Pubblicato il 16/06/2010
HOME > DOSSIER > Dichiarativi > Unico PF 2010 >

Mutuo prima casa: la detrazione IRPEF per gli interessi passivi

Rag. Lumia Luigia

Gli interessi passivi sui mutui ipotecari per l'acquisto della prima casa consentono un risparmio di imposta pari al 19% dell'importo pagato, con dei limiti e a determinate condizioni.

La detraibilità degli interessi passivi è attualmente consentita per i contribuenti che acquistano un immobile da adibire ad abitazione principale.

La misura consentita è pari al  19% degli interessi passivi e relativi oneri accessori, corrisposti in dipendenza di mutui ipotecari contratti per l’acquisto dell’abitazione principale, comprese le relative pertinenze.

La normativa vigente, nel corso dei vari anni ha subito diverse modifiche, con la conseguenza che le detrazioni fiscali spettano secondo limiti e modalità che variano in relazione al tipo di fabbricato (abitazione principale, abitazione secondaria, altri fabbricati non abitativi) e all’anno in cui è stato stipulato il contratto di mutuo.

Le condizioni per la detrazione degli interessi prima casa

La norma riconosce la detrazione degli interessi passivi, in dipendenza di un contratto di mutuo, che deve essere garantito da ipoteca su immobili, e non di altri contratti di finanziamento. Lo stesso mutuo, deve:
  • essere stipulato nei dodici mesi antecedenti o successivi all’acquisto stesso (con esclusione del caso in cui l’originario contratto è estinto e viene stipulato uno nuovo di importo non superiore alla residua quota di capitale da rimborsare, maggiorata delle spese e degli oneri correlati);
  • essere erogato da un soggetto residente in Italia (o da un non residente con stabile organizzazione in Italia) o in uno Stato membro della comunità Europea.
Ulteriore condizione è che, entro un anno dall’acquisto, l’immobile deve essere destinato dall’acquirente ad abitazione principale, intesa come dimora abituale dello stesso o dei suoi familiari (coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado). Il mancato utilizzo dell’immobile come abitazione principale causa, quindi, la decadenza dai benefici.
La detrazione non spetta, invece, all’usufruttuario in quanto non acquista l’immobile, ma acquisisce un diritto reale di godimento.
Dal 2001, la detrazione spetta anche:
  • dalla data in cui l’immobile è adibito ad abitazione principale e comunque entro due anni dall’acquisto, se l’immobile è oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, comprovati dalla relativa concessione edilizia o da un atto equivalente;
  • nel caso di acquisto di un immobile locato se, entro tre mesi dall’acquisto, l’acquirente notifica al locatario l’atto di intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e se, entro un anno dal rilascio, l’immobile è adibito ad abitazione principale;
  • se il contribuente trasferisce la propria dimora per motivi di lavoro oppure in istituti di ricovero o sanitari, a condizione che l’immobile non sia affittato.

Il limite alla detrazione degli interessi passivi

Dal 1° gennaio 2008, la legge n. 244/2007 (Legge Finanziaria 2008) ha innalzato da € 3.615,20 ad € 4.000,00 il limite massimo degli interessi passivi pagati su mutui ipotecari stipulati per l’acquisto dell’abitazione principale.
Pertanto, il bonus massimo ottenibile in sede di dichiarazione dei redditi dal sostenimento di questi oneri è pari a € 760 (19% di € 4.000).

Tale limite si riferisce all’ammontare complessivo:

  • degli interessi passivi;
  • degli oneri accessori relativi al contratto di mutuo per il capitale preso a prestito;
  • delle quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione.

Il limite prescinde dai soggetti contitolari del mutuo, i quali possono detrarre gli interessi solo per la loro quota. Per i mutui stipulati prima del 1993, invece, il tetto si riferiva a ciascun cointestatario.

Nel caso dell’acquisto di una abitazione principale cointestata ad una coppia di coniugi, ciascun coniuge può fruire della detrazione unicamente per la propria quota di interessi; solo se uno dei due è fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione spetta a quest’ultimo per entrambe le quote.

Per la detrazione degli interessi passivi è rilevante la data di stipula del contratto di mutuo ed il momento nel quale il contribuente ha acquisito la propria residenza presso l’unità immobiliare che costituisce l’abitazione principale.

Per i contratti di mutuo stipulati prima del 1993, invece, le condizioni per fruire della detrazione (€ 4.000 per ciascun cointestatario), sono le seguenti:

  • l’unità immobiliare doveva essere adibita ad abitazione principale alla data dell’8 dicembre 1993;
  • nella rimanente parte dell’anno e negli anni successivi il contribuente non deve aver variato l’abitazione principale per motivi diversi da quelli di lavoro.
Per i mutui stipulati nel corso dell’anno 1993, la detrazione è ammessa a condizione che:
  • l’unità immobiliare sia stata adibita ad abitazione principale entro l’8 giugno 1994 (entro sei mesi dall’acquisto);
  • l’acquisto dell’immobile sia avvenuto nei sei mesi antecedenti o successivi alla stipula del mutuo.
Per i mutui stipulati a partire dal 1° gennaio 2001, la detrazione va calcolata su un importo massimo di € 4.000 complessivi ed è ammessa a condizione che l’immobile sia stato adibito ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto.

Il limite per la detraibilità degli interessi passivi

Gli interessi passivi sui mutui sono detraibili in proporzione al costo dell’abitazione. In particolare, nel caso in cui un contribuente contrae un mutuo che eccede il costo sostenuto per l’acquisto dell’immobile, l’agevolazione deve essere limitata all’ammontare della somma del valore dell’immobile che è stato indicato nel rogito, comprensivo delle spese notarili e degli oneri accessori.

Gli interessi passivi risultano detraibili in base al rapporto tra:
- il costo di acquisto dell’immobile;
- il capitale preso a mutuo.


Il costo di acquisto dell’immobile da considerare ai fini della detraibilità degli interessi passivi è quello risultante dal rogito notarile maggiorato degli oneri accessori direttamente imputabili all’operazione d’acquisto che comprendono:

  • l’onorario del notaio relativo all’atto di acquisto dell’immobile;
  • le spese di mediazione immobiliare;
  • le imposte di registro e quelli ipotecarie e catastali;
  • spese sostenute per eventuali autorizzazioni del giudice tutelare e quelle relative ad acquisto nell’ambito di una procedura concorsuale;
e degli oneri accessori relativi al contratto di mutuo, ovvero:
  • l’onorario del notaio relativo alla stipula del contratto di mutuo;
  • la commissione spettante agli istituti per la loro attività di intermediazione bancaria;
  • le spese di istruttoria e perizia tecnica;
  • gli oneri fiscali (compresa iscrizione/cancellazione di ipoteca, imposta sostitutiva sul capitale prestato);
  • la provvigione per scarto rateizzato nei mutui in contanti;
  • maggiori somme corrisposte a causa delle variazioni di cambio relative a mutui stipulati in ECU o altra valuta estera.
Come precisato dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 15/E/2005 non possono essere classificate, invece, come oneri accessori le spese per l’assicurazione dell’immobile richiesta dalla banca per stipulare il contratto di mutuo.

Documentazione necessaria

Per beneficiare della detrazione è necessario che il contribuente abbia conservato i seguenti documenti:
  • copia del contratto di mutuo dal quale risulta che il finanziamento è stato concesso per l’acquisto dell’abitazione principale;
  • copia dell’atto di compravendita dell’immobile e relativi oneri accessori;
  • quietanze di pagamento degli interessi passivi e relativi oneri accessori e quote di rivalutazione.
Il contribuente dovrà, inoltre, dimostrare l’utilizzo dell’immobile quale abitazione principale, tramite:
- le risultanze dei registri anagrafici;
- l’autocertificazione, nel caso in cui il contribuente deve dimostrare che la propria dimora abituale è diversa da quella indicata nei registri anagrafici.
Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 22,28 € invece di 55,70 € fino al 31/12/2014
Utile pacchetto contenente la Guida sulla cedolare secca, il file excel per il calcolo della convenienza e una raccolta di 40 formule in word sulla locazione
Scaricalo in PROMOZIONE a 34,90 € invece di 52,60 € fino al 31/01/2015
3 E-book in pdf su Imu, Iuc, Tasi, Ivie e Ivafe e foglio di calcolo in excel del saldo IMU 2014 in vista dell'imminente scadenza del 16 dicembre 2014
Scaricalo subito a 24,90 €
Un file excel per determinare e gestire correttamente negli anni, le detrazioni e i benefici fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico nel rispetto della normativa in essere. Utile per gestire correttamente la fatturazione lavori, sfruttando al meglio le detrazioni e i plafond disponibili.
Scaricalo subito a 19,90 €
40 Formule utili nella locazione di immobili. Puoi trovare formule per la locazione di immobili civili e commerciali, con canone ordinario o agevolato, modelli per la comunicazione anagrafe condominiale,comunicazione di cessione fabbricato, comunicazione vendita immobile ai fini della prelazione, comunicazione ingresso nuovo inquilino, comunicazione subentro locatore e tante altre utilità pronte per essere utilizzate. Vedi l'indice completo.
Scaricalo subito a 18,90 €
Cosa cambia dopo il Piano Casa (Conversione in Legge del D.L. n. 47/2014), aggiornato con il nuovo Modello di registrazione dei contratti. Questo utile E-book di 135 pagine più la normativa di riferimento, affronta il tema della cedolare anche dal punto di vista della scelta più conveniente, offrendo una panoramica delle diverse tipologie contrattuali previste dalla legge, con l’obbiettivo di facilitare l’individuazione del contratto più conveniente alla luce delle proprie esigenze, presenti e future. Per i contratti già in essere, invece, viene dettagliata la procedura da seguire per effettuare l’opzione anche in presenza di più proprietari con esigenze diverse, o di diverse tipologie di immobili e di contratti.
Scaricalo subito a 16,90 €
File in excel per il calcolo della convenienza del nuovo meccanismo di tassazione delle locazioni di immobili ad uso abitativo. Il tool consente di modificare l'aliquota della cedolare secca, a seguito della pubblicazione in G.U. del Decreto Legge del 28 marzo 2014, n. 47 che ha previsto la riduzione dell'aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato, dal 15% al 10%.
Scaricalo subito a 14,90 €
File excel per il calcolo del saldo IMU 2014 da versare entro il 16.12.2014
Scaricalo subito a 13,90 €
In questo E-book una guida passo per passo ai controlli che occorre effettuare per evitare cattive sorprese, come leggere l’ordinanza di vendita e le perizie e come compilare la domanda di partecipazione. Questo perché tra le peculiarità della vendita all’asta c’è anche l’impossibilità di recedere dall’acquisto in caso di vizi o della presenza di altri fattori destinati a deprezzare l’immobile o a introdurre oneri non preventivamente considerati.
Scaricalo subito a 12,90 €
L’Imposta municipale unica è stata definitivamente cancellata sulla prima casa dopo la coda della mini-IMU introdotta dal decreto che ha abolito la seconda rata dell’imposta per il 2013. Cosa, come e quando pagare dopo l'abolizione sulla prima casa; Aggiornato con la conversione del D.L. 30 novembre 2013, n. 133 e la Legge di stabilità 2014
Scaricalo subito a 12,90 €
Guida alle agevolazioni 2014.
In dettaglio nell’e-book di 138 pagine si riportano tutte le modalità per usufruire delle detrazioni e del bonus per l’acquisto dei mobili, la lista dei lavori che danno diritto all’agevolazione e le risposte a 200 tra i quesiti più frequenti in materia.
Aggiornato con la Legge 23 maggio 2014, n. 80 (Piano casa) e con la Circolare dell’Agenzia delle entrate n. 11/2014
Scaricalo in PROMOZIONE a 10,90 € invece di 12,90 € fino al 07/01/2015
E-book di 60 pagine che prende in esame le modalità di applicazione dell’IVA nelle diverse operazioni poste in essere in relazione al settore immobiliare
Scaricalo subito a 11,90 €
Adempimenti e scadenze dopo la Legge n. 89/2014.
Aliquote, scadenze, adempimenti e modalità di calcolo dell'imposta unica comunale. Nel presente e-book vengono analizzate tutte e tre le componenti della IUC (TASI - IMU - TARI) per poi spiegare al lettore, avvalendoci di tabelle esemplificative, le modalità di funzionamento della IUC, l’ambito soggettivo ed oggettivo.
Scaricalo subito a 10,90 €
Nell’ebook le novità sulle misure a sostegno del mercato immobiliare dopo la conversione del Decreto Sblocca Italia (Legge 11 novembre 2014, n. 164)
Scaricalo subito a 8,90 €
File excel utile per il calcolo delle detrazioni Irpef per familiari a carico e per lavoro per l'anno 2014, inserendo le diverse tipologie di reddito
Scaricalo subito a 7,90 €
Utilità in excel che effettua il calcolo della deducibilità fiscale delle erogazioni liberali a favore di Onlus e altre organizzazioni senza scopo di lucro
Gratis
Un utile strumento gratuito per il calcolo della deduzione fiscale prevista dal "Decreto Sblocca Italia" per chi acquista un immobile e lo affitta per otto anni a canone concordato.
Questo file excel consente di verificare i requisiti per la spettanza del bonus fiscale e ne consente la determinazione (in termini di risparmio annuo di imposta).
Gratis
Ecco il Vademecum "Il condominio e la privacy" del Garante per la protezione dei dati personali, per conciliare trasparenza e riservatezza nel condominio
Gratis
Modulo di domanda per l'accesso al Fondo di Garanzia prima casa sui mutui per acquisto e ristrutturazione immobiliare fino a 250.000 euro.

Commenti

Domanda: Perchè si detraggono meno interessi passivi se "costruisco" invece di acquistare la prima casa? Nel caso specifico, avendo un terreno edificabile, ho acquistato una casa "clima" prefabbricata e montata successivamente sul posto stabilito. Chiaramente l'accatastamento è stato fatto successivamente. Quello che non capisco è la motivazione che in questo caso non posso detrarre 4000 € come nel caso di un acquisto. Spero di essere stato sufficientemente chiaro. Grazie

- Commento di Marcello Sartori (09:48 del 01/07/2010)

Possibile che NESSUNO sappia rispondermi al perché se COstruisco una prima casa posso detrarre interessi passivi dal mutuo fino a € 2582,82. Mentre se ACQISTO una prima casa, ne posso detrarre fino a €. 4000????? (vedi art.15 1-ter del TUIR) Rispondete per favore!

- Risposta di Marcello Sartori (20:04 del 04/02/2011) al commento di Marcello Sartori

acquisto abitazione principale con quote di proprietà ripartite su due intestatari (conviventi) al 73% e al 27% - stipula di mutuo ipotecario senza indicazione di alcuna percentuale: come ripartisco la deducibilità fiscale del mutuo? grazie

- Risposta di BERTUCCIOLI TIZIANO (11:15 del 28/05/2011) al commento di Marcello Sartori

Premessa: - La moglie acquista un immobile nel comune di residenza accendendo un mutuo chirografario, - Atto notarile di acquisto seconda casa con iva al 10%, - Non trasferisce mai la residenza nell'immobile acquistato, - La residenza è nell'immobile di proprietà del marito, nel comune stesso dove ha comprato l'immobile nuovo.

DOMANDE: 1 - Gli interessi del mutuo della moglie si spossono scaricare nella dichiarazione dei redditi?

2 - Essendo la moglie comunque proprietaria ed intestataria solo del nuovo immobile acquistato, può trattarsi di acquisto di prima casa?

3 - Se si, si possono scaricare gli interessi del mutuo e inoltre chiedere il rimborso dell'IVA al 10% pagata al momento dell'acquisto nel dicembre 2005?

Spero di essere stato sufficientemente chiaro. Grazie.

- Commento di MAURIZIO COSIGNANI (23:44 del 28/07/2010)

Casa, abitazione principale, intestata ai figli, mutuo ai genitori. Tutti conviventi, figli tutti a carico. Possono i genitori portare in detrazione gli interessi passivi pagati sul mutuo?

- Commento di carmen (18:37 del 30/07/2010)

ristrutturazione casa con DIA rifacimento tetto e installazione pannelli solari il mutuo che sto prendendo e detraibile? trattasi di abitazione principale acquistata come prima casa grazie

- Commento di daniela papini (23:13 del 11/10/2010)

Gli interessi passivi sulle spese di ristrutturazione attualmente non sono detraibili.

- Commento di Luigia (17:33 del 12/10/2010)

Buongiorno, ancora non ho capito se un mutuo contratto nel 2009 per ristrutturare l'abitazione princioale è deducibile, oppure no! Possibile che non ci sia una normativa chiara? Vi prego rispondere al più presto. Cordiali Saluti

- Commento di May Radwan Dana (14:06 del 23/02/2011)

Ho già risposto in un precedente post, purtroppo gli interessi per la ristrutturazione anche della prima casa non sono detraibili.

- Risposta di Luigia (10:39 del 26/02/2011) al commento di May Radwan Dana

Gentile Luigia, dopo aver consultato diversi siti mi sono imbattuta nel sito delle Entrate: Le ristrutturazioni edilizie Le agevolazioni fiscali. Leggendo la normativa, io rientro tra le persone che si possono dedurre gli interessi passivi, infatti ho archiviato il sito per inoltrarlo al mio commercialista. Potrebbe gentilmente comunicarmi in base a quale norma non posso dedurre gli interessi passivi? Perchè chi costruisce una casa, può detrarsi gli interessi per ristrutturazione (considerato che non deve ristrutturare)? Perchè sul 730 è specificato solo per i mutui del 1997? Resto in attesa di Sue cortesi notizie Grazie per la collaborazione e Buon Lavoro

- Commento di May Radwan Dana (14:03 del 01/03/2011)

La guida dell'agenzia da lei citata recita che:"I contribuenti che intraprendono la ristrutturazione e/o la costruzione della loro casa di abitazione principale, possono detrarre dall’Irpef, nella misura del 19%, gli interessi passivi e i relativi oneri accessori pagati sui mutui ipotecari, per costruzione e ristrutturazione dell’unità immobiliare, ..... L’importo massimo sul quale va calcolata la detrazione del 19% è pari a 2.582,28 euro complessivi per ciascun anno d’imposta. Per costruzione e ristrutturazione si intendono tutti gli interventi realizzati in conformità al provvedimento comunale che autorizzi una nuova costruzione, compresi gli interventi di ristrutturazione edilizia di cui all’art. 31, comma 1, lett. d), della legge 5 agosto 1978, n.457." L'art. 31 lett. d recita che trattasi di: " interventi di ristrutturazione edilizia, quelli rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, la eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti;". Non tutte le spese di ristrutturazione quindi ma solo quelli indicate in questa lettera che sono quelle che in un certo senso sono analoghe alle spese di costruzione.

- Risposta di Luigia (22:26 del 01/03/2011) al commento di May Radwan Dana

d) "interventi di ristrutturazione edilizia", gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti. Nell'ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica; (lettera così modificata dal d.lgs. n. 301 del 2002)

- Risposta di Luigia (22:44 del 01/03/2011) al commento di Luigia

ringrazio per le cortesi risposte e per i vari commenti ma credo che seguirò la strada dell'interpello perche ho molte perplessità La notaia che ha stipulato il contratto di mutuo ha cercato di dettagliare le mie necessità appellandosi a vari articoli.Preciso che io ho contratto un mutuo su la mia prima casa dove ho la residenza edove ho eseguito lavori di riqualificazione energetica ben documentata(tetto con pannelli fotovoltaici)il tutto totalmente integrato per beneficiare del 55% Ringrazio tutti coloro che hanno suggerimenti Daniela

- Commento di daniela papini (14:50 del 01/03/2011)
- Commento di Marcello Sartori (10:47 del 02/03/2011)

A Luigia Lumia. Argomento:Interessi passivi diversi per acquisto o costruzione. Il comune mi concede autorizzazione edilizia. COSTRUISCO con un'impresa le fondamenta e una piattaforma e spendo € 70.000. Successivamente, ACQUISTO una casa prefabbricata, che mi viene montata sulla piattaforma prestabilita, nel giro di una settimana ho le chiavi in mano. Nel mutuo concessomi di € 140.000 non è citato se per acquisto o costruzione. Il CAAF vista la concessione edilizia, mi applica la detrazione interessi passivi per € 2.582,28. Nelle fatture della casa prefabbricata c'è la dicitura:"Fornitura di casa prefabbricata Modello...." Come posso far valere la detrazione degli interessi passivi per € 4.000? Grazie

- Commento di Marcello Sartori (10:59 del 02/03/2011)

Buongiorno, a questo punto sono ancora più confusa: 1) abitazione principale 2) mutuo per ristrutturazione contratto nel 2009 3) lavori iniziati entro 6 mesi dalla richiesta 4) presentata domanda all'ufficio di Pescara 5) richiesta DIA, in quanto è stata completamente cambiata, incluse finestre, porte, porta ingresso. 6) Ho acquistato la casa nel 1992, mi sarebbe crollata addosso se non l'avessi ristrutturata. 7) Ho cambiato il bagno POSSO O NON POSSO DETRARRE GLI INTERESSI PASSIVI? Se si oppure se no in base a quale legge o decreto. Grazie

- Commento di May Radwan Dana (13:58 del 02/03/2011)

Le istruzioni all'Unico 2011 all'appendice pag. 92 recitano: "Per costruzione di unità immobiliare si intendono tutti gli interventi realizzati in conformità al provvedimento di abilitazione comunale che autorizzi una nuova costruzione, compresi gli interventi di ristrutturazione edilizia di cui all’art. 31, comma 1, lett. d), della L. 5 agosto 1978, n. 457." il testo dell'art. 31 lett. d l'ho riportato. Io penso purtroppo che i suoi lavori non rientrano in questa ipotesi.

- Risposta di Luigia Lumia (22:22 del 02/03/2011) al commento di May Radwan Dana

Buongiorno Luigia, sto pensando di rivolgermi alla segreteria di Tremonti perchè non è possibile che bisogna essere laureati in giurisprudenza per capire se posso detrarre una spesa. Durante la pausa pranzo sono andata a leggere la legge con tutte le deroghe e le proroghe, Le assicuro che sono ancora più confusa. La Sua ultima risposta, ovvero, "io penso" mi dispiace doverLe far notare che non è corretta, in quanto un cittadino dovrebbe sapere cosa fare in base ad un provvedimento trasparente. La ringrazio per la collaborazione e Le Auguro Buon Lavoro

- Risposta di May Radwan Dana (14:09 del 11/03/2011) al commento di Luigia Lumia

Purtroppo penso che in questo caso "penso bene".... legga anche la discussione sul forum, alcuni miei colleghi hanno chiarito meglio di me.

- Risposta di Luigia Lumia (22:33 del 12/03/2011) al commento di May Radwan Dana

Ho postato la discussione anche ul nostro forum per sentire l'opinione dei miei colleghi. Rimando quindi al seguente link: Forum Fisco e Tasse

- Risposta di Luigia Lumia (19:01 del 03/03/2011) al commento di May Radwan Dana

domanda: ho contratto un mutuo per costruire la mia prima casa dopo 6 mesi e 20 giorni dal rilascio della concessione edilizia e pertanto mi hanno detto (CAF) che non posso detrarre gli interessi del medesimo per tutta la sua durata. E' vero? possibile che per 20 giorni abbia perso tutta la detraibilità degli interessi passivi?

- Commento di biagini gianluca (21:24 del 11/04/2011)

DOMANDA: all'anno pago due rate di mutuo con scadenza 30/06 e 30/12. Per problemi che non sto a riferire, ho pagato la seconda rata del mutuo il 03/01/2011. La mia domanda è questa: posso scaricare gli interessi passivi del mutuo ipotecario edilizio maturati nel 2010 nel 730/2011 ??? Oppure dovro' mettere gli interessi passivi maturati nel 2010 e nel 2011 nel futuro 730/2012??? Grazie, Sergio

- Commento di Sergio (13:47 del 15/04/2011)

per la detrazione degli interessi, fa fede la data del pagamento degli stessi,quindi lei dovrà metterli nel futuro 730/2012

- Risposta di Jengo (17:14 del 21/04/2011) al commento di Sergio

Nel 2008 ho stipulato un mutuo per acquisto 1^ casa; nel 2009 ho estinto il predetto mutuo ed ho stipulato un altro di liquidità (parte dell'importo per l'estinzione del primo contratto + altra liquidità per altri fini); nel 2011 ho surrogato quest'ultimo stipulando un ulteriore mutuo. La domanda è: posso continuare a detrarre gli interessi relativamente all'importo che ha interessato l'acquisto della 1^ casa ?

Grazie, Vincenzo

- Commento di vincenzo (10:45 del 16/04/2011)

la surroga del mutuo non fa si che non si possano piu detrarre gli interessi passivi,a patto che il nuovo mutuo abbia le stesse caratteristiche di quello vecchie.

- Risposta di Jengo (17:27 del 21/04/2011) al commento di vincenzo

qualcuno sarispondere a questa domanda ? è importante!

- Risposta di giuseppe (02:39 del 10/05/2011) al commento di vincenzo

La mia domanda in merito è questa: Se viene fatta una surroga al mutuo originario, devo comunque fare il calcolo degli interessi in rapporto al rogito di acquisto della casa, anche se con il nuovo " mutuo " la richiesta è inferiore al costo di acquisto? Grazie fin d'ora per il gentile aiuto che mi darete

- Commento di ROBERTO (21:33 del 20/04/2011)

basta che, l importo del mutuo sia inferiore al valore dell immobile.

- Risposta di Jengo (17:29 del 21/04/2011) al commento di ROBERTO

come posso scaricare gli interessi passivi di un mutuo stipulato 30/08/2003 come prima casa avendo chiamato la residenza circa 13 mesi dopo? ricordo che per motivi economici non ho potuto abitarla prima, ho fatto dei lavori importanti nel bagno e in cucina come posso dimostrarli avendo smarrito la documentazione. il caf dove mi rivolgo me la chiesta qest"anno 2011 per la prima volta come posso fare spero di non avere guai con l agenzia delle entrate in quanto famiglia con 3 bimbi piccoli e mono reddito ciao e graziee in anticipo.

- Commento di mario74 (07:15 del 23/04/2011)

La detrazione spetta a condizione che l’immobile sia adibito ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto, e che l’acquisto sia avvenuto nell’anno antecedente o successivo al mutuo.

- Risposta di Jengo (18:36 del 26/04/2011) al commento di mario74

Buon giorno,chiedo a chi puo' informarmi:nel 2008 ho acquistato in comunione dei beni con mia moglie un appartamento ho chiesto la detrazione prima casa in quanto io lavoro in quel comune pur essenso residente in un altro.L'agenzia delel entrate pur essendo in comunione dei beni mi chiede il pagamento come sconda casa per mia moglie.A norma del codice civile tale appartamento entra a far parte dei beni di famiglia.Vorrei una inforazione se ci sono sentenze nel senso che per ambedue vale la prima casa vista la comunione dei beni.Grazie

- Commento di Giovanni (07:59 del 26/04/2011)

Purtroppo credo che l 'agenzia abbia ragione, in quanto anche sua moglie deve o lavorare in quel comune oppure averne la residenza.

- Risposta di Jengo (16:40 del 26/04/2011) al commento di Giovanni

Buongiorno, mia moglie ha riscattato nel 2010 un piccolo appartamento ex case popolari, l'acquisto è stato effettuato in regime di comunione di beni. Su questo acquisto non è stato stipulato mutuo.Adesso stiamo acquistando un nuovo appartamento che diveterà abitazione principale. Fatto salvo che dovrò acquistare l'immobile come seconda casa, perdendo quindi le agevolazioni sull'acquisto 1 prima casa in quanto già proprietario, potrò scaricare almeno gli interessi passivi sul mutuo che andrò ad accendere? Grazie

- Commento di Gaetano (02:18 del 07/05/2011)

alcune fatture che giustificano il mutuo per costruzione,per cui detraggo gli interessi, hanno data successiva alla data di fine lavori comunicata in comune; sono in regola?

- Commento di guido (20:15 del 11/05/2011)

secondo me si,non ho trovato alcin documento che attesti il contrario.

- Risposta di Jengo (18:43 del 12/05/2011) al commento di guido

Buongiorno desidero avere un chiarimento : mia moglie prima di sposarsi ha acquistato un immobile come prima casa ed il relativo mnutuo è sempre stato detratto ai fini irpef. dopo quattro anni causa lcienziamaento ha dovuto spostare la residenza ed il domicilio in altro comune dove aha trovato lavoro, poi ci siamo sposati e lei si è trasferita ( compreso la residenza ) nel mio comune ( un altro diverso da quello di lavoro ) . l'appartamento è stato messo in affitto perchè è impensabile lasciarlo vuoto. E' correto che non sia possibile piu detrarre il mutuo? se ritornasse con la residenza nel suo primo apapartamento, senza il domicilio potrebbe fare la detrazione ? ( parlo sempre ai fini irpef non ici ) . che senso ha che per 15 anni ovvero per il periodo del mutuo la persona sia legata alla casa e non possa spostarsi per lavoro od altro....e che senso ha lasciare vuoto l'appartamento? grazie per la risposta.

- Commento di valentino de zorzi (09:11 del 24/05/2011)

la detraibilità degli interessi è legata alla residenza.

- Risposta di Luigia Lumia (14:47 del 31/05/2011) al commento di valentino de zorzi

Buongiorno, vorrei un'informazione. Ho acquistato prima casa a maggio del 2009. Ho stipulato il mutuo per l'acquisto a dicembre del 2009. La casa dovevo risttutturarla perchè non era abitabile (non aveva impianti etc) e ho chiesto il mutuo per ristrutturare e mi è stato concesso a aprile 2010. I lavori li avevo iniziati a gennaio 2010. Tuttora non ho ancora trasferito la residenza perchè la DIA è ancora aperta..a breve daremo la fine lavori. IL caaf mi ha detto che non posso più detrarre gli interessi sul mutuo contratto per l'acquisto! Io però ho letto che in caso di lavori si ha tempo due anni per trasferire la residenza e non 12 mesi. La ringrazio per la risposta

- Commento di Tiziana (10:40 del 26/05/2011)

Cito le istruzioni..il mutuo deve essere stipulato nei 12 mesi antecedenti o successivi all'acquisto"...che succede se l'acquisto e il mutuo sono stati fatti lo stesso giorno?

- Commento di domenico (22:29 del 30/05/2011)

lo stesso giorno è perfetto.

- Risposta di Luigia Lumia (14:31 del 31/05/2011) al commento di domenico

Buongiorno, vorrei avere un'informazione: mio marito ha acquistato con le sorelle un appartamento per i genitori ai quali è stato stipulato un regolare contratto di affitto a canone agevolato. Avendo dovuto accendere un mutuo per l'acquisto dell'immobile, gli interessi passivi, spese di agenzia ecc possono godere della detraibilità irpef in sede di 730, trattandosi di immobile adibito a prima casa per familiari di 1° grado? Spero di essere stata sufficientemente chiara, grazie, saluti

- Commento di Alessandra (10:56 del 31/05/2011)

stiamo acquistando un appartamento (prima casa) che sara' formalmente intestato alle nostre due figlie universitarie fiscalmente a carico di mio marito. Dovendo accendere un mutuo che verra' diviso in tre quote (mio marito che non compare nel rogito ma nell'accensione del mutuo e le ragazze - cosi' dice l'Istituto di credito) chi e come potra' detrarre gli interessi passivi? (mio marito ha gia' in essere un mutuo prima casa che scadra' tra tre anni...)Grazie.

- Commento di Cinzia (08:05 del 01/06/2011)

requisito per la detraibilità degli interessi è che l'immobile venga adibito ad abitazione principale da parte del proprietario. Se le figlie lo adibiranno a loro abitazione potranno detrarre il mutuo, a condizione pero' che abbiano dei redditi... su cui hanno pagato delle imposte. Suo marito non è proprietario e ...quindi non puo' detrarre gli interessi.

- Risposta di Luigia Lumia (15:15 del 03/06/2011) al commento di Cinzia

le istruzioni unico 2011 pagina 39 in merito al rigo RP7aRP11 interessi passivi dicono:non sono ammesse alla detrazione: spese assicurazione immobile(già noto) spese mediazione immobiliare(agenzie immobiliari)-nuova disposizione? onorario del notaio per il contratto di compravendita-nuova disposizione? le imposte di registro,l'iva,le imposte ipotecarie e catastali.-nuova dispozione?-chi ha detto il giusto la vs.pubblicazione o l'agenzia delle entrate?gradirei una cortese risposta a breve in interessato personalmente-grazie-

- Commento di lucio (13:30 del 02/06/2011)

quelle relative alla compravendita no, ma quelle relative al mutuo si, se si tratta naturalmente di acquisto casa abitazione. Mi sembra che diciamo la stessa cosa.

- Risposta di Luigia Lumia (15:10 del 03/06/2011) al commento di lucio

accensione mutuo per prima casa, il mutuo ha tre mutuatari. La detrazione fiscale relativa agli interessi nella misura di €. 4.000 la devono fare per forza tutti e tre (nella misura di 1/3 cadauno)? E' possibile che solo uno dei tre possa fare la detrazione? mi servirebbe una risposta urgente grazie

- Commento di Paolo (10:13 del 04/06/2011)

Cosa succede se ho effettuato il cambio di residenza dopo i 12 mesi previsti? Perdo solo gli interessi del mutuo del 2010 o li ho persi per sempre?

- Commento di Domenico (15:09 del 13/06/2011)

purtroppo gli interessi se non viene trasferita la residenza entro i 12 mesi si perdono per sempre.

- Risposta di Luigia Lumia (17:16 del 13/06/2011) al commento di Domenico

ciao sono Maria mi trovo in un momento di piena crisi e non sò cosa fare. Ho acquisato nel 2006 la prima casa con il 100% di proprietà solo mia.Allora la casa era ancora locata e ancora oggi non sono riuscita a liberarla,ma fra 2 anni sarà tutto finito.Potrò allora scaricare gli interessi del mutuo dando a mio marito il mio 100%di proprietà dato che è solo lui ad avere reddito ma abbiamo il mutuo cointestato che è stato rinegoziato nel 2008........grazie anticipatamente vi prego aiutatemi non sò più a chi rivolgermi nessuno ha saputo darmi risposte precise o consigli....grazie

- Commento di maria (15:27 del 15/06/2011)

Richiedendo un mutuo con barclays riusciro' ad usufruire delle detrazioni degli interessi passivi? Perchè qualcuno mi diceva che con barclays non avevo questa possibilità...Vi ringrazio anticipatamente!

- Commento di vito (20:38 del 15/06/2011)

Non mi risulta che gli interessi del mutuo con Barclays non siano detraibili.. comunque chiedi direttamente alla banca le conferme non a terzi... Saluti Sonila

- Risposta di Sonila (11:18 del 16/06/2011) al commento di vito

il punto è propio questo non fido del tizio che c'è in filiale...

- Risposta di vito (20:23 del 16/06/2011) al commento di Sonila

salve avrei bisogno di un chiarimento. pago un mutoui acceso da mia moglie prima del matrimonio. adesso viviamo in comunione di beni e mia moglie non lavora piu, spetta a me quindi materialmente pagare il mutuo.posso detrarre col 730 gli interessi passivi?????se no, c'è un modo per farlo? è possibile che mia moglie debba per forza lavorare per farlo???? grazie per la risposta

- Commento di enzo (14:56 del 20/06/2011)

buongiorno, i beni acquistati prima del matrimonio restano esclusi dalla comunione e quindi lei non è comproprietario, ma l'immobile è solo di sua moglie... e quindi purtroppo lei non puo' detrarre gli interessi passivi neanche se ha il coniuge a carico. A me no che lei non sia comproprietario, ma da suo quesito non mi sembra.

- Risposta di Luigia (11:40 del 23/06/2011) al commento di enzo

buongiorno, nel 2007 ho iniziato la costruzione della prima casa aiutata dai soldi dei miei genitori. Dal 2010 ho un contratto di lavoro a tempo indeterminato e quindi ho attivato un mutuo per completamento costruzione prima casa. Adesso alla presentazione del 730 mi dicono che il mutuo non è detraibile perchè sono passati oltre 18 mesi dalla data di inizio lavori e dalla stipulazione del mutuo. La casa è ancora in costruzione una volta terminata e chiesto accatastamento e abitabilità potrò usufruire della detraibilità degli interessi passivi del mutuo prima casa? La ringrazio anticipatamente per l'attenzione, cordiali saluti Chiara M.

- Commento di chiara (22:53 del 21/06/2011)

Ho acquistato la mia prima casa nel giugno 1994 ma ho potuto trasferire la residenza solo ad ottobre 1995 a causa dei lavori di ristrutturazione dell'appartamento che sono stati fatti a tozzi e bocconi non avendo una grande disponibilità economica. Fino ad ottobre 1995 ero in affitto e avevo uno sfratto esecutivo e non essendo ancora finiti i lavori nell'appartamento acquistato, non potevo trasferire nemmeno la residenza per non vedermi sbattuto fuori dal proprietario della casa dove vivevo in affitto. Ma nel contratto di acquisto risulta chiaramente la dicitura che la casa da me acquistata era adibita ad abitazione principale e mia prima casa. Ora vorrei sapere se potevo dedurre fiscalmente gli interessi passivi sul mutuo o se invece non dovevo farlo. E se non dovevo farlo valeva solo per il 1995 o anche per gli anni successivi. Gradirei avere una risposta visto che ho aperto un gravoso contenzioso con il Fisco e Equitalia mi sta tartassando. Grazie

- Commento di Giancarlo (12:34 del 22/06/2011)

Buongiorno, mi sono sposata recentemente. Io e mio marito siamo andati a vivere in un appartamento di mai proprietà in cui ho preso la residenza. Anche lui vorrebbe assumere la residenza a quell'indirizzo. La domanda è la seguente: mio marito ha contratto un mutuo su un appartamento di sua proprietà fruendo delle detrazioni sugli interessi come abitazione principale. Può cambiare residenza senza perdere gli interessi visto che sua madre vive in quella casa in qualità di usufruttuaria? Grazie mille per l'attenzione. Cordialmente

Isabella

- Commento di isabella (10:23 del 03/08/2011)

Per avere le agevolazioni prima casa deve risiedere nell'abitazione in questione. Se cambia la residenza perde la detrazione. Saluti Sonila

- Risposta di Sonila (12:14 del 03/08/2011) al commento di isabella

Salve vorrei un chiarimento ho acquistato casa in Liguria Marzo 2010 cointestata con mia moglie,essendo un militare ad Agosto sono stato destinato a lavorare per un anno in Egitto.La residenza nella nuova abitazione l ho richiesta a Luglio 2010 solo per me mentre la mia famiglia ha preso la residenza in Puglia a casa di mia suocera (causa mio trasferimento in Egitto)A Giugno 2011 la mia famiglia ha chiesto la residenza nella nuova abitazione.Posso scaricare la quota di interessi passivi di mia moglie?Cordiali Saluti

- Commento di paolo (23:36 del 23/08/2011)

Buongiorno, vorrei un chiarimento, io e il mio fidanzato abbiamo acquistato una casa in provincia di Modena a luglio 2010 e sul rogito è chiaramente scritto che abbiamo l'obbligo di prendere la residenza nel comune non oltre 18 mesi dalla data del rogito( 7 luglio 2010). Il mio fidanzato ha preso residentza a dicembre 2010 mentre io ad agosto 2011 perchè purtroppo io lavoro ancora in provincia di Ravenna non sono ancora riuscita a trovare lavoro in zona e nella mia casa vado solo nei week end. In questo caso abbiamo diritto alla detrazione degli interessi passivi del mutuo? Grazie Sara

- Commento di Sara (13:19 del 02/09/2011)

Buongiorno,acquistata casa a dicembre 2010 ed intestata alla mia compagna,il mutuo è cointestato...io posso scaricare gli interessi passivi non essendo proprietario? Nel caso che io non possa, lei può scaricare (dipendente a t.indeterminato) il totale degli interessi o solo il 50%? Che soluzioni ci sono per poter scaricare il totale? Grazie 1000 in antipo.

- Commento di Luca (16:17 del 06/09/2011)

Buongiorno, ho ricevuto a Settembre 2010 il rendiconto sull'ammontare degli interessi e relativi oneri accessori rimasti a carico relativi all'anno 2009......estinti questi interessi, posso sperare che le rate del mutuo possano abbassarsi? La ringrazio anticipatamente. Buona giornata!

- Commento di Paola (10:34 del 23/09/2011)

DOMANA: Buongiorno. Se scambiassi la mia casa (bilo garvato da nutuo ipotecario acceso nel 2005) con quella dei miei genitori (casa più grande non gravata da mutuo) posso continuare a detrarre gli interessi passivi sul mio mutuo? Devo invertire le residenze anagrafiche (i miei genitori presso la mia casa, ed io presso la loro) o dobbiamo solo traslocare reciprocamente? Grazie

- Commento di Flavio (10:21 del 13/10/2011)

la mia fidanzata a ereditato dalla famiglia un appartamento ancora da completare . Noi ci sposiamo l'anno prossimo. Quale mutuo ci consigliate di fare non essendo ancora sposati? o quando si puo iniziare a fare qualcosa?

- Commento di rosario (16:32 del 17/10/2011)

Buonasera, Ho acquistato una casa nel 2004. nel contratto di vendita il notaio ha riportato quale valore della compravendita il valore catastale rivalutato per un t.le di 22.000 €. Il prezzo pagato è stato di oltre 120.000€ ed il mutuo acceso di 100.000€. Il notaio dice che era lecito e spetta la detrazione del 19% sui 100.000 €. L'addetto del CAF sostiene che si possono portare in detrazione solo gli interessi per i 22.000 €. Potete aiutarmi?

- Commento di Ivano (17:43 del 21/10/2011)

Salve, vorrei sapere se posso continuare a detrarre gli interessi del mutuo prima casa anche se trasferisco la residenza in un altro comune, dove possiedo un'altra abitazione. Grazie.

- Commento di Francesco (17:04 del 29/10/2011)

buonasera, a breve prevedo di acquistare un immobile e di richiedere un mutuo ipotecario per acquisto prima casa. Nell'immobile da me acquistato dovrebbero trasferire la residenza i miei genitori ed io manterrei la residenza a casa dei miei. Dato che la norma prevede come condizione per la detrazione che la casae sia adibita ad abitazione principale, intesa come dimora abituale dell'acquirente o dei suoi familiari (coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado) posso usufruire della detrazione di imposta?

- Commento di Barbara (18:53 del 03/11/2011)

Nozione di abitazione principale per la detraibilità degli interessi passivi, come risulta dalle istruzioni all'unico persone fisiche: Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. Pertanto, la detrazione spetta al contribuente acquirente ed intestatario del contratto di mutuo, anche se l’immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado). Nel caso di separazione legale anche il coniuge separato, finché non intervenga l’annotazione della sentenza di divorzio, rientra tra i familiari. In caso di divorzio, al coniuge che ha trasferito la propria dimora abituale spetta comunque il beneficio della detrazione per la quota di competenza, se presso l’immobile hanno la propria dimora abituale i suoi familiari.

- Risposta di Luigia Lumia (18:13 del 21/11/2011) al commento di Barbara

Nel mese di giugno 2009 abbiamo acquistato ,con mutuo prima casa, un appartamento a nostro figlio studente universitario in un comune diverso da quello dove noi abbiamo la residenza. Nel mese di febbraio 2010 l'appartamento è stato affittato e nostro figlio attualmente vive in un altro appartamento di nostra proprietà. Domande: 1-Si possono detrarre gli interessi passivi? 2- mio figlio può essere considerato nucleo familiare a se? grazie

- Commento di maria margherita lai (17:26 del 25/11/2011)

per detrarre gli interessi l'immobile deve essere adibito ad abitazione principale. quindi la risposta è no.

- Risposta di Luigia Lumia (22:15 del 28/11/2011) al commento di maria margherita lai

Buonasera,vorrei alcuni chiarimenti. PREMESSA: agosto 2007 acquisto 2 appartamenti adiacenti (uno medio e l'altro piccolo),novembre 2007 stipulo l'atto dal notaio e contemporaneamente accendo un mutuo ipotecario.Appartamento medio intestato a mia moglie ,quello piccolo a mio figlio ; sull'atto notarile risultano 2 abitazioni distinte ,ma ai fini dell'ici una unica abitazione ( ho creato una apertura).Il mutuo è cointestato tra me e mia moglie e vi è divisione di beni. DOMANDA: mia moglie dal suo 730 può detrarre gli interessi passivi? e in che percentuale? e mio figlio può anche lui? grazie

- Commento di francesco (16:54 del 28/11/2011)

mi sembra che l'unica che abbia i requisiti sia sua moglie intestataria dell'immobile e intestataria del mutuo nonchè residente. Potra detrarre gli interessi rapportando il valore del mutuo al valore dell'immobile di sua proprietà. Invece: Lei è intestatario del mutuo ma non dell'immobile.. quindi no. Suo figlio è intestatario dell'immobile ma non del mutuo.....

- Risposta di Lumia Luigia (22:12 del 28/11/2011) al commento di francesco

Salve a tutti.Ho sentito dire della detrazione degli interessi passivi sul mutuo per l'acquisto della prima casa(irpef).Non sò come fare. Vorrei sapere come posso chiederli, a chi chiederli e quando chiederli. Ormai è quasi 5 anni che pago il mutuo, quindi se potete darmi qualche informazione ve ne sarei grato. grazie

- Commento di Giovanni (22:58 del 08/12/2011)

Qualcuno mi sa indicare il riferimento normativo che prevede la detrazione degli interessi passivi del mutuo per l'acquisto della prima casa ed in particolar modo al mantenimento del diritto alla detrazione, anche se l'abitazione non è più la principale a causa di un trasferimento di residenza per motivi di lavoro (forze di polizia). Grazie in anticipo e a presto.

- Commento di Pasqualino (01:47 del 22/12/2011)

Le consiglio di leggere le istruzioni alla dichiarazione dei redditi PF. Sono la fonte piu' sicura e piu semplice.

- Risposta di Luigia Lumia (22:57 del 11/01/2012) al commento di Pasqualino

buonasera,anche io ho sentito dire della detrazione degli interessi passivi sul mutuo per l'acquisto della prima casa(irpef).Non sò come fare. Vorrei sapere come posso chiederli, a chi chiederli, quando chiederli.Ormai è quasi 4 anni che pago regolarmente il mutuo si poso chiederli dei 4 ani o soltantanto uno, quindi se potete darmi qualche informazione ve ne sarei molto grato. grazie

- Commento di fernando (21:00 del 10/01/2012)

Attenzione! gli interessi passivi non vanno chiesti a rimborso, ma se si hanno dei redditi possono essere portati in detrazione. In sostanza se lei ha dei redditi puo fare la dichiarazione e beneficiare della detrazione, se non ha redditi non le spetta nessun rimborso.

- Risposta di Luigia Lumia (22:56 del 11/01/2012) al commento di fernando

Buongiorno a tutti, ho stipulato un mutuo prima casa il 02/12/2011 pagando subito con assegno, il genio del notaio ha emesso fattura solo il 24/01/12 . Posso detrarre le spese gia' quest anno o dovrò pertanto aspettare l'anno prossimo? grazie

- Commento di mirko (20:04 del 30/01/2012)

Buongiorno, l'08.04.2011 ho acquistato un'immobile con accensione mutuo prima casa. Il notaio mi ha sottolineato di cambiare la residenza entro l'anno dal rogito per poter beneficiare della detrazione sugli interessi del mutuo. Lo stesso edificio però è oggetto di Manutenzione straordinaria con regolare DIA presentata in comune il 01-07-2011; purtroppo, visti i ritardi nei lavori, non penso di riuscire a trasferire la residenza entro aprile 2012. E' vero che in questi casi son 2 gli anni per il trasferimento della stessa? e che gli interessi si detraggo da tale data? grazie mille

- Commento di betty red (15:00 del 04/02/2012)

Carissimi, vi pregherei, se possibile, di volermi illuminare sui seguenti aspetti. Premesso che sono proprietario della casa in cui vivo con mia moglie, desiderando acquistare una casa per mia figlia - che non possiede redditi - devo chiedere un mutuo in Banca che dovrà essere accollato a me e mia moglie, desidererei sapere come dovrei comportarmi per poter beneficiare dei vantaggi previsti per l'abitazione principale(tasse agevolate e scarico del 19% degli interessi passivi del mutuo). In particolare, se io e mia moglie acquistiamo l'abitazione come "nuda proprietà" con "usufrutto" a mia figlia, é comunque considerata prima casa e quindi titolata ai benefici?? Grazie per il vostro parere e buon lavoro, fm

- Commento di Fabrizio MALTINTI (15:14 del 04/02/2012)

Buongiorno a tutti, premesso che, in comunione con mia moglie, sono possessore della casa in cui vivo, dovendo comperare una casa a mia figlia – che non ha redditi e, quindi, mutuo accollato a noi – al fine di beneficiare dei vantaggi fiscali connessi con l’acquisto della prima casa, possiamo, mia moglie ed io, acquistare la nuova abitazione come “nuda proprietà” (con mia figlia come “usufruttuaria”) ??? Grazie e buon lavoro, fm

- Commento di Fabrizio Maltinti (18:25 del 04/02/2012)

Nel mese di aprile 2012 immobile con mutuo ipotecario per acquisto prima casa. L'immobile sarà intestato solo a me con rinuncia in atto di compravendita da parte di mio marito, in quanto siamo in comunione dei beni. Nella dichiarazione dei redditi posso usufruire della detrazione di imposta per il 19% dell'intera quota di interessi sostenuti? Grazie

- Commento di Barbara (18:38 del 10/02/2012)

Nel 1980 ho acquistato un appartamento con mutuo prima casa , vi ho preso la residenza e tutt'ora vi abito. Nel corso degli anni ho detratto gli interessi passivi. Nel 2010 ho acquistato un ulteriore appartamento con mutuo NON prima casa. Adesso sono in pensione e vorrei trasferire la mia residenza nel nuovo appartamento. Gli interessi passivi sono deducibili dal trasferimento della mia residenza o non possono essere detratti perchè quando l'ho acquistato ho fatto un mutuo non prima casa. Grazie

- Commento di enzo (08:50 del 25/02/2012)

Nel mese di luglio 2008, unitamente a mia figlia ho acquistato un immobile quale prima abitazione. Nell'atto di compravendita vi è scritto che, entro 18 mesi si doveva effettuare il cambio di residenza. Tale atto è stato effettuato nel limite stabilito. Nella dichirazione dei redditi del 2009, mia figlia, mutuataria, ha potuto scaricare gli interessi passivi delle rate pagate nel 2008.

Nella successiva dichiarazione dei redditi effettuata nel 2010 tramite il C.A.F., sono stato informato che non si potevano detrarre più gli interessi passini delle rate muto pagate nel 2009, poichè, mia figlia, mutuataria, non ha effettuato il cambio di residenza entro i 12 mesi dall'acquisto dell'immobile.

Premetto che il mutuo è di 35 anni;

che si tratta di prima abitazione;

che io e mia figlia, per motivi di lavoro abbiamo l'abituale dimora in un'altro Comune;

che l'abitazione de qua è vuota e non è stata data mai in affitto.

Considerato che ogni anno le rate pagate ammontano a circa 13.000,00 €, e gli interesii passivi gia perduti ammontano a circa 800 euro l'anno,desidero sapere se vi è una possibilità diretta a ripristinare questa "italiana" allucinante vicenda. Grazie. Giuseppe

- Commento di Giuseppe (10:18 del 14/03/2012)

sono un militare,se acquisto un appartamento posso detrarre gli interessi passivi del mutuo contratto anche se l'immobile viene dato in locazione? io dimoro abitualmente su una nave stando in Marina.pero' la residenza e' presso la casa dei miei genitori,ovvero dove e' situato l'immobile da comprare.grazie in anticipo,e complimenti per il sito.

- Commento di gioalex (18:39 del 16/03/2012)

Salve, avendo acquistato l'abitazione principale nel mese di gennaio 2011 e contratto un mutuo ipotecario nello stesso mese, vorrei sapere se è possibile detrarre gli interessi passivi, oneri accessori e spese notarili relative al mutuo per un totale che supera i 4.000,00 € ed eventualmente la rimanenza tramite il mod. 730 dell'anno prossimo. Grazie.

- Commento di Domenico (14:48 del 30/04/2012)

Buongiorno, il mio quesito è questo: ho acquistato una casa da ristrutturare a luglio 2011, la DIA è di agosto 2011, il mutuo ipotecario è stato stipulato ad aprile 2012, ho ancora diritto alla detrazione fiscali degli ineterssi sul mutuo? grazie saluti

- Commento di BARBARA (10:44 del 10/05/2012)

buongiorno io ho acquistato casa e stipulato un mutuo nel 2007. abitazione e contratto di mutuo entrambi intestati a me al 100%. Sono coniugata in regime di comunione dei beni ma da due anni non lavoro. Il mio consulente fiscale mi ha detto che non avendo reddito non posso recuperare nè gli interessi del mutuo nè la quinta rata decennale delle detrazioni del 36% per il recupero edilizio (acquisto del box pertinenziale con bonifico e fattura a mio carico). E' corretto? nel caso che mio marito si accolli il mutuo che attualmente effettivamente grava su di lui potrebbe portare lui in detrazione quanto di mia spettanza come attualmente avviene solo per le spese mediche?

- Commento di elena (15:34 del 10/05/2012)

Ho diritto al rimborso degli interessi passivi del mutuo per acquisto appartamento con benefici prima casa? già affittata con regolare contratto di locazione.

- Commento di francesco (16:55 del 10/05/2012)

VOREI SAPERE COME POSSO AVERE ATTESTAZIONE INTERESSI ED ONERI ANNO 2011.

- Commento di NICOLA CASCARANO (14:57 del 11/05/2012)

Gradirei sapere se avendo stipulato l'atto di mutuo e di acquisto lo stesso giorno spettano le detrazioni per gli interessi passivi nel 730

- Commento di antonino (12:50 del 16/05/2012)

Abitazione intestata al 50 % ai due coniugi. Mutuo ipotecario solo ad un coniuge. L'altro non è fiscalmente a carico. Per il coniuge intestatario del mutuo la detrazione spetta su un importo massmo di euro 4.000,00 2.000,00?

- Commento di Fabio Sorbello (10:44 del 17/05/2012)

Buongiorno, La Circolare dell'Agenzia n. 17 del 18 maggio 2006, al punto 7, (può scaricare il testo della Circolare cliccando qui) ha fornito chiarimenti proprio in merito al caso di acquisto congiunto tra i coniugi dell'immobile e stipula del mutuo da parte di uno solo di essi.

Secondo quanto chiarito dalla Circolare in questione, il coniuge che ha stipulato un contratto di mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale in comproprietà con l’altro coniuge (che non ha stipulato il contratto di mutuo) può esercitare la detrazione in relazione a tutti gli interessi pagati (e non solo sul 50%). Inoltre, ai fini della valutazione di congruità tra capitale preso a mutuo e valore dell’immobile, necessaria per la corretta detrazione degli interessi detraibili, può considerare l’intero prezzo pattuito per l’acquisto dell’immobile quale risulta dall’atto di acquisto.

- Risposta di Claudia Tossani (15:28 del 04/06/2012) al commento di Fabio Sorbello

Abitazione intestata al 50 % ai due coniugi. Mutuo ipotecario al 50 %tra me e il mio coniuge.è la detrazione spetta su un importo massmo di euro 4.000,00 o 2.000,00 a persona? entrambi con cud mutuo stipulato il 25/05/2008

- Commento di raffaele (13:21 del 18/05/2012)

La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro.
In caso di contitolarità del contratto di mutuo, questo limite si riferisce all’ammontare complessivo degli interessi, oneri accessori e quote di rivalutazione sostenuti (per esempio i coniugi non fiscalmente a carico l’uno dell’altro cointestatari in parti uguali del mutuo che grava sulla abitazione principale acquistata in comproprietà possono indicare al massimo un importo di 2.000,00 euro ciascuno).
Se invece il mutuo è cointestato con il coniuge fiscalmente a carico, il coniuge che sostiene interamente la spesa può fruire della detrazione per entrambe le quote di interessi passivi.

- Risposta di Claudia Tossani (17:38 del 21/05/2012) al commento di raffaele

Gentile Lumia, ho acquistato stipulando un mutuo, un immobile nel 2007 ed e' stato abitazione principale fino al 2011, quando mi sono sposata ed ho preso residenza nella casa di proprietà di mio marito. Contestualmente, nel 2011, ho dato in comodato d'uso gratuito registrato a mio padre, l'immobile da me acquistato nel 2007. Il mio immobile è equiparabile ad abitazione principale? Ho ancora diritto alla detrazione degli interessi passivi sul mio mutuo? Grazie per la risposta

- Commento di eva (21:42 del 18/05/2012)

Purtroppo l'abitazione non puo' piu' considerarsi prima casa nei ai fini Irpef, nè ai fini IMU.

- Commento di Luigia Lumia (16:06 del 19/05/2012)

Gentile Lumia, La ringrazio per il riscontro. Riportando io la residenza nell'immobile di cui sopra (acquistato nel 2007 e abitazione principale fino al 2011), riacquisisco il diritto alla detrazione degli interessi passivi del mutuo? In questo caso pur essendo sposati io e mio marito avremmo due residenze diverse. Grazie ancora.

- Commento di eva (09:56 del 21/05/2012)

Buongiorno,
La Circolare dell'Agenzia n. 17 del 18 maggio 2006, al punto 7, (può scaricare il testo della Circolare cliccando qui) ha fornito chiarimenti proprio in merito al caso di acquisto congiunto tra i coniugi dell'immobile e stipula del mutuo da parte di uno solo di essi.

Secondo quanto chiarito dalla Circolare in questione, il coniuge che ha stipulato un contratto di mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale in comproprietà con l’altro coniuge (che non ha stipulato il contratto di mutuo) può esercitare la detrazione in relazione a tutti gli interessi pagati (e non solo sul 50%).
Inoltre, ai fini della valutazione di congruità tra capitale preso a mutuo e valore dell’immobile, necessaria per la corretta detrazione degli interessi detraibili, può considerare l’intero prezzo pattuito per l’acquisto dell’immobile quale risulta dall’atto di acquisto.

- Commento di Claudia Tossani (17:59 del 21/05/2012)

mutuo ristrutturazione prima casa. Fattura notaio datata dicembre 2011, pagamentio mutuo prima rata nel 2012. E' detraibile la sola fattura del notaio?

- Commento di GRASSO (13:14 del 29/05/2012)

DOMANDA: Ho acquistato una casa nel gannaio 2011 intestandola solo a me, il mutuo però è stato fatto COINTESTATO con la mia ragazza. In questo modo perdo il 50 % di detrazioni fiscali degli interessi giusto(posso detrarre massimo 2000 €)? Come posso fare per non perdere la parte dettraibile della mia ragazza? Grazie....ANDREA

- Commento di Andrea (13:42 del 01/06/2012)

Gli interessi passivi ed i relativi oneri accessori, dovuti in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili contratti per l'acquisto di immobile da adibire ad abitazione principale entro un anno, sono da suddividere tra gli eventuali contitolari.

La tua ragazza dovrebbe acquisire (tramite cessione a titolo oneroso o donazione) una quota dell'immobile per detrarre il 19 % degli interessi passivi ed oneri accessori.Per questa cosa è necessario andare dal Notaio ed informare la banca, che tramite nuova istruttoria, dovrà modificare la garanzia immobiliare a suo sostegno.

Marco

Marco

- Risposta di Marco (17:34 del 04/06/2012) al commento di Andrea

Grazie Mille Marco, molto gentile. Ho provato ad informarmi però mi hanno detto che questa cosa avrei dovuta farla entro un'anno dall'acquisto dell'immobile. ne sai qualcosa di più? Sinceramente da un notaio vero e proprio devo ancora andare ad informarmi. Grazie

- Risposta di Andrea (14:37 del 09/06/2012) al commento di Marco

DOMANDA: nel 2009 mia moglie ha acquistato la prima casa in separazione dei beni, il mutuo è stato intestato ad entrambi i coniugi residenti nella stessa abitazione, la detrazione degli interessi passivi spetta solo al proprietario della casa o anche al cointestatario del mutuo? Grazie Gerardo

- Commento di Gerardo (11:18 del 02/06/2012)

FIGLIA SENZA REDDITO A CARICO DEL PADRE. IMMOBILE CON MUTUO DI CUI FIGLIA RESIDENTE COME ABITAZIONE PRINCIPALE CON NUDA PROPRIETA' E PADRE USUFRUTTUARIO INTESTATARIO DEL MUTUO. CHI E SE PUO' DETRARRE? GRAZIE MILLE

- Commento di LUISA MARIA (11:06 del 04/06/2012)

Le istruzioni per la compilazione dell'Unico Persone fisiche dicono "La detrazione d’imposta spetta agli acquirenti che siano contestualmente contraenti del mutuo ipotecario, La detrazione spetta anche al “nudo proprietario” (e cioè al proprietario dell’immobile gravato, ad esempio, da un usufrutto in favore di altra persona) sempre che ricorrano tutte le condizioni richieste, mentre non compete mai all’usufruttuario in quanto lo stesso non acquista l’unità immobiliare. In sostanza il padre usufruttuario non avrebbe il diritto a detrarre tali spese.

- Risposta di yassine (19:16 del 18/07/2012) al commento di LUISA MARIA

Buongiorno a tutti. Domanda: io e mio marito acquistiamo un immobile da ristrutturare nell'agosto 2010 (che già aveva permesso di costruire, rilasciato nel settembre 2009), ed avviamo i lavori. A causa di intoppi vari, è possibile che non si riesca a far il cambio di residenza entro agosto 2012 (trascorsi i 2 anni dall'acquisto la detrazione decade); il mio geometra mi dice che è possibile far rischiesta all'Agenzia delle Entrate per ottenere una proroga rispetto ai 2 anni, se il primo permesso di costruire risale a non prima d tre anni dall'agosto 2012 (e nel nostro caso è così).. non trovo però conferme, è vero? Grazie a tutti

- Commento di Annette (10:30 del 07/06/2012)

Io e mia moglie quando ci siamo sposati abbiamo comprato l'abitrazione principale stipulando un contratto di mutuo, dopo qualche anno ci siamo separati e la casa coniugale è stata assegnata alla mia ex moglie, adesso ho acquistato una nuova casa stipulando un nuovo mutuo, però mi chiedo se posso detrarre ambedue i mutui, in considerazione del fatto che sto pagando ancira il 1° mutuo

- Commento di Francesco (17:58 del 05/07/2012)

Le istruzioni per la compilazione del modello unico persone fisiche recitano "In caso di divorzio, al coniuge che ha trasferito la propria dimora abituale spetta comunque il beneficio della detrazione per la quota di competenza, se presso l’immobile hanno la propria dimora abituale i suoi familiari". In altre parole lei può continuare a detrarsi le gli interessi per il primo mutuo solo se ha avuto figli con la ex-moglie che sono rimasti a vivere nella casa assegnata.

- Risposta di yassine (19:09 del 18/07/2012) al commento di Francesco

Buonasera. L'appartamento dove abito è intestato a mia moglie,mentre il mutuo è a nome di tutti e due. Mia moglie non lavora; posso io detrarre le spese del mutuo, pur non essendo proprietario di casa?

- Commento di Roberto (17:12 del 11/07/2012)

Ho lo stesso problema. Ci sono aggiornamenti a questa domanda?

- Risposta di Antonio (16:04 del 30/07/2012) al commento di Roberto

Salve, vorrei sapere se posso detrarre gli interessi passivi del mutuo anche se non sono proprietario del bene, ma la proprietaria è la moglie convivente in regime di separazione dei beni.ho contratto il mutuo nell'anno 2008. Attendo risposte in merito. Ho il controllo dell'agenzia delle entrate, i quali dicono che se di un bene non si a titolo non si possono detrarre gli interessi. Secondo un opinione personale è sbagliato perché a pagare il mutuo compreso gli interessi sono io e non il proprietario.Saluti Antony.

- Commento di Tony (16:00 del 30/07/2012)

Purtroppo no, non può detrarre gli interessi passivi del mutuo se non è proprietario dell'immobile. Come indicato anche nelle istruzioni di Unico 2012, i soggetti ammessi alla detrazione devono essere acquirenti e contestualmente contraenti del mutuo : "La detrazione d’imposta spetta agli acquirenti che siano contestualmente contraenti del mutuo ipotecario. La detrazione spetta anche al “nudo proprietario” (e cioè al proprietario dell’immobile gravato, ad esempio, da un usufrutto in favore di altra persona) sempre che ricorrano tutte le condizioni richieste, mentre non compete mai all’usufruttuario in quanto lo stesso non acquista l’unità immobiliare."

- Commento di Claudia Tossani (16:48 del 30/07/2012)

Salve, ho comprato un terreno edificabile nel gennaio 2010, e cominciato a costruire nel giugno di quell'anno. Per problemi legati alla mancata concessione della variante richiesta (avevo acquistato il terreno con progetto approvato, ho dovuto cominciare i lavori perché c'era il rischio concreto che togliessero la concessione), sono stato fermo quasi un anno e adesso devo chiedere un mutuo per il completamento dei lavori. So dell'assurdo limite dei 18 mesi dalla data di inizio lavori, però un bancario che ho contattato per il mutuo mi ha detto che esiste una sentenza che definisce irragionevole questo termine. Nessuno di voi sa niente in proposito? Grazie e cordiali saluti

- Commento di Francesco (12:40 del 05/09/2012)

Ho acquistato la mia prima casa nel 2009 con un mutuo. Nel 2013 mi sono sposato. Ho conservato la residenza nel mio unico alloggio pur abitando di fatto nell'appartamento di mia moglie. Posso ancora detrarre gli interessi passivi del mio mutuo?

- Risposta di FRANCESCO (13:23 del 21/03/2014) al commento di Francesco

Mi scusi perchè non chiede al bancario gli estremi della sentenza e poi la condivide con noi?

- Commento di Luigia Lumia (21:12 del 05/09/2012)

MI è stato chiesto di documentare la dichiarazione redditi del 2010. Alla presentazione del contratto di acquisto della casa e di quello di mutuo , mi è stato contestato che in quest'ultimo non era espresso chiaramente che il mutuo era agevolato per prima casa, come invece indicato nel contratto di acquisto. Ma se il mutuo è stato concesso per quella abitazione che è prima casa c'è bisogno che ci sia scritto espressamente? La norma non mi sembra che lo dica in questi termini. Grazie e saluti

- Commento di Pier Luigi (12:59 del 27/09/2012)

Buongiorno, avrei bisogno di una delucidazione per quantro riguarda le detrazioni su mutuo. Possiedo un appartamento , acquistato come prima casa ove ho regolarmente la residenza. Per motivi di lavoro l'ho affittato per dodici mesi con contratto transitorio. Ho scoperto che l'inquilino ha messo la residenza per motivi personali. In comune mi hanno detto che risulta comunque su stati di famiglia separati. Ma per quanto riguarda la detrazione interessi passivi del mutuo risultando anche un'altra persona residente incorro in qualche problema? Posso scaricarli gli interessi passivi maturati nel periodo in cui questo inquilino ha trasferito la residenza? Grazie per l'attenzione.

- Commento di Armando (11:28 del 05/10/2012)

Buongiorno, per il periodo in cui l'inquilino ha stabilito la residenza lei ha diritto a detrarre gli interessi sul mutuo.

- Risposta di yassine (16:15 del 05/10/2012) al commento di Armando

Ho stipulato un mutuo per l'acquisto di un immobile e solo successivamente, dopo qualche mese, ho venduto l'appartamento dove vivevo che era prima casa. L'acquisto del secondo appartamento e' stato completato quindi come seconda casa. Il mio commercialista mi dice che non c'e alcuna possibilita' di portare in detrazione gli interessi passivi del mutuo perche' e' stato acceso per l'acquisto di una seconda casa e non importa se questa e' diventata prima casa. Preciso che in questo appartamento non ho la residenza perche' nel frattempo mi sono sposato e sono residente nell'appartamento di proprieta' di mia moglie. Volevo avere una conferma circa l'impossibilità di portare in detrazione gli interessi passivi del mutuo

- Commento di Francesco (21:12 del 16/10/2012)

salve,a novembre 2012 ho trasferito la mia residenza in un altro paese,posso detrarre lo stesso gli interessi passivi sulla 1 casa?

- Commento di adriano (18:27 del 17/02/2013)

volevo sapere io ho un mutuo di 40mila € da 4mesi sulla casa(valore 130mila€ secondo il perito della banca) che estinguero(spero) in 5 anni, h xo' devo rifare il tetto(piu' o meno 25mila€) è possibile che la banca me lo conceda per estinguerlo in 5anni(è possibile tra l'altro avere il mutuo?) e avrei come garanti i miei genitori, grazie per le info

- Commento di marco (18:02 del 13/04/2013)

se compro una casa intestandola ai miei figli con usufrutto mio faccio il mutuo posso scaricare gli interessi passivi

- Commento di paolo (07:20 del 27/04/2013)

Buonasera, ho stipulato un contratto di mutuo per acquisto prima casa in data 23/07/2012, saldando fino al 31/12/2012 n. 5 rate. nel 730/2013 potrò detrarre gli interessi passivi solo di 5 rate? Se le spese di istruttoria sono incluse nel muto, le posso ugualmente detrarre come oneri accessori?

- Commento di Giuseppe (22:52 del 10/05/2013)

ho acquistato una casa intestandola a mia figlia con il mutuo a mio carico. posso detrarre gli interessi passivi a mio nome? faccio presente che mia figlia non percepisce alcun reddito.

- Commento di ennio salvatore (17:23 del 14/05/2013)

ho acquistato una casa intestandola a mia figlia con il mutuo a mio carico. posso detrarre gli interessi passivi a mio nome? faccio presente che mia figlia non percepisce alcun reddito

- Risposta di ennio salvatore (08:08 del 18/05/2013) al commento di ennio salvatore

Salve, ho stipulato un mutuo ipotecartio per ritrutturazione ad aprile 2008. Ho precedentemente presentato regolare DIA. Nel 730/09 ho inserito la quota di interessi passivi calcolata con le fatture che documentavano le spese sostenute. Alcune fatture erano però antecedenti la data di stipula del muuto, gen., feb. e mar. 2008. La domanda è: le fatture del 2008 antecedenti la data di stipula del mutuo possono comunque essere sommate per il calcolo della quota di interessi passivi da detrarre? Grazie.

- Commento di romeo loffredo (22:01 del 22/05/2013)

In merito alle derazione degli interessi passivi sulla prima casa vorrei come mai non e'possibile scaricarsi gli interessi su un mutuo con le seguenti caratteristiche:Ho acquistato un appartamento alle seguent condizioni.mia figlia proprietaria dell'appartamento,io sono l'intestatario del mutuo.Morale ne a me ne a mia figlia e' consentito detrarre gli interessi.Vorrei una vostra interpretazione di quanto sopra.Grazie

- Commento di vincenzo (18:14 del 22/06/2013)

Salve, ho acquistato una casa a Novembre 2011 a Pescara e vi ho trasferito la mia residenza a Luglio 2012. Ora, per motivi di lavoro mi devo trasferire a Roma e cambiare residenza e abitazione principale. Ora la casa di Pescara diventerà una 2^ casa e dovrò pagare le tasse per tale tipologia e non potrò neanche detrarre gli interessi del mutuo sulla stessa, OK. Però vorrei sapere se vado incontro a sanzioni per aver acquistato la casa con l'IVA agevolata al 4%. Io la residenza l'ho trasferita nei termini, ma ora devo ricambiarla. Non sono ancora riuscito ad avere la certezza di questo e spero nel vostro aiuto

- Commento di Massimo (11:53 del 17/10/2013)

L'agevolazione all'acquisto contrariamente a quella degli interessi non richiede la residenza, e quindi la risposta è che nel caso di trasferimento della residenza non perde la detrazione. La detrazione si perde se vende la casa prima di cinque anni senza riacquistarne un'altra entro un anno. Ma direi che non è il suo problema.

- Risposta di Luigia Lumia (09:56 del 21/10/2013) al commento di Massimo

GENTILISSIMO, HO STIPULATO UN MUTUO IPOTECARIO PER RISTRUTTURAZIONE 1° CASA. NON HO CHIESTO LA DETRAZIONE IRPEF, POSSO SCARICARE GLI INTERESSI PASSIVI SUL 7/30 QUALI DOCUMENTI SERVANO. GRAZIE FRANCESCO.

- Commento di FRANCESCO (15:01 del 25/10/2013)

Gentilmente volevo sapere per un mutuo con finalità acquisto e ristrutturazione prima casa entro quanti mesi sono obbligato a prendere la residenza per non perdere la deducibilita' degli interessi passivi?grazie

- Commento di enrico (00:33 del 04/12/2013)

La detrazione spetta a condizione che l’immobile sia adibito ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto, e che l’acquisto sia avvenuto nell’anno antecedente o successivo al mutuo.
Se l’immobile acquistato è sottoposto a ristrutturazione edilizia, la detrazione spetta dalla data in cui viene adibito ad abitazione principale, purché questo avvenga sempre entro due anni dall’acquisto. (vd. Istruzioni Modello 730/2013 pag.35).

Pertanto riepilogando, la detrazione del 19% sugli Interessi passivi sul mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale spetta a condizione che:
• l’immobile sia adibito ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto (entro due anni dall’acquisto se l’immobile acquistato è sottoposto a ristrutturazione edilizia). La condizione di dimora abituale deve sussistere nel periodo d’imposta per il quale si chiedono le detrazioni, con eccezione delle variazioni di domicilio dipendenti da trasferimenti per motivi di lavoro
l’acquisto dell’immobile avvenga entro un anno antecedente o successivo alla stipulazione del contratto di mutuo ipotecario.
Ciò significa che si può prima acquistare ed entro un anno stipulare il contratto di mutuo, oppure prima stipulare il contratto di mutuo ed entro un anno quello di acquisto.

- Commento di Claudia Tossani (10:50 del 05/12/2013)

Purtroppo nel suo caso è così, infatti, come da istruzioni ministeriali, la detrazione spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo, anche se l'immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare(coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).
Di conseguenza la detrazione non spetta per l’acquisto di una casa da parte di un familiare, come ad esempio nel caso in cui il genitore si intesti il mutuo per l’acquisto della casa del figlio.

Do conseguenza potremmo avere queste ipotesi:
- se il genitore contrae il mutuo per consentire l’acquisto dell’abitazione alla figlia (mutuo contratto a nome del genitore e proprietà intestata alla figlia): gli interessi passivi non saranno detraibili (questo è il vostro caso);
- se il genitore è titolare del mutuo, e acquista la nuda proprietà dell'immobile lasciando l’usufrutto alla figlia, che adibisce l’immobile ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto: gli interessi passivi saranno interamente detraibili dal genitore (sempre che il genitore non abbia già contratto un mutuo per l’acquisto della sua abitazione principale); Quest'ultima ipotesi era probabilmente quella da seguire, ovvero i genitori avrebbero dovuto comprare casa, intestarsi il mutuo e quindi destinarla poi all’abitazione principale della figlia.

- Commento di Claudia Tossani (11:24 del 05/12/2013)

Salve, il mio compagno ha una casa dove abita con i suoi genitori,tutti e tre sono cointestatari del mutuo ma la propieta' della casa e' del mio compagno mentre loro sono usufruttuari, puo' il mio compagno detrarre il mutuo al 100%? O puo' detrarre di meno perche' anche loro sono cointestatari del mutuo?GRAZIE

- Commento di MELISSA (21:30 del 17/12/2013)

Salve mia moglie ed io abbiamo in comproprietà un immobile di cui è stato richiesto regolare atto notarile di mutuo (la banca ci impose all'epoca della stipula, circa 2007, la tipologia edilizia). Da circa 5 anni i CAF a cui mi rivolgo per la compilazione del 730 si rifiutano di chiedere il rimborso degli interessi passivi in quanto chiedono la presentazione della documentazione, dei lavori effettuati all'epoca del progetto, ovviamente non più esistente (in gran parte). Eppure questo fatto mi sembra andare in contrasto con le leggi costituzionali vigenti .... qualcuno può darmi un'indicazione in merito? Grazie

- Commento di Massimo Petracca (09:29 del 13/01/2014)

Buonasera, vorrei se possibile una delucidazione, ho acquistato casa l'anno scorso (prima casa), rogitandola con regolare atto dal notaio, la casa è sotto la regolamentazione di edilizia agevolata, ovvero ho il possesso della proprietà ma non quello della superficie, ma fortunatamente come già detto, ho già rogitato l appartamento con validita' differita a 8 anni( dando un anticipo di quasi metà del valore dell'appartamento),al termine dei quali divento l'effettivo proprietario. Durante questi 8 anni però, avendo riscattato il mutuo del costruttore, accollandolo a mio nome, ed essendo sulla carta ancora il costruttore il proprietario, sono legato a quest'ultimo da un contratto d'affitto ( regolare contratto 4+4 anni), affitto che va a scalarsi dalla cifra totale rimanente dell'appartamento. Ora la mia domanda è, essendo stato accollato a mio nome il mutuo, anche se risulta essere sulla carta un contratto d'affitto col costruttore, posso scalarmi gli interessi passivi sul 730?? da specificare che io pago il rid bancario del cosiddetto affitto/mutuo direttamente alla banca. So che il concetto è un pò complicato, ma se qualcuno sapesse aiutarmi dandomi delle informazioni ne sarei davvero grato. Ringrazio anticipatamente.

- Commento di fabrizio (02:00 del 20/01/2014)

Siamo proprietari di casa ed abbiamo usufruito delle agevolazioni come prima casa. Ora abbiamo acquistato una seconda casa nello stesso comune pagando l'iva e le spese come tale. Abbiamo portato la residenza in quest'ultima, ai fini del mutuo, possiamo detrarre gli interessi passivi?

- Commento di Michele (16:42 del 19/02/2014)

Purtroppo no. Se dopo essere andati ad abitare nell’appartamento acquistato con il mutuo ci si trasferisce altrove, si perde il diritto alla detrazione, a partire dall’anno di imposta successivo a quello nel quale si lascia l’appartamento. In pratica si può stare fuori casa per un anno intero senza perdere la detrazione. Dall’anno successivo, invece, l’agevolazione non è più riconosciuta. Se però si torna ad abitare nell’appartamento è possibile avere di nuovo la detrazione.

- Risposta di Claudia Tossani (13:13 del 20/02/2014) al commento di Michele

Due coniugi, in regime di comunione, hanno avuto assegnata una casa dalla coop. edilizia di cui facevano parte. Hanno stipulato il rogito in cui il Notaio dava atto che l'acquisto era in comunione legale dei beni e come corrispettivo riportava che l'alloggio sarebbe stato pagato con l'accollo del mutuo riportato in atto. Non so come ma, il mutuo risulta solamente intestato solo alla moglie casalinga mentre dell'altro coniuge, lavoratore dipendente, che potrebbe detrarre gli interessi passivi, non risulta nulla. E' possibile che i sede di accollo del mutuo la banca abbia fatto un errore? Cosa fare per rimediare. GHrazie anticipate. G. Schembri

- Commento di giuseppe schembri (12:20 del 24/03/2014)

Buongiorno, vorrei sapere perchè non possiamo detrarre il mutuo della prima casa. Un caaf ci ha detto perchè la casa è intestata a nostro figlio (che non percepisce reddito da lavoro dipendente)per il 90% e noi coniugi abbiamo la quota della casa per il 5% cadauno. Grazie per la risposta e cordiali saluti

- Commento di carla anna gai (15:19 del 04/04/2014)

Abbiamo la prima casa intestata al 90% a nostro figlio e il 10% ripartito tra me e mio marito. Il mutuo è intestato a nostro figlio però lo paghiamo noi genitori. Al caf ci hanno detto che non possiamo detrarre le spese del mutuo perchè l'immobile è intestato al 5% a ciascuno di noi genitori. Finora abbiamo detratto le spese del mutuo. E' cambiamo qualcosa al riguardo ? Grazie per la risposta e cordiali saluti

- Commento di carla anna gai (16:25 del 14/04/2014)

Nel 2007 ho stipulato mutuo per ristrutturazione prima casa. Dall'anno successivo e fino ad oggi ho portato in detrazione irpef il 19% degli interessi passivi. Lo scorso anno l'agenzia delle entrate ha fatto la verifica del 730 e mi ha richiesto i documenti per dimostrare gli interessi passivi del mutuo.re Quando glieli ho portati, non contenti, mi hanno chiesto anche le fattue relativi bonifici atti a dimostrare come avevo speso i soldi del mutuo!!!!! Ora sono qui a chiedere se qualcuno sa dirmi, visto che non ho trovato da nessuna parte, se sono tenuto a giustificare le spese per la ristrutturazione di casa o no??? Saluti a tutti

Massimiliano

- Commento di Massimiliano (15:48 del 29/04/2014)

Buon giorno in merito alla questione della detraibilita' sugli interressi passivi sono a formularvi la segente domanda, sono propietario di un abitazione nella cuale non vi risiedo dal 2009 a causa di una separazione, attualmente in questa abitazione vi risiedono la mia ex moglie e mia figlia, la domanda che vi faccio e' posso continuare a scaricare gli intressi passivi anche non essendo piu' residente

- Commento di Luca (06:50 del 06/06/2014)

buongiorno.ho firmato un rogito il 28 maggio del 2014, il mutuo lo sto pagando da giugno. nella casa nuova ci abiterò a ottobre. volevo chiedere se il sottoscritto provvede a fare il cambio di residenza a settembre posso nel 730 2015 detrarre il 19% degli interessi passivi anche di giugno, luglio, agosto e settembre oppure solo dei mesi successivi al cambio di residenza? Angelo

- Commento di Angelo (14:03 del 08/07/2014)

Buon giorno. Un caso che mai ho visto proporre e finora nessuno ha saputo risolvere: Appartamento acquistato dal padre (intestatario anche del mutuo, viene adibito ad abitazione principale del figlio e quindi il padre detrae gli interessi passivi. Se il figlio viene trasferito per motivi di lavoro (e non a domanda)e la casa viene locata, spetta ugualmente la detrazione degli interessi passivi? In altre parole, l'eccezione del trasferimento per motivi di lavoro non vale anche se ad abitarlo e quindi a trasferirsi è il figlio? Vi sono pareri dell'A. d. E.?

- Commento di Maro Rosetta (10:37 del 16/07/2014)

Ho contratto un mutuo per acquisto 1 casa tramite cooperativa edilizia. Purtroppo i lavori vanno a rilento per problemi legali con vecchio ingegnere. Non potendo avere ancira la residenza, posso continuare a fruire degli interessi passivi?..

- Commento di raffaele (18:28 del 19/11/2014)

Buonasera, vi spiego brevemente la casistica e vi chiedo un consiglio: -Ho acquistato nel Febbraio 2010 un'abitazione con agevolazioni prima casa. Allo stato attuale detraggo gli interessi passivi. -Da Gennaio 2015 verrà locata. -La mia coniuge diventerà titolare di prima casa in altro Comune a partire dai primi mesi del 2015. La mia domanda: Poiché cessano da parte mia le detrazioni interessi passivi mutuo sulla mia prima casa poiché locata, avendo mia moglie a carico, posso in qualche modo detrarre gli interessi del nuovo mutuo (risultando cointestatario mutuo ma non proprietario)????? Grazie

- Commento di Roberto (01:23 del 27/11/2014)

Buonasera. Vorrei sapere come funziona la detraibilità degli interessi passivi nel seguente caso: ho stipulato un contratto di mutuo nel 2003 cointestato che poi ho estinto nel 2011, contestualmente alla estinzione ne ho stipulato un altro con quota al 100%. Ovviamente sempre per la stessa abitazione principale. la quota di importo massimo in detraibilità è di 4000 euro? o resta di 2000?

- Commento di Giuseppe (17:58 del 05/12/2014)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE