Pubblicato il 07/02/2012

Amministratori, cambiano le regole per il TFM

Gesuato Elisabetta

Le indennità percepite dagli amministratori in seguito alla cessazione del rapporto, non sconteranno più la tassazione separata. La novità, introdotta dalla Manovra Monti, prevede l’obbligo della tassazione ordinaria.

Immagine FiscoeTasse

La manovra Monti ha modificato radicalmente il trattamento fiscale delle indennità percepite in seguito alla cessazione del rapporto, c.d. TFM. Dalla tassazione separata, prevista in presenza di determinati requisiti, a quella ordinaria, da applicare sempre e comunque. Modificati anche i regimi di tassazione del TFR dei dipendenti e delle indennità percepite dalla cessazione di rapporti di collaborazione: per importi superiori a 1 milione di € la tassazione non sarà più separata ma ordinaria.

Per un ulteriore approfondimento scarica la Circolare del Giorno "Stop alla tassazione separata: il TFM dell'amministratore è tassato in via ordinaria"



Le novità della Manovra Monti

La Manovra Monti, all’articolo 24, comma 31, ha modificato il regime di tassazione:

  • del trattamento di fine rapporto (TFR) e delle indennità equipollenti, spettanti ai lavoratori dipendenti;
  • delle indennità percepite per la cessazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, riservando un trattamento speciale per quelli relativi agli amministratori delle società di capitali.

Con riferimento a quest'ultimo caso viene prevista la tassazione in via ordinaria in relazione a tutti i compensi e indennità, a qualsiasi titolo erogati, agli amministratori delle società di capitali.
Il TFM degli amministratori di società di capitali viene quindi sempre tassato in via ordinaria:

  • indipendentemente dalla presenza o meno di un atto di data certa anteriore all’inizio del rapporto;
  • a prescindere dal limite di un milione di euro (franchigia prevista negli altri casi).

Prima della manovra Monti l’amministratore beneficiava della tassazione separata del TFM a condizione che il diritto all’indennità risultasse da un atto avente data certa, anteriore all’inizio del rapporto (tipicamente l’atto costitutivo o la delibera assembleare di nomina dell’amministratore). Ora, invece, questa possibilità non sussiste più e l’amministratore non potrà più beneficiare della tassazione separata, ma l’importo percepito dovrà essere assoggettato all’Irpef sulla base degli scaglioni di reddito.


La decorrenza delle nuove regole

Le nuove disposizioni in materia di tassazione ordinaria, in luogo della tassazione separata, si applicano retroattivamente (in deroga allo Statuto dei diritti del contribuente che stabilisce il principio di non retroattività della legge), con riferimento alle indennità ed ai compensi il cui diritto alla percezione è sorto a decorrere dall'1.1.2011.

La tassazione in capo alla società erogante

Non dovrebbe subire modifiche il regime di deducibilità del TFM per la società erogante.
Ricordiamo che, in base all’art. 105, comma 4, TUIR, per gli accantonamenti relativi alle indennità di fine rapporto/mandato di cui all’art. 17, comma 1, lett. c), d) e f) (quindi soggette a tassazione separata) la deduzione è ammessa per competenza, in misura corrispondente alla quota maturata nell’esercizio, analogamente a quanto previsto per gli accantonamenti al fondo TFR dei dipendenti.
L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 22.5.2008, n. 211/E, ha affermato che la deduzione per competenza degli accantonamenti da parte della società è subordinata al fatto che il diritto al TFM risulti da un atto di data certa anteriore all’inizio del rapporto. Se tale condizione non è soddisfatta, la società può dedurre gli importi in esame per cassa, ossia nell’anno di corresponsione del TFM all’amministratore.
Ora, considerato il venir meno della tassazione separata in capo all’amministratore, e l’irrilevanza, in questo caso, dell’atto avente data certa anteriore all’inizio del rapporto, si crede opportuno un intervento esplicativo dell'Agenzia delle Entrate sulla deducibilità dell’accantonamento al TFM.

Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 89,90 € invece di 139,60 € fino al 30/11/2014
Utilità e Fogli di calcolo per la valutazione d'azienda e la stesura della perizia per la rivalutazione e affrancamento di partecipazioni e terreni
Scaricalo in PROMOZIONE a 34,90 € invece di 55,70 € fino al 30/11/2014
Utile pacchetto contenente la Guida sulla cedolare secca, il file excel per il calcolo della convenienza e una raccolta di 40 formule in word sulla locazione
Scaricalo in PROMOZIONE a 24,90 € invece di 33,80 € fino al 30/11/2014
Un interessante foglio di calcolo ed un ebook dedicato a tutte le novità in vigore dal 1° luglio 2014. Obiettivo è analizzare la tassazione delle rendite finanziarie e individuare il corretto regime di tassazione per dividendi e capital gain (realizzo di partecipazioni) evidenziando automaticamente il conteggio imposte.
Scaricalo subito a 29,90 €
File excel per la gestione fiscale del nuovo regime Forfetario in vigore dal 2015, dalla verifica dei requisiti di accesso al calcolo della convenienza
Scaricalo subito a 24,90 €
Un file excel per determinare e gestire correttamente negli anni, le detrazioni e i benefici fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico nel rispetto della normativa in essere. Utile per gestire correttamente la fatturazione lavori, sfruttando al meglio le detrazioni e i plafond disponibili.
Scaricalo in PROMOZIONE a 16,90 € invece di 18,90 € fino al 30/11/2014
Calcolo della convenienza ed eventuale risparmio fiscale ottenibile con il pagamento dell’imposta sostitutiva per l’affrancamento delle partecipazioni
Scaricalo in PROMOZIONE a 16,90 € invece di 18,90 € fino al 30/11/2014
Calcolo della convenienza fiscale ottenibile con il pagamento dell’imposta sostitutiva per affrancamento del valore dei terreni edificabili e agricoli
Scaricalo subito a 18,00 €
Scopri la convenienza del pacchetto: 14,75 + Iva invece di 21,20 + Iva!
Il pacchetto contiene:
Scaricalo subito a 14,90 €
Questo foglio di calcolo permette di individuare il corretto regime di tassazione per dividendi e capital gain (realizzo di partecipazioni) evidenziando automaticamente il conteggio imposte. Il file è aggiornato con le modifiche normative introdotte dal DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66
Scaricalo subito a 8,90 €
File excel utile per il calcolo delle detrazioni Irpef per familiari a carico e per lavoro per l'anno 2014, inserendo le diverse tipologie di reddito
Scaricalo subito a 6,90 €
Approfondimento per le società a responsabilità limitata sugli adempimenti a carico dell'organo amministrativo e conseguenti responsabilità.

Commenti

Ecco l'ennesimo cambio di regole in corsa! Se per me Amministratore la mia società sta versando da 10 anni quote per il TFM per farmi avere una certa cifra basata sulla tassazione separata, voilà, con un colpo di magia il mio TFM netto (ciò che conta) diminuisce di almento il 20% all'improvviso. Ci chiediamo perchè le aziende straniere non investono in Italia? Chi lo farebbe facendo un Business Plan che ti fanno crollare con colpo di bacchetta magica due volte al giorno? Sì perchè è proprio di ieri la statistica che conferma come siano emanate una media di quasi due variazioni alle regole fiscali al giorno!!! Sarebbe troppa una revisione ogni 3 anni figuriamoci quasi 700 all'anno.

- Commento di Stefano Gardini (12:02 del 07/02/2012)

Mi sbaglio o la circolare 3 del 28/02/2012 dell'Agenzia delle Entrate, afferma che l'applicazione della tassazione ordinaria al TFM per i soci di società di capitali vi è solo caso in cui si superi 1.000.000€?

- Commento di Roberta Ferrauto (11:33 del 17/04/2013)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)