Domanda e Risposta Pubblicato il 25/08/2015

Quando è obbligatorio nominare l'amministratore di condominio?

Obbligo di nomina e modalità di revoca dell’amministratore di condominio dopo la riforma del 2012

L’art. 1129 del C.C.  dopo la riforma attuata con la legge 220/2012  ha reso obbligatoria la nomina dell’amministratore quando i condomini sono piu’ di otto. (In precedenza l'obbligo sussisteva già con più di 4 condòmini) . Al di sotto di tale soglia ( ossia in caso di " condominio minimo" c.
L’amministratore viene nominato dall’assemblea e nel caso questa non vi provveda, dall’autorità giudiziaria, su ricorso di uno o piu’ condomini o dell'amministratore dimissionario. 

La carica è annuale e va  confermata di anno in anno.
L’assemblea delibera, sia per la nomina che per la revoca dell’amministratore, in prima e seconda convocazione con la presenza di almeno 500 millesimi di proprietà e la maggioranza dei presenti (in ogni caso un terzo dei proprietari).
Su richiesta anche di un solo condomino può essere revocato dall’autorità giudiziaria nei seguenti casi:
• se non informa l’assemblea condominiale di una citazione o di un provvedimento giudiziario che esorbita dalle sue attribuzioni, come da art. 1131, ultimo comma, cod. civ.;
• se vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità;
• se per due anni non ha reso il conto della sua gestione.
  La revoca  puo anche essere decisa in assemblea  a maggioranza ,  per "gravi iregolarità" , che sono ad esempio :
- omessa convocazione dell'assemblea condominiale per il rendiconto annuale
- la mancata  esecuzione delle delibere dell'assemblea
la mancata apertura e utilizzo di un conto corrente condominiale
- la gestione non trasparente delle entrate e uscite compresa la mancata fornitura della documentazione ai condomini che ne fanno richiesta
 - la mancata diligenza nelle azioni giudiziarie contro i condomini morosi

 In caso di revoca senza giusta causa l'amministratore ha diritto al risarcimento del danno subito, in base al corrispettivo  annuale ancora dovutogli


Commenti

Ma per nomina di un amministratore cosa si intende Affiancarsi ad un libero professionista ? Oppure che un proprietario si prende la briga di amministrare lo stabile ? grazie

Commento di andrea (17:47 del 27/07/2010)

Posso pretendere dall'amministratore fotocopie di ricevute e fatture dei lavori svolti nella palazzina,delle bollette enel,fatture impresa pulizie ecc. Inoltre mi posso dissociare dalle spese dell'impresa di pulizie non contenta del servizio?Un amministratore in condominio è obbligatorio? Pùò farlo chiunque o bisogna avere un titolo?

Commento di Anna lisa (21:32 del 04/08/2010)

abito in app in affitto in palazzina di 3 piani senza ascensore,sono l'unica a nn avere posto auto interno siamo 6 condomini senza amm est. quali sono i miei obblighi onerosi? mi chiedono 20euro al mese x pulizia scale e luce scala. ho da poco perso il lavoro e nn mi permettono di fare la pulizia scale almeno nel mio turno a chi posso rivolgermi a cagliari? cosa posso fare? inoltre giusticano bollette, mai viste, di 60 70 euro x la luce scala quando io a casa ricevo 25 euro in media con tutti i consumi.......... sono diaperata.

Commento di rita (15:57 del 14/03/2011)

Lei prima di pagare ha diritto di avere il rendiconto delle bollette e di chiederne eventualmente copia. Il Sunia è il sindacato degli inquilini, pero' mi sembra abbia sede s sassari. provi a consultare il sito.

Risposta di Luigia Lumia (16:50 del 15/03/2011) al commento di rita

abito in un fila di 6 villette a schiera, in comune un corselo x box da 6 b locali dispossi frontalmente.uno dei proprietari si è lamentato x le varie grigliate x i banbini che iniziano a giocare alle 8.30.minaccia di denunciare x assumere un amministratore.in questo caso e obbligatorio avere un amministratore?

Commento di carmelo (11:27 del 08/05/2011)

buon giorno,vorrei sapere come mi devo comportare.siamo una coop.di 26 villette a schiera con un 15/20% di parti comuni.10 condomini hanno deciso di staccarsi e formare un condominio per proprio conto.è tutto regolare?

Risposta di gavin0 (15:54 del 09/10/2013) al commento di carmelo

sono proprietario di una villa a schiera. sono 4 più 4 unità, i due blocchi di ville sono unite da una tettoia.tutte sonno autonome, tranne per la tubazioni della fogna. e obbligatorio costituire un condominio?

Commento di Degano Giovanni (20:48 del 15/06/2011)

salve. abito in un condominio di 9 unità. internamente si è deciso, senza nulla di scritto, di non avere l'amministratore, ma di farlo senza alcun compenso, a rotazioneannualmente . chiedo gentilmente di sapere se è una cosa legale o se serve un documento scritto che attesti questa rotazione e che l'amministratore non richiede alcun compenso, oppure se dobbiamo attivarci per averlo. grazie saluti

Commento di vero (16:07 del 09/11/2011)

buonasera io abito in un apartamento di 6 unita'tutti i condominisono molto affiatati non abbiamo spese oltre alla luce del giroscale e l' assicurazione del condominio...possiamo continuare a gestire le spese da soli o bisogna prendere l' amministratore?grazie

Commento di mara (22:05 del 28/02/2012)

se un amministratore di condominio (8 appartamenti )non convoca x un anno intero la riunione condominiale x fare il conto dell'andamento sia amministrativo che economico,noi incquilini dobbiamo pagare lo stesso questo amministratore.Naturalmente acqua e luce non si discute.

grazie andrea cornale

Commento di andrea (09:39 del 28/10/2012)

vorrei capire se nel mio condominio,con 2 ingressi diversi con numero civico diverso comprendenti 4 app.ti privati per ciascun ingresso è dobbligo l'amministratore!!! vi chiedo gentilmente di rispondere...grazie!!

Commento di nicoletta (18:00 del 09/12/2012)

salve. abito in un condominio di 8 unità. internamente si è deciso, senza nulla di scritto, di non avere l'amministratore, ma di farlo senza alcun compenso, a rotazioneannualmente . chiedo gentilmente di sapere se è una cosa legale o se serve un documento scritto che attesti questa rotazione e che l'amministratore non richiede alcun compenso, oppure se dobbiamo attivarci per averlo. grazie saluti

Commento di cosimo (14:21 del 12/01/2013)

Buongiorno,

abito in un agglomerato civico composto da otto proprietari con ingresso a passo carrabile e pedonabile con all'interno cortile,ognuno anch'esso di proprietà, ma con lasciti di diritti di passaggi altrui.Vi sono costanti discussioni per ogni cosa, volevo sapere come obbligare i proprietari a fer insediare un'amministratore .Se possibile farlo anche in forma anonima. Grazie.

Commento di cuzziello (15:46 del 25/04/2013)

È obbligatorio l' amministratore in un condominio di 4appartamenti e 4proprietari?nelle parti comuni come ci si comporta?indigere una riunione condominiale con raccomandata,una sola data si può pretendere? Grazie l.m

Commento di laura (12:00 del 24/05/2013)

Gradirei sapere se nel condominio (di una palazzina costituita da 6 locatari di cui 2 sono marito e moglie),esistono querele e denunce alle istituzioni giudiziarie con condomini sottoposti ad indagini della Procura e conseguente citazione in giudizio: 1)se è obbligatorio costituire un condominio prima che dell'esito del tribunale. 2)Se può amministrare, colui che con la sua agenzia ha venduto appartamenti,all'interno della palazzina. 3) se non si è fatta una scelta su più amministratori. 4)se l'intestazione della bolletta della luce delle scale appartiene ad un condomino ne risponde come responsabile del condominio? 5) se su 6 locatari, 2 risultano essere marito e moglie e 2 rifiutano perchè troppe cose non convincono legalmente il condominio si può non costituire? 6) se il condominio è stato costituito comunque senza avviso. quali sono i presupposti legali sui quali agire per non essere coinvolti in altre situazioni incresciose e spiacevoli? Grazie per un vostro riscontro. C.R.

Commento di carmen riga (14:42 del 29/07/2013)

desidero sapere,abitando in un immobile di 11 appartamenti indipendenti,occorre nominare per legge un amministratore

Commento di federico (11:55 del 18/08/2013)

sono proprietario di una villetta a schiera da oltre 20 anni, pertanto da cielo a terra, con cortili di proprietà, il tutto è identificato con precisi mappali nei rogiti di acquisto definiti di proprietà esclusiva. Le villette a schiera sono 24 ed in linea, non abbiamo parti in comune, ognuno di noi ha un contatore dell'acqua ma la bolletta da pagare è una sola relativa ad un contatore generale. Gli scarichi delle acque bianche e nere vanno direttamente in allacciamenti posti su terreno pubblico. Qualcuno ora vorrebbe mettere un amministratore, per regolamentare cose che non sono in comproprietà. E' giuridicamente proponibile?

Commento di dario pirazzi (13:27 del 26/09/2013)

sono proprietario di una villetta in un complesso di otto villette tutte con ingresso autonomo collegate tra loro solo dal tetto. Vorrei sapere se è obbligatorio avere un amministratore di condominio alla luce dell'ultima normativa in merito. In comune abbiamo solo un giardino e luce e acqua del giardino citato. Chi svolge le funzioni di amministratore è un signore, ex proprietario di una di queste villette del complesso citato. Io, considerato che questa persona non ha titolo e non mi ha fatto mai consultare le spese supportate, da me non è più gradito. CHIEDO: POSSO PRETENDERE DI NON AVERE NESSUNA AMMINISTRATORE, CONSIDERATO CHE SIAMO SETTE VILLETTE O, IN ALTERNATIVA CHIEDERE DI NON FARE PARTE A QUESTA AMMINISTRAZIONE PROVVEDENDO AL SOLO PAGAMENTO DELLA EVENTUALE QUOTA SPETTANTE PER IL CONSUMO DELL'ACQUA E LUCE DEL GIARDINO. ATTENDO RISPOSTA GRAZIE

Commento di fabrizio (16:57 del 03/05/2014)

Se uno dei condomini è moroso , chi paga la sua quota?

Commento di giuseppe (15:28 del 22/06/2014)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)