NUOVE SRL: semplificazioni o complicazioni

societa_professionisti

Di recente, sono state introdotte nel nostro ordinamento due nuove tipologie di Società a Responsabilità Limitata (SRL), una cd SRL semplificata (SRLs) e l’altra SRL a capitale ridotto (SRLcr).

In generale nella SRL prevale non tanto l’elemento personale dei soci bensì il capitale dagli stessi conferito, infatti le società di capitali (SRL, SPA, SAPA) sono definite tali in quanto l’elemento del capitale ha una prevalenza concettuale e normativa rispetto all’elemento soggettivo rappresentato dai soci. Infatti nelle società di capitali i soci rispondono per le obbligazioni assunte dalla società nei limiti delle azioni o quote sottoscritte; in caso di insolvenza della società i creditori non possono rivalersi sul patrimonio personale dei singoli soci.

Senza voler essere esaustivi la SRLs può essere costituita con contratto o atto unilaterale da persone fisiche che non abbiano compiuto i 35 anni di età alla data della costituzione. L’atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico in conformità al modello standard tipizzato con decreto ministeriale e non sono richiesti oneri notarili, imposte di bollo e spese di segreteria. È fatto divieto di cessione delle quote a soci non aventi i requisiti di età e l’eventuale atto è conseguentemente nullo.

La SRLcr può essere costituita con contratto o atto unilaterale da persone fisiche che abbiano compiuto i 35 anni di età alla data della costituzione. Non è previsto uno specifico statuto standard.

Ad entrambe le nuove SRL si applicano, salvo quanto previsto in modo specifico, le disposizioni relative alle S.r.l. ordinarie, in quanto compatibili.

Ora, è ben noto che quando una SRL (normale) fallisce, quasi mai i creditori sociali riescono a recuperare totalmente il loro credito! Questo succede sia con le SRL (capitale minimo 10.000) che con le SPA (anche se difficilmente falliscono, prima solitamente operano una trasformazione in SRL e poi si mettono in liquidazione …).

Inutile sottolineare cosa succederà nel caso di fallimento di una SRLs o di una SRLcr!!! Vero anche che i vecchi minimi normativi stabiliti per il capitale sociale risultano a tutt’oggi “obsoleti” (conferendo 10 mila euro, tra l’atto notarile, le pratiche in CCIAA, i libri sociali e quant’altro di tale cifra rimane dopo un mese dalla costituzione, già ben poco!). Invece che diminuirli, a mio avviso avrebbero dovuto aumentarli a minimo 50.000 per una SRL ed a 200.000 per una SPA in modo da permettere di fare impresa a imprenditori che sanno cosa stanno facendo.

Con queste due nuove SRL ci sarà una proliferazione di società nuove (in pratica partire con una ditta individuale o con SRLs / SRLcr costa quasi uguale) che invaderanno il mercato, un mercato saturo di società profittevoli che purtroppo sta combattendo con questa grossa crisi che tutti stiamo vivendo.

Vi è anche da ricordare che già le società da tempo sul mercato, con una storia pluriennale, magari tra periodi di “vacche magre e grasse” hanno una notevole difficoltà di accesso al credito, non parliamo delle nuove SRL che hanno un capitale sociale minimo di 1 euro. Tra l’altro sin dal primo annuncio dei nuovi modelli (in particolare di quello SRLs) sono stati messi in evidenza i pericoli che un utilizzo “massiccio” dello strumento potrebbe favorire la realizzazione di una pluralità di SRL nuove con obiettivi di riciclaggio.

Per il modello standard dello srls vai al seguente link


1 Commento per NUOVE SRL: semplificazioni o complicazioni

  1. Guazza
    13/09/2012 alle 17:47

    Interessante discussione. Le società con autonomia patrimoniale propria rischiano di essere un facile giocattolo per aspiranti imprenditori, con buona pace per i creditori sociali.

    Che fare dunque? L’idea delle s.r.l.s. e delle s.r.l.c.r. non è male per tutta una serie di fattori (non sto qui a spiegarli). La cosa importante forse sarebbe un inasprimento delle sanzioni penali per chi fallisce, ma qui il discorso diventa troppo difficile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>




Dottore Commercialista – Revisore Contabile – International Advisor Specializzato in operazioni straordinarie e di riorganizzazione societaria, ha creato una fitta rete di legami con altri Professionisti al fine di fornire una consulenza completa ed esaustiva. Membro di collegi sindacali, Curatore fallimentare per il Tribunale Civile Penale di Verona, Consulente esperto del Giudice in campo penale, è iscritto nell’elenco dei conciliatori della Camera di Commercio Industria Agricoltura di Verona.

Archivio

Ultimi Articoli

Speciale IMU

Ultimi commenti

  • User Avatarenzo citta
    Gent.mo Dottore,mia moglie morta la mamma scopre che non ha diritto a succedere nell'immobile dei genitori ( il padre e'in vita)perche' gli stessi in vita...
    25/07/2014, 10:52 AM
  • User AvatarValeria
    Miky, purtroppo io vedo un sacco di autonomi fare ciò che tu ritieni impossibile: accettano moneta elettronica e non fanno ricevuta fiscale o scontrino! Nella...
    24/07/2014, 9:03 PM
  • User AvatarValeria
    Credo che solamente con la scomparsa del contante, e dunque la moneta elettronica come unico mezzo di pagamento, si potrebbe avere un buon risultato contro...
    24/07/2014, 8:58 PM
  • User Avatarpiero bertolaso
    Gentile lettore, l'art. 8 del Dlgs 74/2000 disciplina il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti. Nel reato penale ciò che conta è la...
    24/07/2014, 1:09 PM
  • User AvatarCarmelo Melilli
    Complimenti.... Articolo chiaro ed esaustivo...
    24/07/2014, 11:36 AM
  • Tutti gli Autori del Blog




    Condizioni e Termini di utilizzoInformativa sulla PrivacyElenco dei Blogger