Pubblicato il 03/08/2010
HOME > FISCO > Contenzioso > Il processo tributario >

La sospensione feriale dei termini processuali

Staff di Fiscoetasse

Termini processuali sospesi dal 1° agosto al 15 settembre per le giurisdizioni ordinarie e amministrative.Si tratta di un periodo di sospensione di 46 giorni in cui le scadenze si interrompono per riprendere il 16 settembre.

Immagine FiscoeTasseCome ogni anno, anche questa estate la giustizia civile, amministrativa e tributaria va in “ferie”.
Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni ordinarie ed a quelle amministrative è sospeso di diritto dal 1° agosto al 15 settembre 2010, per poi riprendere a decorrere dal 16 settembre 2010.
Si tratta, quindi, di un periodo di sospensione di 46 giorni in cui le scadenze processuali si interrompono, senza che possano essere invocati gli istituti della decadenza e della prescrizione dei termini.

La sospensione feriale dei termini processuali

Con la fine del mese di luglio scatta la pausa estiva anche per il mondo della  giustizia civile, amministrativa e tributaria.


Si tratta, quindi, di un periodo di sospensione di 46 giorni in cui le  scadenze processuali si interrompono, senza che possano essere invocati gli  istituti della decadenza e della prescrizione dei termini.  Dal 16 settembre 2010 il motore della giustizia ripartirà a pieno regime.


La norma prevede espressamente che, se l’inizio del decorso dei termini processuali cade durante il periodo di sospensione feriale, i termini iniziano a decorrere alla fine del periodo di sospensione e cioe dal 16 settembre 2010.



Termini processuali oggetto di sospensione


La norma che ha previsto la sospensione estiva dei termini processuali fa riferimento ai “termini processuali relativi alle giurisdizioni ordinarie ed a quelle amministrative”.

Per tali si devono intendere i termini riferibili a:

¨ le controversie di natura civilistica (ad esempio, controversie in materia di locazione di immobili urbani);


¨ le controversie di natura amministrativa e tributaria (tutti gli atti impugnabili dinanzi ai giudici tributari, depositi di atti giudiziari, proposizione ricorsi o appelli alle Commissioni tributarie e ricorsi alla Corte di Cassazione, costituzione in giudizio);


¨ i procedimenti giudiziari in materia societaria (costituzioni, trasformazioni, fusioni, scissioni);


¨ l’accertamento con adesione del contribuente;


¨ la definizione in via breve delle sanzioni amministrative tributarie.




Termini processuali esclusi dalla sospensione


La sospensione feriale dei termini non riguarda, invece:


¨ le controversie nell’ambito dei contratti obbligatori agrari;


¨ le liti in materia di lavoro;


¨ le procedure cautelari ( “sospensive”);


¨ i giudizi di opposizione agli atti esecutivi, quali le cause di opposizione al precetto con cui si ingiunge ad una persona di pagare una determinata somma;


¨ il procedimento per la sospensione dell’esecuzione del provvedimento amministrativo impugnato;


¨ le cause ed i procedimenti civili indicati nell’art. 92 dell’Ordinamento giudiziario2 (es.: alimenti; procedimenti per l'adozione di provvedimenti in materia di amministrazione di sostegno, di interdizione, di inabilitazione; procedimenti per l'adozione di ordini di protezione contro gli abusi familiari);

 in materia fallimentare:


_ i procedimenti per la dichiarazione dello stato di insolvenza e di opposizione alla stessa;


_ il procedimento per l’apertura della procedura di amministrazione straordinaria o la dichiarazione di fallimento dell’impresa insolvente;


_ i procedimenti di conversione dell’amministrazione straordinaria in fallimento e di conversione del fallimento in amministrazione straordinaria, nonche ai relativi procedimenti di reclamo;

¨ in materia di arbitrato, la pronuncia del lodo arbitrale previsto dall’art. 820 del  codice di procedura civile;


¨ in materia penale, i procedimenti relativi ad imputati in stato di custodia cautelare, qualora essi o i loro difensori rinunzino alla sospensione dei termini.


Il processo tributario

 
Per quanto riguarda il processo tributario, si precisa che, riguardando la sospensione feriale le scadenze relative al “processo”, essa non riguarda:


¨ la notifica di atti amministrativi d’imposta, quali avvisi di liquidazione e di accertamento, e la notifica di cartelle di pagamento;


¨ il versamento di imposte, tasse, diritti, canoni e contributi (es.: Irpef, Ires, Irap, Iva, imposta di registro, Ici, Tarsu, Tosap);
¨ la presentazione di dichiarazioni, denunce e comunicazioni (es.: Modello  UNICO, dichiarazione IRAP, dichiarazione Ici, denuncia di successione).


Calcolo dei giorni di sospensione


Come detto, il periodo di sospensione feriale dei termini processuali, compreso  tra il 1° agosto ed il 15 settembre 2010, deve essere escluso dal computo dei  giorni utili.


Ne deriva, ad esempio, che se si intende presentare un ricorso in Commissione tributaria provinciale:


¨ se il primo giorno per la proposizione del ricorso cade nel periodo feriale (1°  agosto – 15 settembre) → il computo del termine di 60 giorni iniziera dal 16  settembre 2010 compreso;


¨ se l’ultimo giorno per la proposizione del ricorso cade nel periodo feriale → il  computo del termine di 60 giorni si ottiene sommando il periodo decorso  anteriormente al 1° agosto a quello successivo al 15 settembre 2010.

Nel computo dei giorni occorre, inoltre, considerare che:


¨ va escluso il giorno iniziale (dies a quo), mentre deve essere conteggiato quello finale (dies ad quem);

¨ se il giorno di scadenza cade in un giorno festivo, la scadenza e prorogata di  diritto al primo giorno seguente non festivo; il sabato e considerato non festivo.

Leggi tutti gli articoli in Speciali
tag Tag: Il processo tributario

Commenti

se partiamo dal presupposto che l'art. 155 del c.p.c. al quinto comma stabilisce che: " la proroga prevista dal quarto comma si applica altresì ai termini per il compimenti degli atti processuali svolti fuori dall'udienza che scadono nella giornata di sabato", e se consideriamo inoltre la circolare n.56 del 24.10.2007 "ISRTUZIONI PER GLI UFFICI" al punto n.2 definisce i termini per la proposizione del ricorso "termini a decorrenza successiva", al punto 3) indica, per i termini a decorrenza successiva scadenti di sabato,la proroga della scadenza al primo giorno successivo non festivo.

- Commento di milena angiletti (10:32 del 08/11/2010)

Le aste giudiziarie comprese quelle esattoriali sono sospese o meno durante il periodo feriale?

- Commento di Raffaele Romano Napoli (19:27 del 15/09/2011)

vorrei sapere se la materia pensionistica rientra nella sospensione feriale grazie

- Commento di paola aveta (18:43 del 23/10/2012)

Gentile redazione, vorrei sotto porvi un quesito. Abbiamo ricevuto come condominio un'ingiunzione fiscale del comune per il mancato pagamento del canone acqua 2002. Per l opposizione di questo atto, vale la sospensione feriale essendo stato notificato il 2 agosto?

- Commento di bluargento (19:06 del 12/05/2013)

Il precetto, come definito dal Legislatore, è un’intimazione che il creditore rivolge al debitore al fine di ottenere l’adempimento dell’obbligo risultante dal titolo esecutivo (art. 480 c.p.c.). È l’ultimo avvertimento che il creditore fa al debitore preannunciandogli che, in mancanza di spontaneo adempimento, si procederà a esecuzione forzata. Per unanime giurisprudenza, sia di legittimità che di merito, il precetto è un atto di parte, preliminare, non processuale e, in quanto tale, non è atto iniziale dell’esecuzione che, invece, si instaura solo con il pignoramento ovvero, nell’esecuzione per consegna o rilascio, con l’accesso in loco dell’Ufficiale giudiziario. Quindi all'opposizione a precetto si applica la sospensione feriale dei termini e dalla data di notifica a quella di citazione non può essere conteggiato il periodo dal 1° agosto al 15 settembre.

- Commento di avv.Maria Raffaella Giannotti (21:25 del 12/07/2014)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE