Pubblicato il 23/09/2013
HOME > FISCO > Imposte indirette > Imposta di registro >

Imposta di registro: gli aumenti dal 2014

Dott. Zamberlan Ernesto

Nuove imposte di registro e ipocatastali dal prossimo anno introdotte dal DL 104/2013 "Istruzione" e DL 23/1011 "Federalismo"

168x126 casa immobili
Due recenti decreti, il c.d. decreto istruzione (d.l. 104/2013) del Governo Letta e il decreto sul federalismo fiscale (d.lgs. 23/2011 ) rivoluzionano a partire dal 2014 gli importi dovuti come imposta di registro e ipocatastali sulle compravendite immobiliari e altri atti soggetti a registrazione .  Vediamo le novità in estrema sintesi.
Dal 1° gennaio 2014 l'imposta di registro
  •   in misura fissa passerà dagli attuali 168 Euro a 200 Euro;
  •  quella in percentuale per l'acquisto della prima casa scenderà dal 3 al 2%;
  •  quella in percentuale per gli altri trasferimenti immobiliari aumenterà dal 7 al 9%.
  l'imposta ipocatastale sarà dovuta in misura fissa a 50€ e non più in percentuale.
 
In generale queste modifiche comporteranno dei vantaggi per le compravendite immobiliari, in particolare per quelle che hanno come venditori dei soggetti privati, mentre ci saranno delle penalizzazioni per gli acquisti effettuati da imprese. Ricordiamo che l'imposta di registro è una imposta dovuta per la registrazione di un atto pubblico o privato è può essere commisurata al valore contenuto nell'atto stesso o dovuta in misura fissa . Essa è alternativa al versamento dell'IVA sul valore della transazione di norma, richiesta appunto alle imprese e soggetti IVA individuali. 

Imposta di registro fissa e in percentuale

IMPOSTE IN MISURA FISSA
A seguito delle modifiche apportate dal D.L. n. 104/2013 all'art. 10 DL 23 2011: 
  • per gli atti di trasferimento a titolo oneroso di immobili (comprese le abitazioni) dal 2014 opera l'esenzione dall’imposta di bollo, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie, ma le imposte ipocatastali sono dovute nella misura fissa di € 50;
  • l’importo delle imposte di registro, ipotecaria e catastale stabilito in misura fissa passa da 168 a € 200. Tale aumento riguarda gli atti di trasferimento immobiliari soggetti ad IVA ma anche, ad esempio, gli atti societari (atto costitutivo, aumento di capitale con conferimento di beni diversi da quelli immobili, ecc.), gli atti di accettazione / rinuncia all’eredità, i contratti preliminari di compravendita immobiliare.
IMPOSTA DI REGISTRO IN MISURA PERCENTUALE
 
Per quanto riguarda l'imposta di registro sugli atti traslativi immobiliari in percentuale vi è una importante semplificazione rispetto alle regole attualmente in vigore:
  •  l'aliquota sui trasferimenti relativi alla "prima casa" passa dal 3 al 2% (ad eccezione di quelle di categoria A/1, A/8, A/9);
  •  l'aliquota sui trasferimenti relativi agli altri immobili che si differenziava tra l'1 e il 15% o fissa a 168 Euro) diventa unica al 9%;
con un minimo in netrambi i casi di 1.000 euro .
Il D.l. 104/2013 ha aggiunto poi, come già detto, che per gli atti di trasferimento soggetti alle nuove aliquote del 2% e 9% è prevista: 
  •  l’esenzione dalle imposte di bollo e ipocatastali, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie. Tale previsione, riguarda anche gli atti e le formalità direttamente conseguenti posti in essere al fine di effettuare gli adempimenti presso il Catasto ed i Registri immobiliari;
  •  la soppressione di tutte le esenzioni e agevolazioni tributarie, ancorché previste da leggi speciali. 

Le nuove imposte per le compravendite immobiliari in sintesi:

Tipologia immobile

Soggetto cedente

Imposte

Fino al 31.12.2013

Dall'

1.1.2014

Prima casa

Privato

Registro

3%

2%

Ipotecaria

168 €

50 €

Catastale

168 €

50 €

Soggetto Iva

Iva

4%

4%

Registro

168 €

200 €

Ipotecaria

168 €

200 €

Catastale

168 €

200 €

Abitazione ≠ prima casa

Privato

Registro

7%

9%

Ipotecaria

2%

50 €

Catastale

1%

50 €

Soggetto Iva

Iva

10%

10%

Registro

168 €

200 €

Ipotecaria

168 €

200 €

Catastale

168 €

200 €

Soggetto Iva in regime di esenzione

Iva

Esente

Esente

Registro

7%

9%

Ipotecaria

2%

50 €

Catastale

1%

50 €

Catastale

1%

1%

Soggetto Iva in regime di esenzione

Iva

Esente

Esente

Registro

168 €

200 €

Ipotecaria

3%

3%

Catastale

1%

1%

Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 486,78 € invece di 730,78 € fino al 31/03/2015
Centinaia di strumenti per il lavoro pratico del Professionista, sempre al tuo fianco con tutto ciò che ti serve, dove e quando ti serve!
Scaricalo in PROMOZIONE a 239,12 € invece di 341,60 € fino al 31/03/2015
Approfondimenti quotidiani (quasi 300 in un anno) precisi, tempestivi e completi, sulle novità e sui temi di maggiore rilevanza fiscale per affrontare le scadenze di ogni giorno, inviate direttamente alla casella di posta del cliente e sempre disponibili in archivio, in formato pdf.
Scaricalo in PROMOZIONE a 181,78 € invece di 268,40 € fino al 31/03/2015
La circolare tratta le novità del momento, soprattutto fiscali, attenta alle scadenze e agli adempimenti che sono sul tavolo del professionista. In formato word consente la personalizzazione e l'invio alla propria clientela.
Scaricalo in PROMOZIONE a 34,90 € invece di 55,70 € fino al 31/03/2015
Utile pacchetto contenente la Guida sulla cedolare secca, il file excel per il calcolo della convenienza e una raccolta di 40 formule in word sulla locazione
Scaricalo subito a 52,60 €
3 E-book in pdf su Imu, Iuc, Tasi, Ivie e Ivafe e foglio di calcolo in excel del saldo IMU 2014 in vista dell'imminente scadenza del 16 dicembre 2014
Scaricalo subito a 24,90 €
Un file excel per determinare e gestire correttamente negli anni, le detrazioni e i benefici fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico nel rispetto della normativa in essere. Utile per gestire correttamente la fatturazione lavori, sfruttando al meglio le detrazioni e i plafond disponibili.
Scaricalo subito a 19,90 €
40 Formule utili nella locazione di immobili. Puoi trovare formule per la locazione di immobili civili e commerciali, con canone ordinario o agevolato, modelli per la comunicazione anagrafe condominiale,comunicazione di cessione fabbricato, comunicazione vendita immobile ai fini della prelazione, comunicazione ingresso nuovo inquilino, comunicazione subentro locatore e tante altre utilità pronte per essere utilizzate. Vedi l'indice completo.
Scaricalo subito a 18,90 €
Cosa cambia dopo il Piano Casa (Conversione in Legge del D.L. n. 47/2014), aggiornato con il nuovo Modello di registrazione dei contratti. Questo utile E-book di 135 pagine più la normativa di riferimento, affronta il tema della cedolare anche dal punto di vista della scelta più conveniente, offrendo una panoramica delle diverse tipologie contrattuali previste dalla legge, con l’obbiettivo di facilitare l’individuazione del contratto più conveniente alla luce delle proprie esigenze, presenti e future. Per i contratti già in essere, invece, viene dettagliata la procedura da seguire per effettuare l’opzione anche in presenza di più proprietari con esigenze diverse, o di diverse tipologie di immobili e di contratti.
Scaricalo subito a 16,90 €
File in excel per il calcolo della convenienza del nuovo meccanismo di tassazione delle locazioni di immobili ad uso abitativo. Il tool consente di modificare l'aliquota della cedolare secca, a seguito della pubblicazione in G.U. del Decreto Legge del 28 marzo 2014, n. 47 che ha previsto la riduzione dell'aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato, dal 15% al 10%.
Scaricalo subito a 14,90 €
File excel per il calcolo del saldo IMU 2014 da versare entro il 16.12.2014

Commenti

Buonasera, le modifiche si applicano anche in materia di dichiarazione di successione? Il nuovo importo minimo di 50 euro si applicherà anche per le imposte ipotecarie e catastali degli immobili non prima casa (prima era di 168 euro)? Grazie

- Commento di Alessio (22:51 del 25/10/2013)

Buonasera, sono un pensionato dell'amministrazione difesa ed occupo un alloggio demaniale con concessione scaduta. L'amministrazione chiede la registrazione del contratta di affitto. Chiedo gentilmente di conoscere il dispositivo di legge per il quale siamo tenuti a corrispondere il 3% del canone su base annuo al posto del 2% corrisposta da tutti gli altri inquilini italiani, forse noi della difesa siamo figli di un altro dio Grazie

- Commento di Cosimo (18:01 del 20/01/2015)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE