Pubblicato il 18/10/2012

Triangolazioni IVA

Dott.ssa Fiammelli Matilde

Esportazioni triangolari - Prova documentale - Triangolazioni intracomunitarie - Triangolazioni nazionali - Giurisprudenza

Le operazioni triangolari con l’estero sono operazioni di cessione di beni in cui i beni stessi sono oggetto di due distinti contratti di cessione, ma per i quali si realizza un unico movimento di beni ed intervengono tre soggetti economici diversi, situati in più Stati.
In sostanza l’operazione si configura quando il cedente nazionale viene incaricato dal cessionario nazionale (o intracomunitario nel caso di triangolazioni UE) di consegnare i beni al cliente straniero (intracomunitario ed extracomunitario) del cessionario stesso per suo ordine e conto.
Il rapporto di cessione tra i due soggetti residenti è considerato dal legislatore “cessione all’esportazione” e quindi non imponibile, o nel caso di triangolazioni intracomunitarie, una vendita rientrante nel regime del d.l. n. 331/1993.

  • con la direttiva n. 111 del 14 dicembre 1992, è stato concepito un sistema di designazione del proprio cessionario quale “debitore dell’imposta” relativa alla cessione in tale Stato.
  • Accanto alle triangolazioni intracomunitarie in senso stretto si individua una ulteriore ipotesi di “triangolazione”, costituita dalla presenza di due operatori nazionali e uno comunitario definita come triangolazione nazionale.
  • All’Amministrazione Finanziaria non basta che vengano rispettati gli elementi essenziali di un’esportazione triangolare, occorre che se ne fornisca prova documentale idonea al fine di vedere giustificata la non imponibilità Iva dell’operazione.
  • Dietro le operazioni triangolari si possono nascondere le c.d. frodi carosello. Spesso l’Amministrazione finanziaria riscontra che il primo meccanismo di illegalità presente nelle frodi carosello è appunto la presenza di transazioni che hanno come oggetto movimenti triangolari in cui sono coinvolte imprese con sedi in diversi Stati membri dell’Unione europea.

Per un Approfondimento sul tema scarica il nostro E-Book

Indice

Premessa – Aspetti giuridici
1. Le esportazioni triangolari
1.1 Le operazioni con l’estero: cessioni all’esportazione dirette, congiunte, triangolari, improprie e nei confronti di esportatori abituali
1.2 Le esportazioni triangolari - definizioni e caratteristiche
1.3 La prova documentale
2. Le triangolazioni intracomunitarie
2.1 Introduzione ed aspetti generali
2.2 Le triangolazioni nazionali
2.3 Casi particolari illustrati dalla circ. n. 13/1994
3. Operazioni triangolari e plafond
3.1 Definizioni e metodologie di calcolo del plafond
4. Operazioni triangolari e utilizzo del rappresentante fiscale
4.1 Funzione del rappresentante fiscale
4.2 La circ. 36/E del 21 giugno 2012
5. Conclusioni
Giurisprudenza
• Corte Cassazione, sez. I civ., 21 maggio 1998, n. 5065 (ud. 9 gennaio 1998)
• Commissione tributaria regionale di Roma, sez. XIV, 3 febbraio 2006, n. 178 (ud. 22 novembre 2005)
• Corte Cassazione civile, sez. V, 24 febbraio 2012, n. 2845 (ud. 18 gennaio 2012)
• Corte Cassazione, 24 giugno 2011, n. 13951
• Corte Cassazione, 10 dicembre 2010, n. 24964
• Sentenza 25 marzo 2011, n. 6898 (ud. 14 dicembre 2010)
Legislazione
• Decreto Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 (G.U. 11 novembre 1972, n. 292, s.o. n. 1) estratto
• Risoluzione Ministero delle finanze, Dip. Entrate Aff. giuridici serv. VII, 4 marzo 1995, n. 51

Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE