Pubblicato il 04/08/2011
HOME > FISCO > IVA > Adempimenti >

Vies, i recenti chiarimenti dell’Agenzia Entrate con la circolare 39/E/2011

Gesuato Elisabetta

L’Agenzia torna a parlare dell’inclusione nell’archivio VIES chiarendo alcuni aspetti relativi all’iscrizione, alle sanzioni e alle operazioni straordinarie.

Immagine FiscoeTasse

I contribuenti che hanno posto in essere operazioni intracomunitarie senza essere iscritti nell’archivio VIES dovranno considerare tali operazioni come se fossero nazionali. In caso contrario saranno sanzionati. Sono escluse da sanzioni le violazioni commesse fino al 1° agosto 2011. Questo è uno dei tanti chiarimenti che l’Agenzia delle Entrate, con la circolare 39/E del 1° agosto 2011, ha fornito sul regime autorizzatorio delle operazioni Intra UE.

Per ulteriori approfondimenti sul nuovo regime clicca qui:

L’autorizzazione all’effettuazione di operazioni intracomunitarie

Il D.l. 78/2010 ha introdotto l’obbligo per i soggetti che intendono porre in essere operazioni intracomunitarie, di ottenere l’autorizzazione dall’Agenzia delle Entrate.
Una volta ottenuto il via libera dall’Agenzia, i soggetti verranno iscritti nell’archivio dei soggetti autorizzati, detto VIES (VAT Information Exchange System).
Per rendere applicabile la norma sono stati emanati recentemente due Provvedimenti dell’Agenzia, con i quali sono stati stabilite le modalità:

  • con cui l’Agenzia delle Entrate potrà emettere provvedimento di diniego o di revoca dell’autorizzazione;
  • con cui i soggetti passivi Iva verranno iscritti nell’archivio informatico VIES.

Le procedure sono diverse a seconda che il soggetto passivo Iva inizi l’attività e debba pertanto presentare la dichiarazione di inizio attività, o sia già attivo.

Soggetti obbligati all’inclusione nell’Archivio VIES

Con la circolare 39/E del 1° agosto 2011 l’Agenzia chiarisce che devono presentare l’istanza di inclusione nel VIES tutti i titolari di partita Iva anche nel caso in cui l’esigenza di effettuare operazioni intracomunitarie avvenga in un momento successivo alla presentazione della dichiarazione di inizio attività. Pertanto, l’obbligo riguarda anche:

  • i contribuenti minimi;
  • gli enti non commerciali identificati ai fini Iva;
  • gli agricoltori esonerati.

L’inclusione nell’archivio VIES è necessaria anche per quei soggetti che effettuano prestazioni di servizi intracomunitarie soggette ad Iva nel paese di destinazione (art. 7-ter d.p.r. 633/72).

La manifestazione di volontà

I titolari di partita Iva che non risultano già inclusi nel VIES, devono manifestare la loro volontà di effettuare operazioni intracomunitarie presentando un’istanza:

  • presso un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate;
  • presso la Direzione Regionale competente per il controllo se il volume d’affari/ricavi/compensi del contribuente è non inferiore a 100 milioni di €.

Nella circolare n. 39/E del 1° agosto 2011 l’Agenzia presenta in allegato un fac-simile dell’istanza. Diverse sono le modalità di presentazione ammesse: raccomandata, messaggio di posta elettronica certificata (PEC) sottoscritto digitalmente dal contribuente, oppure sottoscritto e presentato tramite copia per immagine dell’istanza firmata, insieme alla copia fotostatica di un documento d’identità del dichiarante (da allegare anche in caso di presentazione tramite servizio postale).

Nei 30 giorni dei controlli preliminari le operazioni intracomunitarie sono considerate nazionali

Durante i 30 giorni successivi all’attribuzione della partita Iva o alla presentazione dell’istanza, l’Agenzia delle Entrate dovrà effettuare un’analisi di rischio del contribuente, necessaria per l’inserimento nel VIES. I soggetti che, durante questi 30 giorni, dovessero porre in essere operazioni intracomunitarie, dovranno trattare tali operazioni come se fossero nazionali. Eventuali violazioni, successive alla pubblicazione della circolare 39/E/2011, saranno sanzionate ai sensi dell’art. 6 del D.lgs. 471/1997. Dal 31° giorno in poi, nel caso in cui non sia arrivata nessuna comunicazione contraria da parte dell’Agenzia, il contribuente potrà effettuare le operazioni intracomunitarie secondo il loro regime fiscale.

In caso di operazioni straordinarie

Nessuna deroga alla procedura nei confronti dei soggetti risultanti da operazioni straordinarie. Per quest’ultimi, tuttavia, è prevista la facoltà da parte dell’Agenzia di anticipare la valutazione del rischio rispetto alla manifestazione di volontà, in modo da ottenere nell’immediato una certificazione utile per operare immediatamente in ambito comunitario. Resta il fatto che la materiale inclusione nell’archivio VIES avverrà comunque successivamente.

Commenti

Pochi giorni fa ho constatato la non iscrizione al vies. Farò domanda perdendo 30 giorni, ma siamo sicuri che bastino i 30 giorni?

Tutto questo a riprova di quanto malamente pensato il mercato comune europeo.

Insomma devo dichiarare la volontà di fare commercio in europa, niente di più assurdo in un epoca in cui anche il fruttivendolo commercia tramite internet e le distanze sono praticamente inesistenti.

- Commento di centoruote (18:47 del 28/08/2011)

Hai ragione. Unica cosa che volevo sottolineare è che se hai già presentato dei modelli Intra l'iscrizione al registro è automatica.

- Risposta di Luigia Lumia (10:12 del 29/08/2011) al commento di centoruote

comunque è proprio vero che con la scusa di norme contro evasione, antiriciclaggio ecc...si aumentano gli adempimenti e le sanzioni con chi proprio non c'entra nulla nè con l'evasione, nè con l'antiriciclaggio

- Risposta di Luigia Lumia (10:20 del 29/08/2011) al commento di Luigia Lumia

Purtroppo non ho ancora presentato l'intra, altra esotica trovata, perchè dopo l'apertura ho passato alcuni mesi a sviluppare il progetto e ora che ho bisogno di acquistare il necessario per i prototipi mi trovo a dovere perdere almeno 30 giorni per via delle fantasie di qualche genio. La cosa più ridicola è che se riesco comunque a realizzare il prodotto da vendere, su internet scriverò per tutto il mondo eccetto l'Europa, oppure tornate tra 30 giorni.

E questi vorrebbero risollevare l'economia dalla crisi!

- Commento di centoruote (18:01 del 29/08/2011)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE