di PIETRO

informazione esenzione bollo auto per disabili minorenni;posso richiederlo sulla macchina intestata a me che sono la madre,e non lavoro,e quindi come mio figlio sono fiscalmente a carico di mio marito?

Commento di asia (17:09 del 10/04/2012)

La mia domanda riguardante persona a carisco fiscalmente è la seguente :

Vivo con mio padre ( 91 anni ) , il mio stato di famiglia risulta essere di 2 persone ( io e mio padre ) Mio padre percepisce una pensione di vecchiaia pari a 720 euro netti mensili. Mio padre è invalido al 80% senza assegni Mio padre non possiede immobili ne’ rendite aggiuntive alla pensione. Posso io averlo a carico fiscalmente ?

Grazie

Commento di pierangelo (17:28 del 06/11/2012)

il reddito del suo papa supera i 2840 e quindi non puo' essere considerato a carico.

Risposta di Luigia (18:49 del 06/11/2012) al commento di pierangelo

salve.sono una ragazza comunitaria e lavoro con contratto indeterminato.vorrei sapere se posso prendere il mio papa a carico mio,lui adesso vive con me ma prende una pensione nell nostro paese di circa 100 euro.cosa posso fare?posso prenderlo a mio carico e ricevere assegno familiare per lui dal lavoro.grazie

Commento di irina (11:56 del 19/12/2012)

Buon giorno, vorrei chiedere un informazione sono una ragazza di 35 anni sposata e mia mamma vive in un altro comune e visto che non lavora le pago l'affitto e le varie spese, volevo sapere posso metterla a mio carico? è possibile anche ricevere anche un rimborso? In attesa di una Vs cordiale risposta Vi auguro una buona giornata.

Commento di Katia (14:01 del 02/02/2013)

Non essendo la mamma convivente non puo' essere considerata tra gli altri familiari a carico.

Commento di Luigia Lumia (15:19 del 13/02/2013)

salve, mia figlia fiscalmente a carico mio ha lavorato per conto dell'università nel periodo dicembre 2011-febbraio 2012; l'università ha certificato di avergli corrisposto nel 2012 la somma lorda di 3225 euro,quindi non è più a carico, è corretto? Non avrebbero dovuto distinguere il 2011 dal 2012?

Commento di sebbatoppa (12:47 del 07/03/2013)

salve, non volovo fare un commento ma una domanda, in effetti io non ho redditi ne io ne mia moglie, due figli di cui uno invalido al 100% con accompagnamento e l.104/92 art.3 comma 3 volevo acquistare un'auto beneficiando delle norme di cui sopra,mi hanno chiesto il mod. reddituale che non ho per dimostrare che mio figlio è fiscalmente a carico, come faccio a dimostrarlo se non ho un reddito ? grazie.

Commento di MARIO (21:20 del 14/03/2013)

salve.. io ho mio compagno che nn lavora potrei prenderlo a mio carico.siamo tutti 2 sulla stessa residenza.grazie

Commento di caterina (15:58 del 15/03/2013)

salve, vorrei un'informazione ho i genitori papa' invalido al 100% e la mamma invalida al 100% con handicap grave abitiamo vicino ma ho deciso di prendere per un periodo di tempo la residenza da lei perché (dopo l'intervento di Esofagectomia totale e esofaplastica) quando tornera' a casa avra' bisogno di assistenza 24hsu24 quindi di conseguenza potro' richiedere al mio datore di lavoro (azienda ospedaliera pubblica) l'astensione dei due anni anche se poine usufruiro' solo per due mesi circa! io ho una famiglia il mio convivente e due figli! a questo punto mia mamma verrebbe a carico mio o no? considerando che ha un marito invalido? Grazie Monica

Commento di monica (11:39 del 15/04/2013)

Salve vorrei sapere se il mio compagno può mettermi a carico sul 730 siamo nello stesso stato di famiglia e io non lavoro. . fatemi sapere non so a chi credere mi dicono che c'è una legge nuova che si può fare senza avere problemi. ..grazie aspetto risposta

Commento di imma (15:46 del 21/06/2013)

Il 730/13 si riferisce all'anno fiscale 2012; quindi se lei nel corso del 2012 non ha lavorato (o ha lavorato percependo redditi inferiori a 2.840,51 Euro), può essere messa fiscalmente a carico del suo compagno.

Risposta di ske (18:22 del 24/06/2013) al commento di imma

Purtroppo non è cosi. Se non si è sposati non si è a carico. recitano le istruzioni: Possono essere considerati familiari a carico, anche se non conviventi con il contribuente o residenti all’estero: - il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; - i figli (compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati) ecc- Coniuge in italia si diventa quando ci si sposa.... almeno per ora-

Risposta di Luigia Lumia (16:18 del 18/07/2013) al commento di ske

Salve,

Io letto che sono considerati a carico la coniuge e i figli anche se non conviventi con il contribuente o residenti all’estero. La mia moglie abita a marseille e ho un figlio in gabun. Sono considerati al mio carico? Quali documenti dovrei presentare come prova? Grazie

Commento di Joel (23:46 del 02/07/2013)

Possono essere considerati familiari a carico, anche se non conviventi con il contribuente o residenti all’estero: -il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; - i figli (compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati) indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito; gli stessi pertanto ai fini dell’attribuzione della detrazione non rientrano mai nella categoria “altri familiari”.

Se i familiari sono residenti in in un Paese dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo See, la documentazione che attesta la sussistenza per essere considerato a carico può essere fatta valere mediante un’autocertificazione in cui si dichiara l’esistenza dei requisiti e l’assenza di agevolazioni similari nei Paesi di residenza. Per i cittadini residenti in altri Stati, ma anche per gli extracomunitari residenti, che richiedono le detrazioni per familiari a carico, invece, occorre il possesso di una documentazione attestante lo status di familiare che può essere alternativamente formata da: a) documentazione originale rilasciata dall’autorità consolare del Paese d’origine, tradotta in lingua italiana e asseverata da parte del prefetto competente per territorio; b) documentazione con apposizione dell’apostille (e cioè di un timbro speciale apposto da un’autorità che certifica che il documento in discorso equivale ad una copia conforme all’originale), per i soggetti provenienti dai Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961; c) documentazione validamente formata nel Paese d’origine, ai sensi della normativa ivi vigente, tradotta in italiano e asseverata come conforme all’originale dal Consolato italiano nel Paese di origine.

Risposta di Luigia Lumia (16:13 del 18/07/2013) al commento di Joel

Buongiorno, Io lavora in banca con un contratto a tempo indeterminato e mia moglie fa l'allenatrice di pallavolo presso un'associazione. Ha un contratto di collaborazione sportiva e quindi non paga contributi. il suo reddito annuo è superiore a 2.841,51 euro. La mia domanda è la seguente: Poichè non presenta il 730 anche se supera la soglia minima posso comunque metterla a carico? grazie.

Commento di Simone (15:22 del 16/07/2013)

Chi percepisce compensi per attività sportiva fino a 28.158,28 euro, può essere lo stesso fiscalmente a carico. A questo reddito si possono aggiungere i 2840 euro di redditi di altro tipo. In altre parole i redditi percepiti da sportivi dilettanti fino a 28.158,28 sono un non reddito.

Risposta di Luigia Lumia (15:41 del 18/07/2013) al commento di Simone

Ho una sorella disabile della quale sono tutore. non è nel mio stato di famiglia, ma fiscalmente è a carico mio. La mia domanda è la seguente: Anche se mia sorella non risulta nel mio stato di famiglia,non convivente,per il fisco posso averla fiscalmente a carico? Quando faccio il 730 annuale, fiscalmente risulta a mio carico. Grazie Se possibile rispondere al quesito via email a principe61@inwind.it

Commento di MASSIMO (11:21 del 29/08/2013)

Ciao a tutti. Sono una studentessa universitaria e non lavoro, ma da marzo 2013 ho cambiato la RESIDENZA e lo STATO DI FAMIGLIA poichè sono andata a CONVIVERE con il mio compagno. Se lui ha un reddito superiore a 20000 euro, posso ESSERE FISCALMENTE A CARICO suo o sono obbligata a restare a carico di mia madre, visto che non siamo sposati?

Commento di Jessica (11:45 del 05/09/2013)

Devo chiedere il congedo biennale per mio padre, con handicap grave (art.3-c-3 legge 104). Essendo prevista la convivenza, dovro cambiare la residenza in casa sua. Non è che il mio reddito, sommmato alla pensione di mio padre, gli farà perdere l'esenzione del ticket sanitario, perchè insieme superiamo il limite dei 36.000 euro? Giancarlo

Commento di Giancarlo (10:10 del 10/09/2013)

Buonasera, nel 2013 ho percepito € 1.500 netti sotto forma di voucher studente e mi dovrà essere saldato un restante importo di € 4.000 netti. Essendo studente al momento sono a carico dei miei genitori e il pagamento dei rimanenti € 4.000 è stato definito a mezzo prestazione occasionale. Visto che l'anno prossimo ho intenzione di aprire una P.IVA, mi conviene posticipare al 2014 la ricezione dei 4.000€ per rimanere a carico dei genitori in quest'anno?Grazie mille!

Commento di Enrico (19:45 del 10/09/2013)

Salve a tutti, volevo sapere se posso essere considerata fiscalmente a carico del compagno con cui vivo nell'abitazione che risulta di mia proprietà e non percependo alcun reddito dal momento che lavora soltanto lui, grazie.

Michi

Commento di Michela (18:43 del 03/02/2014)

Se non siete sposati la legge non permette di prendere a carico il/la compagna. Se siete coniugati esiste il limite di € 2841 di reddito, quindi se lei non supera il detto limite ed è coniugata può essere considerata a carico del suo compagno. Saluti Pino

Risposta di Pino (11:46 del 06/02/2014) al commento di Michela

salve, sono carmela e volevo sapere se posso usufruire della 104 del mio compagno. non siamo sposati ma abitiamo sotto lo stesso tetto e risultiamo nello stesso stato di famiglia. Premetto che il mio compagno è disoccupato.

Commento di carmela (13:47 del 13/02/2014)

Ciao a tutti! volevo domandare come si fa per mettersi un figlio a carico? Dove e che documenti sono necessari?

Commento di valentina (16:40 del 05/03/2014)

Salve, sono uno studente universitario e mi trovo in questa situazione: mia madre è deceduta nel 2012, in questo momento non percepisco redditi da lavoro e vivo con quello che mi ha lasciato mia madre (eredità che comprende un'abitazione principale e alcuni terreni). Dal punto di vista fiscale non avendo un lavoro come risulto? Dovrei farmi inserire nello stato di famiglia di mio padre? Consideri che i miei genitori erano divorziati, mio padre vive nella stessa città, ma si è rifatto una vita con un'altra persona quindi ha il suo nucleo familiare di cui io non faccio parte attualmente.

Commento di Francesco (23:22 del 05/03/2014)

salve ho mia sorella 50enne invalida 100% viviamo io lei mia nipote con mia madre,dovrei fare domanda per l'esenzione del bollo auto ma deve essere fiscalmente a carico mio,essendo che siamo tutti nello stesso stato di famiglia e matematicamente a carico mio? ho dovrei fare qualcosa per farla diventare fiscalmente a carico? lei non percepisce redditi io lavoro in fiat mia madre pensionata grazie per la risposta.

Commento di antonio (07:44 del 03/04/2014)

Mia figlia è invalida civile al 75%: Ha 30 anni, disoccupata e fiscalmente a carico. Posso inoltrare all'INPS,quando sarà, la richiesta di pensione di reversibilità a suo favore? Grazie

Commento di GIACOMO (10:44 del 19/05/2014)

Mia figlia è invalida civile al 75%: Ha 30 anni, disoccupata e fiscalmente a carico. Posso inoltrare all'INPS,quando sarà, la richiesta di pensione di reversibilità a suo favore? Grazie

Commento di GIACOMO (10:47 del 19/05/2014)

Salve, volevo sapere se posso mettere mio marito a carico. Il nostro indirizzo di residenza in Italia è lo stesso ma lui nell'anno 2013 ha lavorato due mesi in Austria per un'azienda statale con contratto a progetto. Anche in questo caso è valido il limite di 2841€? Grazie

Commento di Mara (19:01 del 21/06/2014)

La sorella di mia moglie e' deceduta. Ora mio cognato affetto da morbo di Parkinson vive con me è mia moglie. Percepisce la pensione da lavoro di circa 500 euro più l'accompagno. Vorrei poter usufruire della agevolazione auto al 4% ma ho letto che il parente deve essere "Fiscalmente a carico". Io quest'anno ho fatto il mio 730 e mio cognato la sua denuncia dei redditi. Vive e risiede con me ma non so se posso usufruire del' agevolazione auto. Qualcuno può farmi capire cosa devo fare per rientrare nell'agevolazione? Grazie

Commento di Marcello (10:41 del 02/07/2014)

salve sono una ragazza rumena avendo in carico mia madre 60 ani ho dritto di sostidio dal comune mio lostipendio e di 1350netti

Commento di ana maria tirlea (09:56 del 16/07/2014)

Salve, convivo attualmente con il mio compagno in Piemonte, ma sono ancora residente in Lombardia. Ho intenzione di spostare la mia residenza nella stessa abitazione del mio compagno, dichiarando all'anagrafe i nostri vincoli affettivi. In questo caso, risulto nel suo stato di famiglia? Non ho un lavoro in regola, sono fiscalmente a carico del mio compagno o ancora dei miei genitori ? (mia madre è disoccupata da qualche anno, mentre mio padre percepisce l'aspi da Maggio 2014). Ci sono più oneri fiscali (tarsu etc.) per il mio compagno, se trasferisco la mia residenza? Non riesco a trovare una risposta precisa sul web, vi ringrazio.

Commento di Francesca (16:22 del 17/07/2014)

Buonasera...ho una domanda da porvi. Sono uno studente residente in una abitazione diversa da quella dei miei genitori,da più di 2 anni,visto che non lavoro il mio reddito è prossimo a 0 (zero) o si tiene in considerazione quello dei miei genitori? In attesa di chiarire i miei dubbi Vi auguro una buona giornata.

Commento di davi (15:40 del 27/09/2014)

sono un padre divorziato con figlia disabile grave in affido condiviso. capita molto spesso che la mia ex non si faccia trovare a casa quando riaccompagno ia figlia al termine delle visite . ogni volta mi domando cosa fare. se accade qualcosa su chi ricade la responsabiltà ? su di me che l'ho lasciata da sola in casa o sulla madre che non rispetta gi orari?

Commento di fabio (19:59 del 20/10/2014)

Salve sono una studentessa di 22 anni, da un mesetto mi sono messa a carico dei miei nonni che hanno bisogno di cure, pensionati e con mio.zio disoccupato a carico. Tutti e tre hanno esenzioni per analisi e alcuni medicinali , volevo sapere se anche io potevo usufruire di queste esenzioni essendo adesso nel loro stato di famiglia. Grazie mille

Commento di Rosy (12:11 del 21/10/2014)

Mio figlio studente universitario ha preso la residenza in un altro comune...ma vive con me e io pago le tasse universitarie non lavora posso tenerlo a carico fiscale?

Commento di tina (16:09 del 22/10/2014)

Suo figlio resta a suo carico fino a quando non ha redditi superiori a 2840, anche se non risiede con lei.

Risposta di Luigia Lumia (21:34 del 22/10/2014) al commento di tina

le chiedo scusa se le faccio un'altra domanda mio figlio risiede a casa della nonna va all'università e ho capito che fiscalmente a carico mio però per le tasse universitarie quanti e quali modelli idee devo presentare? grazie

Commento di tina (05:40 del 23/10/2014)

Buongiorno, ho bisogno di un consiglio urgente ma non trovo nessuno che possa darmi una risposta soddisfacente. Ho la possibilità di trasferirmi in Francia per un lavoro, con il mio compagno (francese) abbiamo fatto richiesta per un alloggio sociale, il problema é che mi chiedono un "avis d'imposition", che é una sorta di denuncia dei redditi, per gli ultimi due anni, io pero' la denuncia dei redditi non ce l'ho dato che sono disoccupata da anni. L'ultima iscrizione alle liste di collocamento risale al 2007. In assenza di denuncia dei redditi mi chiedono un'attestazione che indichi che non ho percepito nessun reddito almeno per l'anno 2012. C'é la possibilità di avere un tale documento? non mi accettano l'autocertificazione, non so più dove sbattere la testa.

Commento di monica (15:53 del 07/11/2014)

Salve,siccome convivo e ho una figlia di 7 mesi non sono stata mai sposata lavora solo lui posso prendere le detrazioni anche se convivo?o devo essere sposata?grazie

Commento di mia (07:25 del 25/01/2015)

Salve, nel 2014 ho aperto p.iva come libero professionista e i costi del primo anno hanno superato i ricavi pertanto per il 2014 sono in perdita. Sempre nel 2014 ho lavorato come supplente per alcuni mesi ricavando circa 3000,00 € . Con il reddito da lavoro dipendente eccedo i 2840 necessari per esser considerato a carico dei miei. Ma se al reddito da lavoro dipendente sottraggo la perdita relativa al reddito da lavoro autonomo, rientro nei limiti per essere considerato a carico. La domanda é.. Alla luce dei due redditi e delle mie considerazioni, posso essere considerato a carico dei miei genitori? Credo che il quesito sia interessante

Commento di vincenzo (18:30 del 01/02/2015)

Salve ho una domanda un po' complessa. Ho bisogno di un prestito di 5000 Mila euro, lavoro a tempo indeterminato da un mese Con uno stipendio netto di 1000 euro al mese. Ho anche chi mi fa da garante,mio padre, che percepisce una pensione di cecità pari a 1900 euro. Però mio padre è tutelato dalla sorella. Se porto mio padre come garante, può firmare lui senza la sorella? Visto che comunque la pensione è sua. Saluti Ilaria.

Commento di Ilaria (12:31 del 03/02/2015)

mia madre, pensionata come maestra elementare e con accompagnamento per invalidità totale è deceduta il 2 2 2015; mio padre che pecepisce una pensione di invalidità come cieco totale e assegno di 104 con reddito sino a 13.000 euro, che pensione di riversibilità avrà? E' vero che gli invalidi al 100% hanno diritto alla riversibilità dell'intera pensione?

Commento di Gabriella (12:05 del 09/02/2015)

Buongiorno, vorrei fare questa domanda: Sono coniugato e attualmente avendo un reddito di circa 22.000,00 Euro ho la moglie a carico essendo lei non occupata. Attualmente a trovato lavoro e viene retribuita con voucher inps. Vorrei sapere nel caso superasse la soglia dei 2.850,00 Euro rimarrebbe comunque a mio carico dato che essendo pagata in questo modo non presenta 730? grazie per ogni info in merito. Un saluto

Commento di Massimo Paredi (08:53 del 21/02/2015)

Salve, io e la mia compagna siamo residenti sotto lo stesso tetto, abbiamo un figlio in comune e figuriamo nello stesso stato di famiglia. La mia compagna è disoccupata e la legge non essendo sposati non prevede che io la abbia a carico fiscalmente, infatti lo è solo mio figlio. Adesso lei, può richiedere ugualmente l esenzione asl non essendo a carico mio fiscalmente ma risultante nello stesso stato di famiglia? Grazie

Commento di Antonio (15:30 del 09/03/2015)

salve,dal 2008 sono sposata con mio marito invalido del lavoro con rendita inail,abbiamo una figlia di sei anni.in questo periodo nè io nè lui abbiamo lavorato e ci è stato detto che io non sono esente dal ticket sanitario perchè non sono fiscalmente a carico di mio marito ed ora ci sono arrivati conti per prestazioni mediche a cui pensavo di aver diritto,aiutatemi cosa devo fare?

Commento di debora torelli (12:30 del 27/04/2015)

I mie genitori si sono trasferiti all'estero per sempre per lavoro, io sono rimasto in Italia e lavoro , mio fratello frequenta l'universita' e non lavora e vive con me. Posso mettermi a carico mio fratello?

Commento di Francesco (20:23 del 07/05/2015)

Vorrei sapere essendo invalido al 75% se posso mettere a carico mia madre anche lei ivalida e con reversibilità ddi mio padre deceduto

Commento di pier (08:15 del 09/05/2015)

Buongiorno ho un fratello disabile al 100% e io usufruisco dei 3 giorni della 104 vorrei sapere se può essere fiscalmente a mio carico visto che ha un reddito non inferiore a 2850,00 euro non è nel mio stato di famiglia e non è residente con me. Grazie

Commento di Maristella (11:12 del 10/05/2015)

salve vorrei un informazione io con il mio bambino faccio residenza a casa d mio cognato, lui ora vuole mettersi a carico mio figlio, ma a cosa vado in contro? Lui diventera il tutore del bambino? Grazie mille

Commento di ilaria (12:39 del 19/05/2015)

buongiorno! mio figlio ha lavorato 3 mesi ed ha percepito un reddito complessivo superiore a 2840 €. mi spetta qualche detrazione per i nove mesi in cui è stato a mio totale carico?

Commento di giuseppe (10:53 del 22/05/2015)

Salve, sono una dipendente di un supermercato e mio marito è un imprenditore agricoltore con un reddito complessivo risultante da modello unico (dominicale + agrario) , inferiore a 2.840,51. Come già detto non eseguo dichiarazione congiunta, ma mio marito mod. Unico ed io modello 730, posso nella mia dichiarazione dei redditi considerare mio marito come fiscalmente a carico ? Saluti e grazie.

Commento di Sonia (11:54 del 25/05/2015)

SONO UN PENSIONATO INPS ( CAT. VO ) HO UNA FIGLIA DI 67 ANNI CON ASSEGNO SOCIALE INPS, POSSO CHIEDERE LE DETRAZIONI FISCALI PER FAMIGLIARE A CARICO NELLA MIA DICHIARAZIONE DEI REDDITI ( 730/2015 ) .?

Commento di GIUSEPPE (09:56 del 26/05/2015)

Salve. Sono dipendente pubblico e mia madre è venuta a vivere da me da poco. Presto prenderà anche la residenza presso la mia abitazione. Premesso Che lei non ha redditi superiori a € 2840, posso trasferirla fiscalmente a mio carico anche se lei è regolarmente sposata e in comunione di beni con mio padre?

Commento di alessandro (12:29 del 28/05/2015)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)