Pubblicato il 29/06/2010
HOME > DOSSIER > Dichiarativi > Studi di Settore >

L'adeguamento IVA agli studi di settore e le modalità di compilazione del modello F24

Rag. Lumia Luigia

L’adeguamento Iva agli studi di settore si puo’ anche pagare ratealmente. L’agenzia delle entrate con la Ris. 40/E/2010 ha indicato le modalità di compilazione del Mod. F24 per l’adeguamento Iva Studi di Settore con il pagamento rateale.

L’agenzia ha ritenuto di indicare delle modalità particolari per l’adeguamento Iva agli Studi di Settore per consentire un più efficiente monitoraggio dell’andamento del gettito dell’IVA versata tramite il codice tributo 6494, denominato “Studi di settore – adeguamento” prevedendo l’indicazione di informazioni supplementari che individuano la rateizzazione.

L'adeguamento da studi di settore

Nel caso vi sia disallineamento tra i valori risultanti dalla dichiarazione dei redditi ed i ricavi puntuali di GERICO, è prevista la possibilità di adeguamento in dichiarazione dei ricavi/compensi a quelli determinati dal software degli studi di settore.
Tale adeguamento è possibile “per i periodi d'imposta in cui trova applicazione lo studio di settore” e non comporta l’applicazione di sanzioni ed interessi.
L’adeguamento è consentito sia ai fini delle imposte sui redditi, che ai fini IRAP e IVA.
L’adeguamento ai fini IVA si effettua, in particolare, applicando l’aliquota media IVA ai maggiori ricavi/compensi e versando l’imposta così calcolata entro il termine previsto per il versamento a saldo dell'imposta sul reddito (generalmente, quindi, entro il 16.06.2010 prorogato per il 2010 al 6 luglio 2010 ovvero entro il 16.07.2010 con maggiorazione dello 0,40%).
I maggiori corrispettivi devono essere annotati, entro il suddetto termine, in un'apposita sezione dei registri delle fatture emesse e dei corrispettivi e riportati nella dichiarazione annuale.
Sebbene in caso di adeguamento agli studi di settore non si applichino sanzioni e interessi, è prevista una maggiorazione del 3%, da calcolare sulla differenza tra i ricavi/compensi derivanti da GERICO e quelli annotati nelle scritture contabili, nelle ipotesi in cui:
• lo studio di settore sia almeno al suo secondo anno di applicazione e, quindi, non sia né nuovo né revisionato;
• lo scostamento tra i ricavi/compensi risultanti dalle scritture contabili ed i ricavi/compensi risultanti da GERICO sia superiore al 10%.

Il versamento dell'IVA da adeguamento agli studi di settore

Per il versamento dell’Iva da adeguamento agli studi di settore, con risoluzione ministeriale n. 89 del 1° giugno 1999 era stato istituito l’apposito codice tributo 6494, denominato “Studi di settore – adeguamento”.

Il D.L. n. 78/2009 (Manovra estiva 2009) ha poi esteso anche al versamento dell’Iva da adeguamento agli studi di settore la possibilità di pagamento in forma rateale, secondo le modalità previste per il pagamento rateale delle somme dovute a titolo di saldo e di acconto delle imposte e quindi con:
• versamento delle rate succssive alla prima entro il 16 di ciascun mese successivo a quello di scadenza della prima rata;
• applicazione degli interessi nella misura del 4% annuo (0,33% mensile) a partire dalla seconda rata.

La rateazione dell'IVA da adeguamento

Considerato il numero notevole di contribuenti che possono avvalersi della modalità di pagamento rateale dell’IVA da adeguamento ed al fine di consentire un più efficiente monitoraggio dell’andamento del gettito dell’IVA versata tramite il suddetto codice tributo, l’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 40/E/2010, ha ritenuto opportuno indicare la corretta compilazione del modello F24 in tale circostanza.
In particolare, è stato precisato che, in sede di compilazione del modello di versamento F24, ferme restando le modalità di compilazione degli altri campi indicati nella predetta risoluzione, nel campo “rateazione/regione/prov./mese rif.” si riportano le informazioni relative all’eventuale rateazione nel formato “NNRR”, dove:
• “NN” rappresenta il numero della rata in pagamento;
• “RR” indica il numero complessivo delle rate.

In caso di pagamento in unica soluzione all’interno del suddetto campo deve essere indicato “0101”.
Leggi tutti gli articoli in Speciali
tag Tag: Studi di Settore

Commenti

VOGLIO ADEGUARMI AGLI STUDI DI SETTORE INDICANDO IL RICAVO DI SCOSTAMENTO TRA QUELLO EFFETTIVO E QUELLO DEGLI STUDI, MA NELLA DICHIARAZIONE IVA DOVE DEVO INDICARE TALE AUMENTO PER FAR SI CHE NON CAMBI LA LIQUIDAZIONE ANNUALE IVA?

- Commento di ADELE (19:16 del 15/07/2010)

Adeguamento studi di settore: non deve piu' essere indicato nel modello Iva. il rigo VA42 modello IVA/2009, riservato all’indicazione dei dati relativi all’adeguamento Iva studi di settore, è stato soppresso. Per adeguarsi occorre quindi effettuare l'indicazione solo nel modello Unico ed effettuare i versamenti come ampiamente illustrato nello speciale commentato.

- Commento di Luigia (19:40 del 15/07/2010)

Buonasera,

in merito all'adeguamento agli studi di settore vorrei sapere operativamente come fare e con quale data annotare sul registro iva vendite i maggiori ricavi e la relativa iva.. Grazie,

Buon lavoro.

- Commento di Massimiliano Teruggi (19:23 del 22/07/2010)

L'elaborazione dello studio di settore determina "congruità per effetto dei correttivi crisi". Se volessi comunque adeguarmi, debbo versare l'IVA? Giuseppe

- Commento di giuseppe (12:16 del 27/07/2010)

l'adeguamento comporta sempre il versamento dell'Iva.

- Commento di Luigia (17:11 del 27/07/2010)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE