Pubblicato il 30/06/2011
HOME > FISCO > Accertamento e riscossione > Versamenti delle Imposte >

Il versamento dell’acconto della cedolare secca per il 2011

Entro il 6 luglio 2011 il versamento della 1° rata d’acconto della cedolare secca

168X126 houseIl versamento in acconto della cedolare secca per il 2011 è stato differito al 06.07.2011 (ovvero al 05.08.2011 con la maggiorazione dello 0,40%) dal DPCM del 12.05.2011. Tale versamento deve essere considerato in maniera unitaria. Quindi, per verificare se l’importo debba essere versato in due rate o in unica rata, ovvero per verificare se l’acconto non sia dovuto, occorre sommare tutti gli importi dovuti per ogni contratto di locazione per cui sia stata esercitata la relativa opzione.

Le regole per il versamento dell'acconto della cedolare secca per il 2011

La cedolare secca dovrà essere versata entro il termine previsto per il pagamento dell’imposta sui redditi delle persone fisiche. Ne consegue che l’annunciato slittamento del termine del 16.06.2011 al 06.07.2011 (secondo la proroga concessa con il DPCM del 12.05.2011) riguarderà anche il versamento della cedolare secca.
Per il 2011 è previsto un regime transitorio, in base al quale:

  • l’acconto è pari al 85% dell’imposta dovuta per il 2011 e sarà determinato esclusivamente applicando il metodo previsionale;
  • l’acconto non è dovuto e l’imposta è versata interamente a saldo se l’importo è ≤ 51,65;
  • l’acconto della cedolare secca non entra nel Modello 730 e non sarà liquidato in busta paga dal sostituto. Il contribuente dovrà pertanto provvedere autonomamente a calcolare e versare l’acconto tramite il Modello F24;
  • per i contrati in corso nell’anno 2011 il versamento in acconto della cedolare secca deve avvenire:
    • entro il 30.11.2011 in un’unica soluzione se l’importo è < 257,52 €;
    • entro il 06.07.2011 la prima rata (40%) se l’importo è ≥ 257,52 €;
    • entro il 05.08.2011 la prima rata (40%) maggiorata dello 0,40 % se l’importo è ≥ 257,52 €;
    • entro il 30.11.2011 la seconda rata (60%) per l’importo restante;
  • per i contratti in corso alla data del 31.05.2011 e quelli scaduti o oggetto di risoluzione volontaria prima del 31.05.2011, il pagamento deve avvenire in due rate;
  •  per i contratti con decorrenza successiva al 31.05.2011 il versamento dell’acconto è effettuato in un’unica soluzione entro il 30.11.2011;
  • per i contratti con decorrenza dall’01.11.2011 l’acconto non è dovuto.

Con la Circolare n. 26/E/2011 viene ufficializzata la possibilità di ridurre l'acconto Irpef se si opta per la cedolare. In particolare, l'Agenzia precisa che l’acconto Irpef per il 2011 si riterrà correttamente determinato se pari al 99% dell’Irpef dovuta sulla base della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta precedente senza considerare il reddito fondiario prodotto nel 2010 dagli immobili abitativi per i quali, nel 2011, il contribuente si avvale della cedolare secca per l’intero periodo di imposta.
Anche coloro che hanno già presentato il modello 730, possono avvalersi della possibilità di riduzione del primo acconto. Per questo occorre presentare al sostituto d’imposta un'apposita comunicazione per indicare i minori importi a titolo di acconto che si intendono versare.

Leggi tutti gli articoli in Speciali
tag Tag: Versamenti delle Imposte, Cedolare Secca
Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 22,28 € invece di 55,70 € fino al 31/12/2014
Utile pacchetto contenente la Guida sulla cedolare secca, il file excel per il calcolo della convenienza e una raccolta di 40 formule in word sulla locazione
Scaricalo subito a 24,90 €
Un file excel per determinare e gestire correttamente negli anni, le detrazioni e i benefici fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico nel rispetto della normativa in essere. Utile per gestire correttamente la fatturazione lavori, sfruttando al meglio le detrazioni e i plafond disponibili.
Scaricalo subito a 19,90 €
40 Formule utili nella locazione di immobili. Puoi trovare formule per la locazione di immobili civili e commerciali, con canone ordinario o agevolato, modelli per la comunicazione anagrafe condominiale,comunicazione di cessione fabbricato, comunicazione vendita immobile ai fini della prelazione, comunicazione ingresso nuovo inquilino, comunicazione subentro locatore e tante altre utilità pronte per essere utilizzate. Vedi l'indice completo.
Scaricalo subito a 18,90 €
Cosa cambia dopo il Piano Casa (Conversione in Legge del D.L. n. 47/2014), aggiornato con il nuovo Modello di registrazione dei contratti. Questo utile E-book di 135 pagine più la normativa di riferimento, affronta il tema della cedolare anche dal punto di vista della scelta più conveniente, offrendo una panoramica delle diverse tipologie contrattuali previste dalla legge, con l’obbiettivo di facilitare l’individuazione del contratto più conveniente alla luce delle proprie esigenze, presenti e future. Per i contratti già in essere, invece, viene dettagliata la procedura da seguire per effettuare l’opzione anche in presenza di più proprietari con esigenze diverse, o di diverse tipologie di immobili e di contratti.
Scaricalo subito a 16,90 €
File in excel per il calcolo della convenienza del nuovo meccanismo di tassazione delle locazioni di immobili ad uso abitativo. Il tool consente di modificare l'aliquota della cedolare secca, a seguito della pubblicazione in G.U. del Decreto Legge del 28 marzo 2014, n. 47 che ha previsto la riduzione dell'aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato, dal 15% al 10%.
Scaricalo subito a 4,90 €
La Circolare del Giorno n. 216 del 14.11.2014
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE